Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
lunedì 22 aprile 2024
 
L'ANGELUS
 

Papa Francesco: «Pace e dialogo per Siria ed Ecuador»

13/10/2019  Jorge Mario Bergoglio prega per le popolazioni dei due Paesi amati e martoriati.

Siria ed Ecuador. Medio Oriente ed America Latina. Le tensioni, i conflitti, le guerre colpiscono in egual misura ad ogni latitudine. Il Papa lo sa. Lo dice a voce alta. E prega. Così anche domenica 13 ottobre, al termine della Messa.in cui ha proclamato cinque nuovi santi. Parla della Siria «amata e martoriata», che dal 9 ottobre vive una nuova fase di bombardamenti: quelli turchi nella parte nord-orientale.

«Il mio pensiero va ancora una volta al Medio Oriente», afferma il Pontefice. «In particolare, all’amata e martoriata Siria da dove giungono nuovamente notizie drammatiche sulla sorte delle popolazioni del nord-est del Paese, costrette ad abbandonare le proprie case a causa delle azioni militari: tra queste popolazioni vi sono anche molte famiglie cristiane. A tutti gli attori coinvolti e anche alla Comunità Internazionale; per favore, rinnovo l’appello ad impegnarsi con sincerità, con onestà e trasparenza sulla strada del dialogo per cercare soluzioni efficaci».

Il Santo Padre, poi, parla di Ecuador, scosso da gravi scontri tra forze dell’ordine e manifestanti che protestano contro i nuovi provvedimenti di austerità. Il pensiero di papa Francesco va alle popolazioni e richiama il rispetto dei diritti umani. Assieme ai partecipanti al Sinodo dei Vescovi per la Regione Panamazzonica, Bergoglio segue con preoccupazione quanto sta accadendo a Quito e in altre città del Paese.«Insieme a tutti i membri del Sinodo dei Vescovi per la Regione Panamazzonica, specialmente a quelli provenienti dall’Ecuador, seguo con preoccupazione quanto sta accadendo nelle ultime settimane in quel Paese. Lo affido alla preghiera comune e all’intercessione dei nuovi Santi, e mi unisco al dolore per i morti, i feriti e i dispersi. Incoraggio a cercare la pace sociale, con particolare attenzione alle popolazioni più vulnerabili, ai poveri e ai diritti umani».

 

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo