Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
venerdì 21 giugno 2024
 
Vaticano, il nuovo dicastero
 

Papa Francesco: «Ai migranti ci penso io»

01/09/2016  Ulteriore passo sulla via della riforma del Governo della Chiesa, il nuovo organismo nascerà ufficialmente il 1° gennaio 2017 e assorbirà quattro Pontifici consigli: Giustizia e Pace, Cor Unum, Pastorale dei migranti e quello per gli operatori sanitari.La novità è che papa Francesco ha tenuto per sé la sezione che si occuperà specificamente di profughi e migranti.

Si chiama “Servizio dello sviluppo umano integrale” e nasce dall’accorpamento di quattro precedenti dicasteri della Curia romana. Ulteriore passo sulla via della riforma del Governo della Chiesa, il nuovo organismo nascerà ufficialmente il 1° gennaio 2017 e assorbirà quattro Pontifici consigli: Giustizia e Pace, Cor Unum, Pastorale dei migranti e quello per gli operatori sanitari. A presiederlo sarà il cardinale ghanese Peter Kodwo Appiah Turkson, attuale presidente del Pontificio consiglio della Giustizia e della Pace.

Ma c’è un ulteriore novità: nel “motu proprio” con cui ha istituito il nuovo dicastero (dal titolo “Humanam progressionem”), papa Francesco ha tenuto per sé la sezione che si occuperà specificamente di profughi e migranti. L’attribuzione è “ad tempus”, cioè temporanea, ma esprime con chiarezza la passione del cuore con cui Francesco segue le sorti sempre più difficili di quelli che sono costretti a lasciare la propria casa e i propri affetti.

Nel documento che istituisce il nuovo dicastero il Papa ricorda che “lo sviluppo integrale dell’uomo alla luce del Vangelo”, che la Chiesa è chiamata a promuovere “in tutto il suo essere e in tutto il suo agire”, si attua “mediante la cura per i beni incommensurabili della giustizia, della pace e della salvaguardia del Creato”. L’organismo, dunque, “sarà particolarmente competente nelle questioni che riguardano le migrazioni, i bisognosi, gli ammalati e gli esclusi, gli emarginati e le vittime dei conflitti armati e delle catastrofi naturali, i carcerati, i disoccupati e le vittime di qualunque forma di schiavitù e di tortura”.

Per svolgere questi compiti importanti il “Servizio dello sviluppo umano integrale” raccoglierà “notizie e risultati di indagini circa la giustizia e la pace, il progresso dei popoli, la promozione e la tutela della dignità e dei diritti umani” e tutte le altre materie sulle quali si estende la sua competenza, dal commercio di essere umani alla pena di morte, alle guerre e le loro conseguenze sulle popolazioni e sull’ambiente.

Multimedia
I bagnini spagnoli aiutano i migranti sulle coste greche
Correlati
I bagnini spagnoli aiutano i migranti sulle coste greche
Correlati
A Berlino i parlamentari tedeschi sul gommone dei migranti davanti al Bundestag
Correlati
I vostri commenti
35

Stai visualizzando  dei 35 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo