Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
giovedì 30 maggio 2024
 
 

I ragazzi di Varese hanno ragione: i morti sono tutti uguali

19/11/2015  Dopo le polemiche parla la preside dell’Istituto Daverio-Casula Nicoletta Pizzato: «Non è vero che un gruppo di studenti, tra cui alcuni italiani, si è rifiutato di osservare il minuto di silenzio per le vittime di Parigi ma lo ha fatto ricordando anche i morti per mano dell’Isis dell’aereo civile russo e dell’attentato al mercato di Beirut»

Sui giornali sono state presentate come le «sei ragazze musulmane» che non hanno voluto fare il minuto di silenzio a scuola in memoria delle vittime degli attentati di Parigi. «Una non notizia che è diventa notizia», taglia corto il giorno dopo le polemiche Nicoletta Pizzato, dirigente scolastico dell’Istituto tecnico commerciale Daverio-Casula di Varese. «In realtà», spiega, «si trattava di un gruppo misto di ragazzi e ragazze, sette in totale, alcuni stranieri e altri italiani. Non è assolutamente vero che si siano rifiutati di osservare il minuto di silenzio per motivazioni ideologiche o politiche ma lo hanno fatto fuori dalle classi in memoria di tutte le vittime del terrorismo islamico, a cominciare dai 224 russi morti sull’aereo abbattuto dai terroristi e precipitato sul Sinai e dalle vittime al mercato di Beirut, in Libano».

L’equivoco nasce proprio dal fatto che il gruppo di studenti, tutti adolescenti di 15 anni delle prime e seconde classi, non ha contestato l’iniziativa in sé di osservare il silenzio come proposto dal ministro dell'Istruzione Giannini ma di estenderlo in memoria e in ricordo di tutte le vittime, non solo quelle di Parigi. Si è scritto anche che alcuni di questi ragazzi in “dissenso” avessero avuto parenti uccisi dalle milizie dell’Isis a Beirut e Damasco. «Anche questo non è vero», dice Pizzato, «trovo francamente incomprensibili le polemiche che si sono scatenate sui media».

Alcuni, sui social network, hanno addirittura invocato l’espulsione dall’Italia dei ragazzi e delle loro famiglie. Una segnalazione è arrivata anche alla Digos di Varese che ora sta cercando di vederci chiaro. L’Itc di Varese conta circa 1800 studenti, tra i quali moltissimi stranieri. «Dopo il minuto di silenzio», conclude la preside, «avevo chiesto di svolgere un momento di discussione e riflessione nelle classi. I sette ragazzi, tra i quali ci sono anche persone di fede musulmana, sono rientrati e hanno partecipato a questo momento di approfondimento come tutti gli altri e senza polemiche. Sono ragazzi di 15 anni, vanno guidati nella riflessione e se non lo facciamo noi insegnanti a scuola chi lo fa?».  

I vostri commenti
28

Stai visualizzando  dei 28 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo