Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 20 aprile 2024
 
dossier
 

Per i 90 anni di Famiglia Cristiana, tavola rotonda sul ruolo sociale dello sport. Ecco perché

11/10/2022  Dove va lo sport? È ancora un modello per i bambini che lo guardano? Giovedì 20 ottobre a Milano Beppe Bergomi, Riccardo Cucchi e Gian Paolo Ormezzano, tra amarcord e riflessione, si confrontano sul tema "Diventare campioni, restare umani".

Scrive Papa Francesco: «"Non sapete che nelle corse allo stadio, tutti corrono, ma uno solo conquista il premio? Correte anche voi in modo da conquistarlo". Questo è l’invito (tratto dalla prima lettera di San Paolo ai Corinzi ndr), a mio avviso molto bello, a mettersi in gioco, ovvero non guardare il mondo dalla finestra di casa. Ancora San Paolo, quando sta parlando all’amico Filemone, sembra confessarsi dicendo: "Corro perché conquistato" (Fil 3,12). Questo passaggio è ancora più affascinante. Infatti, nessun atleta corre tanto per correre. Ogni atleta, ogni campione corre come attratto da un qualcosa, una sorta di bellezza che attira a sé colui che inizia a inseguirla. Del resto, qualunque cammino nella vita prende inizio da un fascino che attrae». 

Basterebbero queste parole, contenute nella prefazione al libro Non è solo fatica, è amore, in uscita oggi per San Paolo a firma di Dario E. Viganò e Valerio A. Cassetta, per  spiegare a chi si stupisce per quale ragione il 20 ottobre 2022, alle 18.30 all’Auditorium San Paolo, di via Giotto 36 a Milano, Famiglia Cristiana ha scelto di celebrare una tappa dei suoi 90 anni parlando di sport attorno a una tavola rotonda composta da Beppe Bergomi, campione del mondo sul campo con l’Italia 1982 a 18 anni, scusate se è poco; Riccardo Cucchi per anni voce di Tutto il calcio minuto per minuto e Gian Paolo Ormezzano, firma sportiva storica di Fc, moderati da Elisa Chiari. Il titolo dell’incontro “Diventare campioni, restare umani”, mette insieme le anime sedute al tavolo: Beppe Bergomi, colonna dell’Italia e dell’Inter, è certo l’unico a poter spiegare come si faccia a toccare il cielo dei propri sogni così giovani e a non perdere la testa. Gli altri due hanno osservato e raccontato lo sport per una vita da testimoni, scegliendo con cura le parole.

Lo sport è un esperanto, che parla a tutti, un linguaggio senza barriere in cui ci si identifica in modo emotivo, il “come” però fa tutta la differenza del mondo: l’emotività può degenerare nel becero da curva, fino al limite della violenza fisica, o restare emozione e diventare memoria collettiva e persino esempio, paradigma di vita. Se Gian Paolo Ormezzano ha condiviso con Famiglia Cristiana oltre mezzo secolo di sport raccontato dalle sue pagine e può testimoniarlo, Riccardo Cucchi, con la sua voce misurata e sicura, attraverso i microfoni di Radio Rai ha insegnato a molti l’equilibrio, il garbo, con imparzialità e correttezza: solo quando, dopo 38 anni, ha deposto il microfono ha confessato un cuore laziale, perché nessuno fin lì se n’era accorto. L’incontro è l’occasione per interrogarsi sullo sport – non solo sul calcio - come laboratorio e paradigma sociale, per domandarsi come stia cambiando e se sia ancora capace di rappresentare il modello che i bambini guardano e che i nostri ospiti hanno incarnato vivendo e raccontando.

SEGNATI L'EVENTO SU FACEBOOK!

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo