Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
mercoledì 24 aprile 2024
 
In Famiglia
 

«Per la crisi climatica dice che non vuole figli»

18/09/2023  Nostra figlia di 23 anni è preoccupata per il futuro a causa delle sfide economiche e dei cambiamenti climatici. Cerchiamo di contrastare questa visione priva di speranza con la nostra fede e ottimismo. Questa la lettera di una coppia di genitori al nostro esperto. Leggi la risposta.

Qualche giorno fa nostra figlia di 23 anni ci ha fatto un discorso che ci ha molto turbato. Ci ha detto che non pensa di mettere al mondo un bambino perché non sa se potrà mantenerlo, vista la difficoltà di trovare un lavoro stabile, e perché non sa in che mondo potrà vivere, visti gli enormi cambiamenti climatici che stanno sconvolgendo la nostra Terra. Ci è sembrato un atteggiamento privo di speranza, che abbiamo provato a contrastare con la nostra fede e con la nostra visione della vita.

RITA

 

– Cara Rita, sentendo molti ventenni che hanno pensieri simili, mi chiedo se la nostra generazione di adulti, diciamo dai 50 anni in su, non abbia vissuto un periodo particolarmente fortunato, animato dall’idea che fosse possibile migliorare il mondo con l’impegno e il lavoro di ciascuno. Gli eventi storici che, almeno per noi in Europa, hanno caratterizzato la seconda metà del secolo scorso, dopo la fine della Seconda guerra mondiale, hanno nutrito un atteggiamento fiducioso verso il futuro, che oggi non ritrovo nei nati tra la fine del Novecento e i primi anni di questo secolo.

Allo sbarco sulla Luna, alla caduta del muro di Berlino, i ragazzi contrappongono il crollo delle Torri gemelle, la pandemia, la guerra. La crisi climatica e i nuovi equilibri mondiali sembrano prefigurare scenari apocalittici che nei più sensibili provocano riflessioni analoghe a quelle di tua figlia. Per questo, diventa importante che noi adulti ci mettiamo in ascolto delle loro angosce e proviamo a proporre letture della realtà più equilibrate e meno estreme. Ci sono elementi di preoccupazione, è vero, ma anche tante risorse, soprattutto in loro giovani, che non vanno sottovalutate.

Assumiamoci il compito di “custodi della speranza” per loro. E quando parliamo del futuro, per favore, evitiamo toni eccessivamente drammatici, che magari rendono in termini di ascolti alla Tv, ma rischiano di intaccare la progettualità dei giovani.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo