logo san paolo
venerdì 01 luglio 2022
 
Le elezioni in Tv
 

Parole, parole, parole: quelle dei presidenti Usa nella storia

08/11/2016  In attesa di sapere chi tra Hillary Clinton e Donald Trump sarà il prossimo presidente degli Stati Uniti, Rai Storia inaugura in prima serata il programma di Aldo Cazzullo "I grandi discorsi della Storia" con una puntata dedicata ai più celebri proclami dei predecessori: da Kennedy a Obama.

Proclami di guerra, appelli alle coscienze, appassionanti richiami all’impegno civile. Nel corso della storia, sono stati tanti i discorsi che hanno influenzato e a volte radicalmente cambiato il corso degli eventi. Nella serata in cui il mondo guarda alle elezioni americane, “Grandi discorsi della storia”, il nuovo programma di Rai Storia condotto da Aldo Cazzullo da stasera alle 21.10 apre la sua serie con una puntata dedicata ai grandi discorsi dei Presidenti degli Stati Uniti d’America. Dallo "Yes, we can" del presidente uscente Barack Obama,  all’annuncio del New Deal di Franklin Delano Roosevelt nel periodo della Grande Depressione. Dall’"I have never been a quitter (Non sono mai stato uno che molla)" di Richard Nixon, parole pronunciate davanti alla tv nel suo discorso dimissionario dopo lo scandalo Watergate, al discorso di commiato di Dwight Eisenhower, con l’accorato appello contro il complesso militare industriale, fino all’espressione mai dimenticata "Ask not what your country can do for you, ask what you can do for your country (Non chiedere cosa il tuo paese può fare per te, ma chiediti cosa tu puoi fare per il tuo paese)" dell’amatissimo Presidente John Fitzgerald Kennedy.
I discorsi saranno commentati dai giornalisti Vittorio Zucconi e Furio Colombo, del generale Fabio Mini e dello storico della tv Giorgio Simonelli. 

Nelle undici puntate successive, Cazzullo condurrà il pubblico in un viaggio alla scoperta delle parole che hanno segnato le pagine degli ultimi cento anni della nostra storia, analizzandole da ogni punto di vista: storico, sociologico, culturale, linguistico e semiologico. Il cuore del racconto saranno proprio i discorsi: le parole usate, le conseguenze che hanno generato. Oltre ai presidenti degli Stati Uniti, quelli Repubblica Italiana, pontefici, donne combattive e determinate, protagonisti della Guerra Fredda e della politica italiana, candidati alle elezioni presidenziali americane, dittatori, pensatori, leader politici e “visionari”. 
Tanti gli intervistati, che saranno di volta in volta protagonisti, testimoni ed esperti del discorso raccontato. Tra loro: Emma Bonino, Pietrangelo Buttafuoco, i vaticanisti Alberto Melloni e Paolo Rodari, la giornalista britannica Christina Lamb, coautrice della biografia di Malala Yousafzai, Dacia Maraini, Giorgio Simonelli, storico della tv. Tra le testimonianze dirette, quella di Rosaria Costa, vedova di Vito Schifani (l’agente della scorta del giudice Giovanni Falcone ucciso nella strage di Capaci) di cui nessuno ha mai scordato il discorso in lacrime e potentissimo nel giorno dei funerali di Stato “Vi perdono, però vi dovete mettere in ginocchio”.

Il programma si avvale dell’analisi dei discorsi dal punto di vista retorico e semiotico di Flavia Trupia, presidente dell’Associazione italiana retorica e ghost writer, della consulenza di Agostino Giovagnoli, professore di Storia all’Università Cattolica di Milano e di Gianluca Lioni, autore del libro “I 100 discorsi che hanno cambiato la storia” con Michele Fina.

Multimedia
Da Washington a Parigi, il corteo globale delle donne contro Donald Trump
Correlati
I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo