Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 18 maggio 2024
 
milano
 

"Sradichiamo l'omertà", parlano i giovani scout in piazza contro le mafie

21/03/2023  Tra i 50.000 partecipanti alla manifestazione di Libera anche molti giovani, tra cui oltre 500 scout, dai lupetti a ventenni. La testimonianza di Tarsila, 21 anni, studentessa di Economia e capo reparto, e Valentino, liceale diciottenne: "Tutti noi dobbiamo fare la nostra parte per una cultura della legalità e del senso collettivo"

Gli scout del gruppo Milano 97 di Milano in Piazza Duomo: tra loro anche dieci lupetti
Gli scout del gruppo Milano 97 di Milano in Piazza Duomo: tra loro anche dieci lupetti

La Giornata della Memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime della mafia organizzata da Libera si è svolta a Milano per il trentennale della strage di via Palestro, in cui persero la vita cinque persone. Tra i 50.000 manifestanti, stimati dalla questura, moltissimi i giovani. Tra questi anche oltre 500 scout milanesi, dai lupetti ai ventenni membri dei clan, in rappresentanza dei 33 gruppi milanesi dell’Agesci e di quelli della Cngei. Entrambe le associazioni infatti aderiscono a Libera. Tra i partecipanti al corteo che da Corso Venezia è arrivato in Piazza Duomo anche Tarsila Bazzani, 21 anni, capo scout del reparto Tatooine del gruppo Milano 97 e studentessa di Economia. «Come gruppo abbiamo svolto diverse attività sulla legalità durante l’anno. Abbiamo invitato una donna la cui figlia, Marcella Di Levrano, è stata una vittima della Sacra Corona Unita pugliese (che aveva denunciato), a lasciare la sua testimonianza ai ragazzi e poi siamo andati a visitare la cascina di Chiaravalle, il bene più grande della Lombardia confiscato alla mafia. Ora è un centro di accoglienza per donne e bambini migranti e una residenza per anziani.  Credo che i giovani di oggi si sentano in particolare coinvolti nella lotta all’illegalità perché più informati di un tempo grazie ai social. Anche a scuola se ne dovrebbe parlare di più, ma non solo ricordando eroi della lotta alla mafia come Falcone e Borsellino, ma parlando di come la mafia è ben lungi dall’essere stata sradicata e anzi è infiltrata in molteplici affari anche al nord. Da sportiva ho scoperto solo dalle parole di don Ciotti che la mafia è coinvolta anche negli appalti per le Olimpiadi invernali di Milano-Cortina. E anche nel traffico dei migranti. Ecco, sentendo l’elenco delle oltre 1.000 vittime morte per mano mafiosa mi sono commossa, e ho provato il desiderio di impegnarmi di più nel mio quotidiano per la legalità e sono fiera di aver portato in piazza anche tanti bambini e ragazzi».

Valentino, 18 anni, che frequenta il liceo scientifico sportivo, con il suo clan scout ha svolto durante i mesi scorsi un approfondimento sul gioco di azzardo, in cui è coinvolta anche la mafia (seppur la maggior parte dei proventi vada allo Stato) che  gestisce inoltre  il giro di scommesse illegali: «Abbiamo sentito un esperto, proposto un questionario ad adulti e ragazzi per capire quanto è conosciuto questo fenomeno e poi organizzato un evento aperto al pubblico sulla ludopatia e il gioco di azzardo che vede coinvolti anche tanti ragazzi. Diciamo che eravamo già un po' preparati al tema della legalità. Sono sceso in piazza altre volte, per esempio durante i Fridays for future, ma questa era una manifestazione diversa dalle altre, più compassata, nessun coro, nessuno schiamazzo, solo le bandiere di Libera. Poi noi scout eravamo nelle prime file, a ridosso dei figli delle vittime. Non era una festa ma una commemorazione». Ma come pensa un diciottenne di poter contribuire nel suo quotidiano alla cultura della legalità?:«Cercando di sradicare l'atteggiamento omertoso vissuto tra i giovani  come un valore, perché denunciare chi ha commesso un'azione sbagliata o illegale viene avvertito come un gesto infame. E invece bisognerebbe mettere al primo posto la giustizia comune, non la lealtà a un singolo che sbaglia, anche se è un amico. Credo che per combattere le mafie e l'illegalità tutti noi dobbiamo sviluppare un pensiero collettivo, avere il senso della comunità, pensare che le nostre azioni non ricadono solo su di noi stessi ma anche sugli altri». 

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo