logo san paolo
lunedì 25 ottobre 2021
 
 

L'INDEGNO AVENTINO "DE NOANTRI"

10/07/2013  Ecco a voi il Parlamento chiuso per Mediaset. Deputati e senatori del Pdl, con l'appoggio di molti parlamentari del Partito democratico, hanno sospeso i lavori dell'aula. Anteponendo le beghe giudiziarie del "caro leader" ai doveri istituzionali. E regalandoci uno dei momenti più bassi della storia della Repubblica.

Grazie a un colpo di genio di Renato Brunetta il Pdl ha inaugurato la sospensione del Parlamento per “legittimo impedimento”. Tre giorni di stop ai lavori in aula (poi ridotto a uno, vista l'aria che tirava, ma poco importa). Una decisione che negli altri Paesi dell’Occidente viene presa in caso di guerra termonucleare. Ma qui il motivo è più importante: riunire la direzione nazionale del partito e discutere sulla “scandalosa” decisione della Cassazione che ha osato mettere in agenda la sentenza su Berlusconi troppo presto, il 30 luglio, ben prima dei termini con cui scatterebbe la prescrizione.
E così si è arrivati a questa trovata scandalosa che antepone gli impegni di partito e le apprensioni per il “caro leader” ai doveri istituzionali, gettando alle ortiche giorni preziosi per un Paese ormai fiscalmente cianotico, appena declassato da un’agenzia internazionale, con la disoccupazione giovanile al 40 per cento, decine di milioni di famiglie sotto la soglia di povertà e migliaia di aziende che muoiono come mosche ogni giorno.

Ora ci aspettiamo che i deputati che hanno votato a favore della sospensione devolvano le ore di festa e ammuina partitica a un apposito fondo per le famiglie. Il minimo di risarcimento dovuto agli italiani da questi campioni della democrazia. In attesa di mandargli il conto a casa nel caso dovessero riprendere le locuste della speculazione internazionale, sempre in agguato, soprattutto dopo il declassamento di Standard &Poor’s.

Intendiamoci, il merito di tutto questo non è solo del vulcanico capogruppo alla Camera Brunetta e dell’ineffabile collega del Senato Schifani. Una decisione così irresponsabile, in uno dei momenti più cruciali per la vita del Paese, va imputata a tutti i parlamentari che hanno approvato in aula la sospensione, compresi i deputati e i senatori del Partito democratico, timorosi forse di urtare la suscettibilità degli alleati di questa strana e surreale maggioranza di Governo, che peraltro già ci metteva abbondantemente del suo tra temporaggiamenti e rinvii. I parlamentari del Pdl e del “Pd meno elle”, come li chiama Grillo, si sono fatti sopravanzare in dignità perfino dai parlamentari a Cinque Stelle (che pure in fatto di ostruzionismo non scherzano).

I grillini hanno giustamente protestato contro quell’indegno  “Aventino de noantri” in salsa Mediaset che confonde i guai giudiziari di un capopartito condannato in secondo grado per aver evaso le tasse con il delitto Matteotti. Pochi deputati “dem” hanno tenuta accesa la fiammella della responsabilità, uscendo dall’aula al momento del voto in questa notte della Repubblica. Tutti gli altri si sono accodati alla sudditanza berlusconiana. I grillini si sono tolti giacca e cravatta in aula in segno di dissenso. Protesta sbracata? Può darsi. Ma rimanere in camicia è sempre meglio che rimanere senza dignità.

Multimedia
La manifestazione per il Cavaliere
Correlati
Cavaliere, lei degli evasori fiscali diceva questo: ora sia coerente
Correlati
La manifestazione per il Cavaliere
Correlati
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo
Collection precedente Collection successiva
FAMIGLIA CRISTIANA
€ 104,00 € 0,00 - 11%
CREDERE
€ 88,40 € 57,80 - 35%
MARIA CON TE
€ 52,00 € 39,90 - 23%
CUCITO CREATIVO
€ 64,90 € 43,80 - 33%
FELTRO CREATIVO
€ 23,60 € 18,00 - 24%
AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
€ 46,80 € 38,90 - 17%
IL GIORNALINO
€ 117,30 € 91,90 - 22%
BENESSERE
€ 34,80 € 29,90 - 14%
JESUS
€ 70,80 € 60,80 - 14%
GBABY
€ 34,80 € 28,80 - 17%
I LOVE ENGLISH JUNIOR
€ 69,00 € 49,90 - 28%