logo san paolo
domenica 28 novembre 2021
 
 

Perche' sono orgoglioso di essere italiano

25/02/2011 

"Perché sono orgoglioso
di essere italiano"

Raccontalo qui
“Perché sono orgoglioso d’essere italiano?” E’ la domanda che vi poniamo. Pochi giorni fa una maestra in una scuola elementare del Veneto ha dato un tema per casa ai suoi alunni. Il titolo era assai simile alla nostra domanda iniziale: “Perché mai è bello essere italiani?” Uno dei bambini, tra gli altri motivi, ha elencato: “Perché mi chiamo Leonardo come Leonardo da Vinci”; “perché facciamo la pizza”, ma anche “perché mi piace la focaccia genovese”; “perché i nonni da noi sono importanti”; ma anche “perché i figli sono tutti uguali”; “perché gli Svizzeri c’hanno il cioccolato, ma noi la Nutella”; “perché in Italia ci si diverte… un mondo”; “perché c’è chi può parlare ladino, francese o arabo ed è comunque italiano”; “perché abbiamo le Frecce tricolori’”, ma anche “perché accogliamo chi si rifugia”; “perché siamo ‘made in Italy’” e, chiusa deliziosa, “perché sogno in italiano”. Nella sua perfetta ingenuità infantile, proprio una bella iniezione d’ottimismo e speranza in una Patria migliore.   

Roberto Benigni a Sanremo.
Roberto Benigni a Sanremo.

Roberto Benigni ci è viene in aiuto, rispondendo da par suo alla stessa domanda in una memorabile serata sanremese. La sua “esegesi” dell’inno di Mameli, esemplare lezione di storia del Risorgimento e insieme dissacrante, elegiaco pamphlet sull’Italia d’oggi, ha compiuto un piccolo miracolo: risuscitare quel sentimento per tanto tempo disprezzato, trascurato, perfino sbeffeggiato che si chiama amor patrio.   

     Il “professor” Benigni ci ha ricordato che l’Italia non è nata per caso, ma per  l’eroismo di alcuni, uomini e donne,  che per l’ideale dell’unità nazionale hanno dato la giovinezza, l’ingegno, la vita stessa. In pochi minuti, dal palco dell’Ariston, il “giullare” toscano ha sdoganato definitivamente  quel genuino sentimento di orgoglio nazionale, assai diverso dallo sciovinismo, che  altro non è se non l’amore per il luogo in cui si è nati e si vive. E che non è valore della destra o della sinistra, ma è valore e basta.       

    

    Spesso la nostra professione di informatori ci porta, invece, a evidenziare i motivi per i quali dovremmo vergognarci d’appartenere a questo Paese. Ci porta, doverosamente, a denunciare nefandezze e  storture, svelare imbrogli e  sconcezze. Per una volta,  proviamo a concentrarci sul perché possiamo ancora dire: “sono fiero d’essere italiano”, anche correndo il rischio di scivolare sul piano inclinato dei luoghi comuni, perché perfino dietro gli stereotipi più triti, del tipo “siamo un popolo d’artisti, santi e navigatori”, sta un frammento di verità.   

     E poi, non scordiamoci che l’indignazione o la vergogna scaturiscono necessariamente dal loro opposto: l’orgoglio e l’ammirazione spontanei, che un brutto giorno sono stati traditi e oltraggiati. Se non fossimo consci, ad esempio, del tesoro storico-artistico che custodiamo a Pompei e non ne andassimo orgogliosi, non ci vergogneremmo per il crollo della domus del Gladiatore.    E così, se non andassimo fieri dei nobilissimi ideali che infervorarono il giovane Mameli, donna Anita e tutti quei “giovani e forti” che “fecero l’Italia”, non saremmo, oggi, così intristiti davanti alle cronache quotidiane. Omaggiare i “Padri della patria” il 17 marzo con un giorno celebrativo a qualcuno può dispiacere, forse anche perché rivela impietosamente la distanza tra il “fare festa” e “fare festini”. E allora essere orgogliosi di sentirsi italiani val bene una festa.  Buon 17 marzo.

I vostri commenti
23

Stai visualizzando  dei 23 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo