logo san paolo
martedì 11 agosto 2020
 
dossier
 

II papa alle vittime degli abusi: "Ho provato dolore e vergogna".

27/09/2015  Papa Francesco incontra un gruppo di vittime di abusi sessuali. "Ho provato vergogna e dolore. Dio stesso piange", dice ai vescovi spronandoli a non nascondere mai più questi crimini. E poi, in carcere, invita i detenuti alla speranza: "Il vostro scopo deve essere il reinserimento"

Non poteva mancare, negli Stati Uniti, l'incontro con le vittime degli abusi sessuali. Papa Francesco, prima dell'incontro con i vescovi e prima di recarsi all'incontro con i detenuti, ha voluto fermarsi con cinque persone - tre donne e due uomini - abusate da minorenni da membri del clero. Bergoglio ne ha parlato ai vescovi intervenuti all'incontro mondiale delle famiglie dicendo di aver provato «dolore e vergogna» per questi crimini - «Dio stesso piange» - e promettendo che «tutti i responsabili saranno puniti». Il Papa, accompagnato dal cardinale Sean Patrick ÒMalley, arcivescovo di Boston e presidente della Commissione istituita dal Papa per la tutela dei minori, dall'arcivescovo di Filadelfia monsignor Charles Chaput e dal vescovo Fitzgerald, responsabile dell'ufficio della diocesi di Filadelfia per la protezione dei minori, ha ascoltato le vittime e si è fermato in preghiera con loro. Ai vescovi, ha poi detto papa Francesco, spetta soprattutto la vigilanza e un rinnovato impegno «perché tutte le vittime siano ascoltate e trattate con giustizia, i colpevoli siano puniti e i crimini di abuso siano combattuti con una efficace opera di prevenzione nella Chiesa e nella società».

«Questi crimini non possono essere mantenuti in segreto», ha poi detto il Papa, aggiungendo: «Prometto che tutti i responsabili renderanno conto». Dopo l'incontro con le vittime, il secondo dopo che già ne aveva ricevuto un gruppo in Vaticano nel luglio 2014, e dopo aver parlato ai vescovi, il Papa si è recato al Curran-Fromhold, il più grande di Filadelfia.

Anche qui lo sguardo è soprattutto sulle ferite. «È penoso riscontrare a volte il generarsi di sistemi penitenziari che non cercano di curare le piaghe, guarire le ferite, generare nuove opportunità», ha detto papa Francesco.

«Questo momento nella vostra vita può avere un unico scopo: tendere la mano per riprendere il cammino, tendere la mano che aiuti al reinserimento sociale», ha proseguito Bergoglio,  «un reinserimento di cui tutti facciamo parte, che tutti siamo chiamati a stimolare, accompagnare e realizzare. Un reinserimento cercato e desiderato da tutti: reclusi, famiglie, funzionari, politiche sociali e educative. Un reinserimento che benefica ed eleva il livello morale di tutta la comunità».

Prima di salutarli uno a uno, il Pontefice ha aggiunto: «Gesù ci invita a partecipare alla sua sorte, al suo stile. Ci insegna a guardare il mondo con i suoi occhi. Occhi che non si scandalizzano della polvere della strada, anzi, cerca di pulire e di sanare, cerca di rimediare. Ci invita a lavorare per creare nuove opportunità: per i detenuti, per i loro familiari, per i funzionari; un'opportunità per tutta la società».

Tag:
Multimedia
Il vento fa i dispetti a papa Francesco
Correlati
I vostri commenti
2
scrivi

Stai visualizzando  dei 2 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 92,90 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 0,00 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%