logo san paolo
giovedì 23 settembre 2021
 
dossier
 

Parigi sotto attacco, attentati a raffica e 127 morti

13/11/2015  A pochi mesi dalla straìge di Charlie Hebdo la Francia ripiomba nell'incubo del terrore: una serie di sparatorie nel cuore della capitale francese, attacchi coordinati e di matrice islamica. Decine di ostaggi in mano ai terroristi. Mentre sparavano gridavano "Allah è grande".

Come a gennaio quando ci fu l’attacco alla redazione di Charlie Hebdo. Anzi, peggio. Perché stavolta gli attacchi appaiono coordinati, ci sono oltre 60 vittime finora,  cento persone tenute in ostaggio, tre attacchi pressoché simultanei nel cuore di Parigi, il presidente Hollande prelevato dallo Stade de France e portato via in tutta fretta mentre era in corso la partita Francia – Germania. La Francia è ripiombata nell'incubo del terrore. Le forze dell’ordine fanno fatica a controllare la città e la polizia lancia appelli perché tutti restino in casa. A gennaio furono colpiti due luoghi simbolo – la redazione del giornale che aveva fatto satira nei confronti dell’Islam e un market ebraico kosher stavolta gli attacchi hanno colpito centri di aggregazione popolare: un teatro, un ristorante e lo stadio.

Insomma, l’inferno in tutta la capitale francese. Il primo conflitto a fuoco, a colpi di kalashnikov, ha causato la morte di almeno undici persone in un ristorante del decimo arrondissement di Parigi,
vicino a Rue Bichat. La seconda nel famoso locale notturno Le Bataclan, dove si stava svolgendo un concerto della band americana Eagles of Death Metal: ci sono cento ostaggi nelle mani dei terroristi, secondo le prime testimonianze.

Un primo assalitore sarebbe stato ucciso dalle forze dell’ordine, mentre uno dei terroristi avrebbe «Allah u Akbar», «Allah è grande», secondo quando riferiscono i primi testimoni all’uscita del Bataclan.   Infine almeno tre esplosioni sono state anche udite attorno allo Stade de France, alla periferia di Parigi, dove era in corso l’amichevole Francia-Germania. Il presidente Francois Hollande è stato evacuato dallo stadio per motivi di sicurezza. Al termine della partita, gli spettatori non sono stati fatti uscire: scene di panico si vedono all’interno del campo da gioco, dove gli spettatori si sono riversati sul prato. Intanto Hollande, dopo essere stato fatto allontanare per motivi di sicurezza dallo stadio si è recato al ministero dell’Interno per una riunione di emergenza dopo le sparatorie contemporanee nel cuore di Parigi. Alla riunione partecipa anche il ministro degli Interni, Bernard Cazeneuve. E dalle fonti di sicurezza Usa arriva una prima analisi «Appaiono chiaramente - dicono le fonti - come una seria di attacchi coordinati».

In un discorso alla nazione Hollande ha proclamato lo stato d'urgenza e la chiusura delle frontiere. "Dobbiamo assicurarci che nessuno possa entrare nelle frontiere perché questi crimini avvengano. Non sappiamo chi sono questi terroristi che cosa fanno, da dove arrivano. E' un momento terribile ma dobbiamo fare il possibile e dimostrare che siamo uniti. La Francia deve essere forte".

Multimedia
Francia sotto shock: attentati a raffica, 60 morti. Hollande chiude le frontiere. Cordoglio di Obama
Correlati
I vostri commenti
1
scrivi

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 0,00 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 57,80 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    I LOVE ENGLISH JUNIOR
    € 69,00 € 49,90 - 28%