Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
lunedì 27 maggio 2024
 
Discorso
 

Papa Francesco: la bellezza della Sagrada Familia di Barcellona apre i cuori alla luce

19/02/2024  Sabato 17 febbraio papa Francesco ha rivolto un saluto ai membri ù della Junta Costructora£ della Basilica della Sagrada Família di Barcellona, accolti con le famiglie in udienza. Vi riproponiamo il messaggio integrale che celebra la meraviglia e l'invito alla preghiera che le grandi cattedrali europee rivolgono a fedeli (e non solo)

Cari fratelli e sorelle,

Membri della “Junta Costructora” della Basilica della Sagrada Família di Barcellona, sono lieto di ricevervi insieme alle vostre famiglie, in questo anno che, come ho ripetuto in diverse occasioni, desidero dedicare alla preghiera, preparandoci al Giubileo del 2025. Un anno intero in preghiera per questo. È importante che il clima di preghiera non si perda nei templi, deve essere una delle priorità per quanti, come voi, hanno ricevuto la responsabilità della cura dei templi.

Sicuramente avete notato che la Basilica della Sagrada Família è strutturata in modo che ogni portico abbia un tema, illustrato da passi della Scrittura e incorniciato da una preghiera. Così la prima porta, quella della fede, dietro l’immagine di Gesù che predica ai dottori, ci mostra santo Trisagio. La fede predicata deve farsi preghiera. Sempre.

La porta centrale della carità, la cui figura principale è proprio quella della Santa Famiglia, ci invita ad alzare lo sguardo verso il mistero dell’Incarnazione a da lì a sgranare le perle del rosario che discende lungo le vetrate, incorniciando la stella di Betlemme, quasi a dire: “qui è la nostra luce”. Ed è proprio nell’adorazione, nella preghiera contemplativa dei misteri, che ci apriamo a quella luce, come la grande vetrata del vostro tempio.

Vi invito pertanto ad accogliere nella Basilica i pellegrini che si avvicinano, per introdurli con un atteggiamento orante a contemplare il progetto iconografico del servo di Dio Antoni Gaudí nella sua interezza, di modo che, come i pinnacoli e i campanili, i loro sguardi si levino e le loro voci proclamino con gli angeli: “Santo nostro Dio Immortale”. Grazie per tutto quello che fate, grazie. Che Dio vi benedica.

____________________________________

L'Osservatore Romano, Anno CLXIV n. 40, sabato 17 febbraio 2024, p. 12.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo