Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
martedì 23 luglio 2024
 
 

«Per lo Stato, la lotta alla mafia è una priorità?»

08/04/2016  Questa la domanda del magistrato di Reggio Calabria Giuseppe Lombardo, che risuona nella sala stracolma della “Casa del giovane”. Una sala che, per una sera (il 3 aprile scorso), ha ospitato un grande tema: “La mafia è stata sconfitta? La corruzione è l'habitat migliore per la mafia”. E a cui hanno partecipato nomi di grande spicco come il pubblico ministero Lombardo, il magistrato di Palermo che da anni vive sotto scorta, Nino Di Matteo – che il 4 aprile ha ricevuto la cittadinanza onoraria a Milano – l'ex magistrato Antonio Di Pietro, la deputata del Movimento 5 Stelle Giulia Sarti, e a cui è intervenuta anche la Carovana Antimafia Ovest Milano.

Il magistrato Giuseppe Lombardo. In copertina: Nino Di Matteo.
Il magistrato Giuseppe Lombardo. In copertina: Nino Di Matteo.

Alla domanda di Lombardo risponde senza mezzi termini il suo collega siciliano Nino Di Matteo: «Per lo Stato la vera lotta alla criminalità organizzata non è una priorità, ma oggi, la politica dovrebbe assumersi la responsabilità di considerarla tale».

È un quadro devastante delle istituzioni italiane e della politica, quello che viene tracciato da Lombardo e Di Matteo, che ogni giorno cercano di combattere, con le poche armi che il Governo concede loro, rispettivamente la 'Ndrangheta e Cosa Nostra. Si trovano d'accordo i due Pm, quando dichiarano che è nel Dna della criminalità organizzata – a tutti i suoi livelli – cercare il rapporto con il potere, perché senza quelli i mafiosi sarebbero solo degli «sciacalli».

Le organizzazioni mafiose questa consapevolezza ce l'hanno. I politici italiani no.
Sostiene Di Matteo: «Se abbiamo avuto dei risultati, seppur piccoli, non è grazie, ma nonostante la politica». A lui fa eco, Lombardo: «Continuiamo a sottovalutare la potenza della 'Ndrangheta. Il motivo? Perché manca il coraggio sia da parte della politica sia da parte dei cittadini».

Il Pm calabrese va oltre e ricorda che il 26 febbraio 1953 la Corte d'Assise d'Appello di Reggio Calabria dichiarò che era evidente il legame tra politica e mafia. «Cosa abbiamo fatto dal '53 a oggi?»,  tuona Lombardo. «Interroghiamoci su questo, altrimenti ci piace accettare la grande menzogna che la mafia è in ginocchio».

I relatori del convegno di Bergamo.
I relatori del convegno di Bergamo.

Ma come fa lo Stato a limitare e, a volte, addirittura a contrastare il lavoro dei magistrati in questa difficile lotta contro la criminalità organizzata? A cominciare è Nino Di Matteo: «Il problema risiede nell'impunità. Troppo spesso gli imputati legati alle cosche mafiose arrivano alla prescrizione e, quindi, non possono venire condannati. È da anni che chiediamo una riforma in quest'ambito. Ma non è mai stata approvata».

Parte della colpa arriva anche alla stessa magistratura. Continua Di Matteo: «Il concorso esterno in associazione mafiosa non è un reato che non esiste. Dobbiamo mettercelo in testa». E sulla magistratura poco incisiva torna anche Lombardo, che in Calabria si trova a dibattersi fra gli stessi problemi di Di Matteo: «La 'Ndrangheta si muove seguendo un disegno ben preciso, acquisire potere di condizionamento. E oggi il non voler considerare questo comportamento come penalmente rilevante, inserendolo nel 416 bis, è un errore, perché sarebbe uno strumento davvero efficace nella lotta alla mafia».

Il problema poi sta anche, secondo i due giudici, nel considerare tutto attraverso numeri e statistiche. È il momento di capire che non per forza vale di più un magistrato che produce più sentenze di altri, ma quel giudice che decide, anche a scapito della sua incolumità, di indagare a fondo negli affari illeciti della politica e delle organizzazioni mafiose.

Per una volta, non si può ridurre tutto a “numeri e statistiche”. Nonostante le istituzioni lascino spesso soli quei magistrati che tutti i giorni combattono la mafia, Di Matteo e Lombardo hanno ancora oggi la forza di non piegarsi, di lottare e di chiedere a gran voce sia alla politica sia ai cittadini di avere coraggio. Perché oggi, quello di cui abbiamo bisogno è una vera cultura antimafiosa e uno Stato più fermo e autorevole.

I vostri commenti
5

Stai visualizzando  dei 5 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo