logo san paolo
domenica 26 giugno 2022
 
 

Perché ai fedeli non viene data sempre la Comunione al calice?

05/06/2019 

E.C. - Perché ai fedeli non viene data sempre la Comunione anche con il vino come ha fatto Gesù? Le ragioni igieniche non mi sembrano sufficienti.

Il comando del Signore è chiaro: «Prendete e mangiate... prendete e bevete...». Per quasi tutto il primo millennio questo è stato il modo di comunicare i fedeli durante la celebrazione eucaristica. Tuttavia ai malati e ai prigionieri si portava da sempre la Comunione con il solo segno del pane, senza per questo pensare minimamente a una Comunione dimezzata. Fra il X e il XII secolo la teologia giunse opportunamente ad affermare che la presenza sacramentale del Risorto, sebbene significata separatamente nei segni del corpo e sangue, è unica e totale sia nell’uno che nell’altro segno. Verità teologica che venne incontro alle pratiche difficoltà che incontrava la Comunione al calice per tutti i fedeli. Il che portò progressivamente alla sua totale scomparsa e persino alla sua proibizione (1415). In Oriente è restata fino a oggi, ma facendo della Comunione dei fedeli un fatto meno frequente. Ripristinata in Occidente nel 1965, oggi è praticamente sempre possibile tenendo conto delle persone e delle circostanze.

I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo