logo san paolo
sabato 04 dicembre 2021
 
Il teologo
 

Perché negare agli omosessuali di volersi bene tutta la vita?

21/08/2015 

Perché negare a due persone omosessuali di volersi bene per tutta la vita? Non possono procreare, ma potrebbero adottare.

Eleonora

Nessuno oggi contesta il diritto di due persone omosessuali a volersi bene e unire le loro vite in un rapporto che dura tutta la vita. Il problema è se questo rapporto debba avere un riconoscimento giuridico di tipo matrimoniale, cioè un rapporto che non solo lega due persone tra di loro (amore unitivo), ma evolve rendendole capaci di creare vite nuove (amore procreativo). L’amore omosessuale non porta in sé la valenza procreativa, per cui non è equiparabile per natura e responsabilità all’amore eterosessuale.

Entrambi sono amori, ma molto diversi, per cui non possono avere riconoscimenti identici. Non posso chiedere di partecipare alle gare di “formula uno” se ho una semplice 500. Sono tutte macchine, ma avendo prestazioni diverse hanno diritti diversi. E non è vero che la scienza ha dimostrato che è indifferente per un bimbo avere due papà o un papà e una mamma. Per capirlo basta riflettere sulla propria esperienza personale nel rapporto con papà e mamma.

I vostri commenti
42

Stai visualizzando  dei 42 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo