Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
lunedì 15 luglio 2024
 
Luisa Ranieri
 

Luisa Ranieri: "Luisa Spagnoli donna forte e vera"

01/02/2016  Nella fiction di Rai 1 appena andata in onda l'attrice interpreta la fondatrice della Perugina e dell'omonima casa di moda.

L’orario del rendez-vous scivola. Ma c’è da capirla. Luisa Ranieri, attrice sempre più brava, non si sottrae agli impegni della promozione. Con lei parliamo di Luisa Spagnoli, la fiction (su Rai 1 lunedì 1 e martedì 2 febbraio) che il regista Lodovico Gasparini ha dedicato alla fondatrice della Perugina, una figura femminile straordinaria del primo ’900, donna avanti sui tempi e imprenditrice creativa.
Il fatto è che la bella Luisa in questo periodo fa soprattutto la mamma di due splendide bambine: Emma, 4 anni e mezzo, e Bianca, 6 mesi, avute da Luca Zingaretti.

Cosa l’ha convinta a impersonare Luisa Spagnoli?
 
«La storia fuori dal comune di questa donna coraggiosa, forte, intraprendente, anticonformista. Ho fatto per due anni la corte a questo ruolo. Ai primi del ’900 e in una città di provincia come Perugia, la Spagnoli, con tre figli piccoli e un marito musicista senza troppo senso pratico, rileva una pasticceria e avvia un’azienda dolciaria contro tutti. Determinata, creativa (è lei a inventare il celebre Bacio) farà crescere l’impresa a livelli mondiali. Grazie anche all’alleanza con i Buitoni, famiglia di industriali pastai, da cui nascerà il famoso marchio Perugina».

Qui c’è la parte meno fulgida della sua vita: la passione extraconiugale per il giovane Giovanni Buitoni...

«Non è un film buonista. La Spagnoli non fu una santarellina. Malgrado la differenza d’età, quello fu vero amore, tanto che il marito di lei, Annibale, si fece da parte senza scandali e mantenendo i legami familiari perché capì che sarebbe stato impossibile opporsi. Dando ulteriore prova d’amore. Come fece Luisa quando, alle lunghe, capì che Giovanni doveva avere una vita sua e dei figli. Allora si isolò e si concentrò sul lavoro, dando sfogo all’altra sua passione: la sartoria. Mancava la moda per la donna moderna e lei creò la casa Luisa Spagnoli. Non ebbe tempo di godersi il nuovo successo perché si ammalò di un tumore alla gola, che la condusse alla morte a Parigi, nel 1935, assistita amorevolmente da Giovanni. Ma negli anni a seguire, i capi in angora della maison Spagnoli hanno trionfato nel mondo».

Difficile calarsi nei suoi panni?

«Mi ha aiutato scoprire episodi, emozioni dalla viva voce dei familiari. Hanno insistito perché di Luisa si ricordasse la generosità, il suo essere dalla parte delle donne. Fu la prima in Italia a fare aprire in fabbrica un asilo nido. Diede lavoro a donne vittime di maltrattamenti perché, rese indipendenti dal marito violento, avessero una chance di vita».

La Spagnoli sarebbe contenta, oggi, del ruolo della donna?

«Apprezzerebbe i passi avanti, ma credo che avrebbe qualcosa da rimproverare proprio a noi. Almeno a quelle donne che ancora sviliscono la loro dignità in cambio di facili vantaggi».

I vostri commenti
2

Stai visualizzando  dei 2 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo