Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
giovedì 30 maggio 2024
 
 

Papa: un'agenda di speranza per l'Italia

27/05/2010  Benedetto XVI parla ai vescovi italiani e lancia un appello contro la disoccupazione. Dalla crisi si esce tutti insieme. Sugli abusi sessuali ribadisce penitenza e giustizia.

Benedetto XVI parla i vescovi italiani riuniti in Vaticano per l’assemblea generale e lancia un appello ai politici e agli imprenditori “ a fare quanto è nelle loro possibilità per attutire gli effetti della crisi occupazionale”. Il giorno dopo la manovra del governo il Papa osserva che “alla Chiesa sta a cuore il bene comune, che si impegna a condividere risorse economiche e intellettuali, morali e spirituali, imparando ad affrontare insieme, in un contesto di reciprocità, i problemi e le sfide del Paese”.

Il Pontefice nel suo discorso ha ricordato la prossima Settimana sociale dei cattolici, che si svolgerà in autunno a Reggio Calabria, chiedendo alle “forze migliore del laicato cattolico”di impegnarsi per “declinare un’ agenda di speranza per l’Italia”. Poi si è rivolto ai vescovi sottolineando che “ il vostro ministero” e la  “vivacità delle comunità diocesane” sono “la migliore assicurazione che la Chiesa continuerà ad offrire il suo contributo alla crescita sociale e morale dell’Italia”. Per il Papa in Italia la crisi “morale e spirituale” è altrettanto seria rispetto a quella “economica”: “Sarebbe illusorio pensare di contrastare l’una ignorando l’altra”.

Benedetto XVI ha parlato anche dello scandalo degli abusi sessuali ripetendo quanto aveva detto in Portogallo e insistendo sulla necessità di mettere insieme penitenza e giustizia.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo