logo san paolo
martedì 16 agosto 2022
 
 

Francesco agli insegnanti: «amate gli studenti difficili»

16/03/2015  «Gesù direbbe: se amate solo quelli che studiano, che sono ben educati, che merito avete?» ha detto, chiedendo di amare «quelli che non vogliono studiare, quelli che si trovano in condizioni di disagio, i disabili e gli stranieri».

"Gesù direbbe: se amate solo quelli che studiano, che sono ben educati, che merito avete? Qualsiasi insegnante si trova bene con questi studenti. A voi chiedo  di amare di più gli studenti difficilì, quelli che non vogliono studiare, quelli che si trovano in condizioni di disagio, i disabili e gli stranieri, che oggi sono una grande sfida per la scuola" . E' un invito forte quello che Papa Francesco ha rivolto agli insegnanti parlando a un gruppo dell'Uciim, (Unione Cattolica Italiana Insegnanti Medi) ricevuta in Vaticano in occasione del 70esimo anniversario della  fondazione dopo averli chiamati "Cari colleghi e colleghe (visto che lui stesso ha fatto il professore).
In molti hanno ripreso il passaggio in cui il Papa ha definito "malpagato" questo lavoro bellissimo che
"consente di veder crescere giorno dopo giorno le persone che sono affidate alla nostra cura. È un po' come essere genitori, almeno spiritualmente", ma la sottolineatura dell'importanza di accorgersi di chi ha più probalemi e prendersene cura conforta chi in questo si impegna quotidianemnete e sprina coloro che al contrario preferiscono preparare "le classi dirigenti di domani", come qualcuno ahimè ama ripetere.

"L'insegnamento" - ha ricordato il Papa - "non è solo un lavoro: è una relazione in cui ogni insegnante deve sentirsi interamente coinvolto come persona, per dare senso al compito educativo verso i propri allievi" e "per trasmettere contenuti è sufficiente un computer, per capire come si ama, quali sono i valori, e quali le abitudini che creano armonia nella società ci vuole un buon insegnante". Per questo ha incoraggiato i presenti a "rinnovare la passione per l'uomo nel suo processo di formazione, e ad essere testimoni di vita e di speranza".

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo