Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
venerdì 19 luglio 2024
 
giustizia
 

E l'Italia assolve il passeur francese che aiuta i migranti

27/04/2017  Il giovane era accusato di aver favorito l'immigrazione clandestina, tentando di portare cinque persone in Francia, tre adulti tra cui una donna incinta e due bambini di 2 e 5 anni, provenienti dal Darfur e che fino a quel momento avevano trovato riparo in una chiesa di Ventimiglia. Non passa la linea dura del pubblico ministero. L'Associazione Antigone: «Pericoloso giustificare il connubio tra immigrazione e terrorismo».

L'attivista francese Fèlix Croft, il no border di 28 anni, residente a Nizza e arrestato lo scorso luglio in Italia, alla barriera autostradale di Ventimiglia, mentre tentava di fare il cosiddetto "passeur", cioè di portare in Francia una famiglia di migranti nigeriani, è stato assolto dall'accusa di favoreggiamento dell'immigrazione clandestina. Per la precisione il giovane era accusato di aver tentato di portare cinque persone in Francia, tre adulti tra cui una donna incinta e due bambini di 2 e 5 anni, provenienti dal Darfur e che fino a quel momento avevano trovato riparo in una chiesa di Ventimiglia. Per il ragazzo, la procura aveva chiesto 3 anni e 4 mesi di reclusione, e il pagamento di 50 mila euro di ammenda.

«Non ho mai detto che i tre adulti per i quali Croft voleva predisporre l'ingresso illegale in Francia fossero simpatizzanti Isis. Quello che volevo sottolineare è che il nostro sistema giuridico non può consentire a nessuno, seppur in buona fede o animate da interessi umanitari, di decidere sulla sicurezza di uno Stato e la violazione di queste norme non può essere intesa come una attenuante». Lo aveva dichiarato il pm Grazia Pradella al corso processo per favoreggiamento dell'immigrazione clandestina a carico del giovane. Nei suoi confronti l'accusa aveva sottolineato come la legge francese punisca l' ingresso clandestino di stranieri e che con il suo atteggiamento Croft ha esposto i migranti che trasportava a questo rischio.

Dopo la replica dell'avvocato della difesa, Ersilia Ferrante, il tribunale collegiale si è riunito in camera di consiglio e ha invece assolto il ragazzo.

«La richiesta di condanna per Fèlix Croft è totalmente sproporzionata e potrebbe aprire un precedente pericoloso». Ad affermarlo era stato il presidente dell'Associazione Antigone Patrizio Gonnella, a pochi giorni dalla sentenza del Tribunale di Imperia. «Ancora una volta vediamo tribunali e forze dell'ordine impegnate a perseguire reati di solidarietà. Ma utilizzare il diritto per colpire questi episodi non può trovare giustificazioni. Non si può paragonare chi è mosso da principi umanitari a chi traffica esseri umani per profitto».

Sempre secondo Gonnella, «la richiesta di condanna a 3 anni e 4 mesi più una multa di 50.000 euro è totalmente sproporzionata rispetto al reato commesso. Giustificare tale richiesta con ragioni di sicurezza, ovvero per il fatto che qualcuna delle persone trasportate sarebbe potuta essere un foreign fighter affiliato all'Isis, giustifica un connubio, quello tra immigrazione e terrorismo, pericoloso e alimentato spesso a solo scopo propagandistico per un tornaconto elettorale».

Multimedia
“Ero straniero…” I fotografi italiani raccontano i migranti, e chi li accoglie
Correlati
I vostri commenti
18

Stai visualizzando  dei 18 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo