Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
lunedì 20 maggio 2024
 
Il Teologo
 

«Perché esiste il male anche se è stato Dio a creare tutto?»

06/04/2023  «Se Dio non avesse creato l’universo e tutto quello che contiene, esisterebbe il male?» Leggi la risposta del teologo Marco Staffolani

Se Dio non avesse creato l’universo e tutto quello che contiene, esisterebbe il male?

MASSIMO MAGNANI

La parola di Dio in Genesi 1 ci ricorda, quasi come un ritornello, l’originaria positività del nostro e altrui esserci, radicandolo nel compiacimento di Dio dopo aver creato: «E vide che era cosa buona». In Sapienza 1,14 si ribadisce l’assenza iniziale del male in quanto Dio «ha creato tutto per l’esistenza; le creature del mondo sono sane, in esse non c’è veleno di morte». È poi un bene primario che l’uomo sia creato libero.

Tale dono sommo consiste nell’accettare o rifiutare il legame “vitale” che abbiamo con la Trinità. Possiamo quindi, con il nostro agire, scegliere Dio (incrementando il bene già insito nella creazione) oppure rifiutarlo, operando la “perdita di un bene”. È questo che chiamiamo male!

Se Dio non avesse creato il “tutto” sicuramente non ci sarebbe il male, ma, ancor prima, mancherebbe il bene della nostra storia. Dio preferisce “rischiare” che vi sia il male perché è proprio della Trinità non calcolare ma amare, non accontentarsi del nulla ma creare. Di più. Il Padre paga “a caro prezzo”, la “riparazione” del nostro male, donandoci la vita del suo Figlio. Qui sta il mistero della Quaresima: Gesù che si carica liberamente, con la sua Passione, Morte e Risurrezione del nostro male/peccato.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo