logo san paolo
domenica 24 ottobre 2021
 
Statistiche
 

Per forza non leggiamo, non ci sono librerie!

12/12/2016  Secondo un'indagine dell'Aie, l'Associazione degli editori italiani, 13 milioni di italiani, dislocati soprattutto al Sud, vivono in una località in cui non si vendono libri. E molti istituti scolastici sono senza biblioteca

Qualche giorno fa ero a Giugliano, una cittadina nei dintorni di Napoli con 130.000 abitanti. Una distesa di case basse in un dedalo di vie trafficate, che la rendono più simile a un paesone, eppure le dimensioni sono quelle di una capoluogo di provincia. Negozi di ogni tipo, pizzerie, casalinghi, boutique, ma nemmeno una libreria. Eppure in città è attiva una associazione culturale, Minerva, che promuove due premi letterari, uno per adulti e uno per ragazzi, ma quando deve procurarsi i libri per farli leggere ai giurati, se li procura direttamente dagli editori. È con grande rammarico che ce lo raccontano le responsabili dell’associazione Minerva. Neppure una cartolibreria, nulla di nulla. Ma Giugliano è in buona, anzi cattiva compagnia. Sono 13 milioni gli italiani che vivono in un centro senza librerie. Lo afferma  un’indagine dell'Associazione Italiana Editori (AIE) da cui risulta che  il 21,1% della popolazione che risiede in Comuni con più di 10 mila abitanti non ha una libreria vicino (sono esclusi i Comuni dove possono esserci cartolibrerie, edicole-negozio, centri commerciali con librerie). In sostanza, esistono quindi in Italia 687 Comuni sopra i 10 mila abitanti, l'8,6% del totale, che non hanno una libreria. Nelle Isole e nel Sud la percentuale di assenza di librerie si alza: il 15,1% dei centri delle Isole (con oltre 10 mila abitanti) e ben il 33,3% di quelli del Sud (più di 1 su 3) è senza librerie. Ma vale anche per il Nord Est, dove il 20,5% (1 su 5) è senza librerie. Certo, ci sono gli store online, ma potersi recare in una libreria reale, poter sfogliare i libri, chiedere consiglio a un libraio è tutta un’altra cosa. E pensiamo all’esperienza che rappresenta per i più piccoli potere avere tra le mani i libri, lasciarsene incantare e scegliere quello da portare a casa. C’è quindi da immaginare che spinta alla diffusione del libro potrebbe rappresentare una presenza più capillare delle librerie.  Nella stessa indagine si affronta anche il tema delle biblioteche scolastiche, e anche qui la situazione e desolante: circa mezzo milione (486.928) di ragazzi  frequenta istituti scolastici privi di biblioteca. Sono 262 mila nella scuola primaria, 147 mila nella secondaria di primo grado e 77 mila nella secondaria di secondo grado. Circa 3,5 milioni di studenti frequentano scuole con un patrimonio librario inferiore alla media, quindi hanno meno possibilità di scegliere cosa leggere. E si parla di medie di patrimoni bibliotecari che oscillano - a seconda degli ordini scolastici - tra 1.500-3.500 volumi.


Viene spontaneo pensare che minore è la presenza di libri sul territorio e minore è anche l’indice di lettura. Lasciamo la parola Giovanni Peresson, responsabile dell'Ufficio studi Aie, « Nelle aree metropolitane e centri urbani maggiori (con oltre 50 mila abitanti), dove il tessuto di librerie, ma anche di servizi bibliotecari, è più fitto e solido, gli abitanti residenti che si dichiarano lettori di libri sono, rispettivamente, il 51,1% e il 44,4%. Già nelle periferie delle aree urbane questo valore scende al 42,8% (nonostante la relativa facilità di spostamenti verso le aree centrali della città). Poi l'indice di lettura diminuisce al calare della dimensione del centro urbano: 38,1% nei Comuni tra 10-50 mila abitanti; 39% in quelli da 2-10 mila; fino al 35,4% nei Comuni (e sono tanti) fino a duemila residenti. E non è un caso che le perdite maggiori di lettori negli ultimi 5 anni siano avvenute nei piccoli centri (-15,3%, rispetto a una perdita media nazionale del -9,1%). Mentre nelle aree metropolitane questo calo si è arrestato al -3,1%, ma per risalire al -5,1% nelle periferie».
C’è da augurarsi che una politica di sostegno alle piccole imprese possa incentivare maggiormente la nascita di librerie, mentre per le biblioteche scolastiche qualche iniziativa è stata di recente presa dal Miur anche se molto c’è ancora da fare.

I vostri commenti
6
scrivi

Stai visualizzando  dei 6 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 0,00 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 57,80 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    I LOVE ENGLISH JUNIOR
    € 69,00 € 49,90 - 28%