logo san paolo
venerdì 19 agosto 2022
 
Colloqui col padre
 

«Perché non scrivete mai articoli contro gli immigrati criminali?»

14/07/2016  Un lettore ci accusa: «Volete evitare il rischio di fare arrabbiare, ancor di più, gli italiani onesti?». Don Sciortino risponde

Perché non scrivete mai articoli sui misfatti commessi dagli immigrati? Volete evitare il rischio di fare arrabbiare, ancor di più, gli italiani onesti? Eppure, i casi di razzismo alla rovescia, cioè nei confronti degli italiani che sono trattati peggio degli immigrati, sono tanti. Basta informarsi. Voi non volete capire che i musulmani non si devono proprio accogliere! Dovreste ri‹flettere su che cosa succede in alcuni quartieri di città europee, dove vige la “sharia” (la legge sacra islamica), dove le donne vanno in giro coperte dalla testa ai piedi e i cristiani sono malvisti e osteggiati. Io non voglio che accada lo stesso nelle città italiane. L’islam non è una religione di pace, è solo fonte di enormi problemi sociali e di ordine pubblico.

ANTONELLO D. - Verona

Un delinquente è tale per quello che fa, non certo per l’appartenenza a un popolo o all’altro. La responsabilità è sempre personale, non si possono colpevolizzare intere categorie di persone, solo perché si scopre una mela marcia. Ma anche la giustizia dev’essere equanime. A parità di reato, non ci sono alcuni che sono meno colpevoli degli altri, solo perché hanno la pelle un po’ più chiara, un conto in banca ben nutrito e una schiera di costosi avvocati. Vivere di pregiudizi e alimentare le paure, anche quando non ce n’è alcuna ragione, genera malessere, divisioni e anche odio, specie contro gli immigrati. Spesso con l’irresponsabile complicità di tanti mezzi di informazione, che sono “fogli d’ordine” a servizio di ideologie xenofobe e razziste. Quando ghettizziamo gli immigrati, isolandoli in un quartiere della città, è quasi peggio che respingerli in mare. L’integrazione è qualcosa di serio, che richiede accoglienza, solidarietà e impegno di risorse. Se vogliamo che gli immigrati siano una risorsa e non una fonte di problemi.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo