logo san paolo
venerdì 28 gennaio 2022
 
 

Pedofilia, Benedetto e la tolleranza zero

05/12/2013  Se Karol Wojtyla aveva iniziato la lotta già nel 2003 quando convocò i vescovi americani in piena bufera per gli scandali e disse che «non c’è posto nel sacerdozio e nella vita religiosa per chi fa del male ai giovani», è assolutamente fuori di dubbio che è stato Joseph Ratzinger a dare il via alla più colossale opera di trasparenza.

Tutto comincia con quel «io mi vergogno» pronunciato in volo verso gli Stati Uniti da Benedetto XVI. Joseph Ratzinger è stato il Pontefice della “tolleranza zero” nei confronti degli abusi sessuali commessi da sacerdoti e religiosi. Basta andare sul sito della Vaticano www.vatican.va e leggere nell’apposita sezione (Abuso sui minori – la risposta della Chiesa) dedicata alla lotta contro la pedofilia tutti i suoi interventi e quelli dei suoi diretti collaboratori. Ma lì vi sono anche le norme, modificate a volte perché fossero più severe, da Benedetto XVI.

Se Karol Wojtyla aveva iniziato la lotta già nel 2003 quando convocò i vescovi americani in piena bufera per gli scandali e disse che «non c’è posto nel sacerdozio e nella vita religiosa per chi fa del male ai giovani», è assolutamente fuori di dubbio che è stato Joseph Ratzinger a dare il via alla più colossale opera di trasparenza. Sappiamo che fu Ratzinger ad istruire il processo contro padre Maciel il fondatore dei Legionari di Cristo, ma poi altri avevano nascosto le carte. Così quando Ratzinger venne eletto Papa uno dei suoi primi atti fu un provvedimento contro padre Maciel insieme al commissariamento dei Legionari per la somma di scandali in cui erano coinvolti.

 Benedetto XVI ha parlato di abusi sessuali in ogni suo viaggio, ha incontrato le vittime e arrivato al punto di mettere sotto tutela un’intera conferenza episcopale, quella irlandese, e poi quella tedesca, ha dimissionato decine e decine di vescovi che hanno coperto le attività dei pedofili. Dal punto di vista normativo ha aumentato a 20 anni il periodo di prescrizione del reato di abuso sessuale e ha sancito l’obbligo per i vescovi e i superiori religiosi di aprire un’inchiesta su ogni denuncia. Non c’è alcuno Stato al mondo che ha un periodo di prescrizione così lungo. Benedetto XVI ha affrontato ogni scandalo con fermezza e soprattutto ha fatto in modo che venisse alla luce ciò prima era stato tenuto nascosto.

Sappiamo che non è stata una cosa facile, che la sua opera non era ben vista anche in Vaticano, che ha fatto una certa fatica, perché aveva attorno a sé prelati che hanno coperto e forse insabbiato molti casi. La sua denuncia in quel drammatico Venerdì santo alla Via Crucis al Colosseo, mentre Wojtyla consumava i suoi ultimi giorni aggrappato alla croce, sulla “sporcizia” nella Chiesa non si potrà mai dimenticare.

I vostri commenti
2

Stai visualizzando  dei 2 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo