logo san paolo
sabato 06 marzo 2021
 
L'Italia migliore
 

Per la prima volta un italiano alla guida dell'Unhcr

13/11/2015  Filippo Grandi sarà il nuovo capo dell'Alto Commissariato dell'Onu per i rifugiati. Sostituirà dall'inizio del 2016 l'uscente portoghese Antonio Guterres. Dovrà gestire la più grande emergenza profughi dalla fine della Seconda Guerra Mondiale

   Nell’ambiente lo chiamano “lo svizzero”, per un suo ascendente  elvetico, ma è italianissimo Filippo Grandi il prossimo capo dell’Unhcr, l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati. A designarlo alla guida dell’Agenzia dell’Onu  sarà lo stesso segretario Generale Ban Ki-Moon che ha informato l’Assemblea generale della sua nomina, al posto dell’uscente portoghese Antonio Guterres, a capo dell’agenzia dal 2005. 

    Grandi, che sarà il primo italiano a rivestire questo ruolo, entrerà in carica il primo gennaio del 2016, durante la più grande emergenza profughi dalla fine della Seconda Guerra mondiale: nel solo 2015 l’Unhcr ha dovuto gestire ben 60 milioni di rifugiati provenienti da paesi del Medio-oriente e dall’Africa. L’agenzia è presente in 123 Paesi del mondo.

Milanese, 58 anni, diplomatico, laureato in filosofia,  è entrato giovanissimo Unhcr: da trent’anni, infatti, è impegnato nella cooperazione internazionale e da 27 è funzionario presso le Nazioni unite. Dopo la laurea alla Statale e il servizio civile con Amnesty International, Filippo Grandi è partito volontario con il Catholic Relief Service per aiutare i profughi cambogiani nella Thailandia nord orientale. Dal 1988 al 2004, quindi,  ha operato nell’Unhcr al quartier generale di Ginevra come capo di gabinetto degli alti commissari Ruud Lubbers e Sadako Ogata, ma anche sul campo in Paesi come il Sudan (nello stato del Gedaref), Iraq dopo la prima guerra del Golfo, Afghanistan e nella regione dei Grandi Laghi in Africa Centrale.  Ha seguito come  capo missione Unhcr la guerra congolese (1997-2003).

    Quindi è stata la volta dell’Afghanistan dove è stato capo missione Unhcr per quattro anni, poi nominato rappresentante speciale del segretario generale per la supervisione delle presidenziali del 2004 e il voto parlamentare l’anno successivo. Poi, dal 2005 è stata la volta dell’esperienza “palestinese”, come vice Commissario generale dell’Agenzia per il Soccorso e l’Occupazione (Unrwa), nei Paesi del Medio-oriente in cui sono presenti campi-profughi palestinesi.  Dal 2010 è diventato il responsabile della stessa agenzia; già allora era l’italiano più alto in grado nel sistema Onu.

     La nomina «è una grande gioia, è il riconoscimento, dopo tanto tempo, di una posizione di primario livello dell'Italia dentro la grande famiglia dell'Onu», ha commentato il premier Matteo Renzi, parlando a La Valletta, a margine del summit di Malta sull'immigrazione. «Felice per la designazione di Filippo Grandi alla guida dell’Unhcr. È riconoscimento sue qualità e ruolo italiano nella crisi migratoria». Così ha scritto su Twitter il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni, soddisfatto per la nomina di Grandi. Il presidente della Camera Laura Boldrini, già portavoce dell’Unhcr per l’Italia, ha commentato: «E' la prima volta che l'Italia riveste questo alto ruolo in un momento in cui le migrazioni sono cruciali per il nostro futuro europeo e per la stabilità globale. Filippo Grandi  magari è poco noto al grande pubblico ma è noto e stimato estremamente nell'ambito internazionale. Ha lavorato quasi esclusivamente nel settore dei rifugiati, è l'autorità massima in questo ambito e mi fa piacere che questa conoscenza gli sia stata riconosciuta dandogli questo incarico».

I vostri commenti
1
scrivi

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 0,00 - 11%
    CREDERE
    € 78,00 € 57,80 - 26%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%
    I LOVE ENGLISH JUNIOR
    € 69,00 € 49,90 - 28%
    PAROLA E PREGHIERA
    € 33,60 € 33,50
    VITA PASTORALE
    € 29,00
    GAZZETTA D'ALBA
    € 62,40 € 53,90 - 14%