logo san paolo
domenica 14 agosto 2022
 
 

Uomo e donna: diversi, non nemici; dono, non intralcio

25/09/2015  La differenza sessuale e la sua bellezza nella complementarietà. Continuano i lavori di gruppo all'Incontro mondiale delle famiglie cui stanno partecipando ben 20 mila persone. Domani qui arriva papa Francesco.

Philadelphia, Usa
Dal nostro inviato

I gruppi di lavoro del Convegno internazionale di Philadelphia sulla famiglia si confermano una miniera sempre più ricca di gioielli da scoprire, e credo che dovremo esplorarla a lungo, nei prossimi mesi, quando il materiale verrà pubblicato sui vari siti.  Ieri,  in particolare, è stata estremamente illuminante la presentazione di suor Sara Butler, una statunitense, che ha affrontato con grande serenità e precisione uno dei nodi culturali più controversi del nostro tempo: la differenza sessuale e la sua bellezza nella complementarietà. Una relazione pacata, precisa, che ha saputo leggere con grande attenzione le legittime esigenze di chi nega il valore della complementarietà tra i sessi, che il Magistero della Chiesa invece costantemente richiama.

Non pretendo di sintetizzare le varie argomentazioni sviluppate (davvero varrà la pena di rileggerle, comunque). Quello che più mi ha colpito, piuttosto, è stata la descrizione della “cattiva complementarietà”, vale a dire il modo in cui lo stesso mondo cattolico non è stato capace di presentarla. Troppo spesso, infatti, si è dato della complementarietà una descrizione basata su stereotipi sociali, che è stata “androcentrica” (noi avremmo detto “maschilista”) e gerarchica. Per cui la complementarietà è stato spesso raccontata non come piena e totale simmetria tra l’uomo e la donna, uguali benché diversi, ma come “la donna complementare all’uomo”, e subordinata alla sua capacità di guida: quindi l’uomo comanda, e sta sulla scena pubblica, la donna copre i buchi dell’uomo. L’uomo sarebbe, insomma, il modello base dell’umanità, e la donna una sua variante «inferiore» (uso, tra virgolette, le precise parole di suor Butler).

Invece uomo e donna si completano/complementano reciprocamente, in modo totalmente paritario e simmetrico, e «sono due modi per essere un corpo», entrambi pienamente soggetti, «uguali ma differenti, ma non inferiori». Lottare contro alcuni pregiudizi sul maschile e femminile non significa quindi negare la differenza sessuale; anzi, togliere questi condizionamenti sociali sul maschio “leader” e sulla donna “a servizio” ci aiuterebbe a far splendere meglio la grande verità della complementarietà tra i sessi. Uomo e donna sono uno di fronte all’altro, e si aiutano reciprocamente a capirsi fino in fondo. E ognuno ha bisogno della differenza dell’altro, per capire se stesso fino in fondo. In questa prospettiva diventa davvero potente la provocazione lanciata alla fine dell’intervento: grazie a Giovanni Paolo II  abbiamo dato un nome e una qualità al “genio femminile”. Ma chi ha mai provato a definire il “genio del maschile”? A noi uomini, maschi, mariti e padri, spetta per primi questo compito.  

* Francesco Belletti è il direttore del Cisf (Centro internazionale studi famiglia) e  presidente del Forum delle associazioni familiari

I vostri commenti
2

Stai visualizzando  dei 2 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo