logo san paolo
lunedì 13 luglio 2020
 
Morire di otite
 

Piero Angela: «L'omeopatia è acqua fresca. Lo dicono sentenze e premi Nobel»

29/05/2017  Riportiamo in anteprima un capitolo dell'autobiografia del popolare conduttore televisivo in cui racconta la sua odissea giudiziaria, conclusasi con l'assoluzione, per aver mostrato durante una puntata di Superquark come la più popolare tra le medicine alternative, al centro della cronaca dopo il caso del bambino morto per un'otite non curata, non abbia alcun fondamento scientifico. E a supporto riporta le dichiarazioni di premi Nobel come Rita Levi Montalcini e Renato Dulbecco.

Domani esce Il mio lungo viaggio- 90 anni di storie vissute (Mondadori), autobiografia di Piero Angela. Pubblichiamo in anteprima uno stralcio dei capitoli Medicine alternative: illusioni e tragedie e Omeopatia: processo a Piero Angela.

L’aspetto più preoccupante riguardo alle pseudoscienze è che hanno invaso sempre più il campo della medicina, in varie forme (...)  L’elenco è lunghissimo, e al suo interno c’è di tutto. Senza entrare nei dettagli, la cosa che colpisce è che certe persone preferiscano curarsi con queste terapie “alternative”, non riconosciute come valide dalla scienza, anziché con quelle che hanno dimostrato la loro efficacia. Ma vi pare un comportamento sensato? Come disse saggiamente la madre di Michele Mirabella: “Io mi curerò con una medicina alternativa quando mi ammalerò di una malattia alternativa!”.

Le ragioni di questo comportamento sono le più varie, e anche i casi sono tra loro differenti. Ci sono persone che, per sentito dire, usano prodotti alla moda per “curare” disturbi leggeri o di tipo ciclico che probabilmente se ne andrebbero via da soli (mio padre, che era psichiatra, diceva che per questi disturbi funzionava bene l’ACP, “Aspetta Che Passi”). L’effetto placebo in queste situazioni fa naturalmente la sua parte (piccola parentesi per ricordare che l’effetto placebo esiste in tutte le terapie, e ancor più in quelle valide). All’opposto, esistono casi estremi, che presentano situazioni irrimediabili, in cui i pazienti spesso tentano di tutto, anche l’impossibile, per salvarsi. E sono disposti a rivolgersi a chiunque proponga una cura miracolosa. All’epoca del caso Di Bella, mi telefonò un amico che non sentivo da tempo, professore di Genetica all’Università di Torino: mi confidò che aveva metastasi ovunque e mi chiese se potevo procurargli un contatto con Di Bella. “Lo so, lo so, ma cosa vuoi che faccia nelle mie condizioni?” Ci sono però altre persone che hanno malattie serie ma sulle quali è ancora possibile intervenire e che decidono di curarsi con terapie inefficaci anziché con quelle valide. Questi sono i casi più incomprensibili e più gravi. Qualche anno fa, un regista che aveva lavorato con me venne a chiedermi l’indirizzo di un bravo oncologo per un caso disperato di tumore al seno; gli chiesi quale fosse il problema e mi disse che sua cognata si era curata con l’omeopatia, ed era ormai terminale. Morì infatti poche settimane dopo.(...) Questi sono casi in cui l’uso di certe terapie “alternative” è criminale. Ed è soprattutto in questo campo che è necessario informare l’opinione pubblica sui rischi che si corrono se ci si lascia sedurre da cure “dolci”, “non invasive”, “naturali”, che “non intossicano”, che “sono osteggiate dalle multinazionali per ragioni di interessi”, che “curano non il sintomo ma la persona”, eccetera.

Purtroppo i mezzi d’informazione, in generale, non si impegnano molto per combattere questi pseudofarmaci. E il paradosso è che chi cerca di farlo, come me, può trovarsi sul banco degli imputati! Infatti, per un servizio di “Super- Quark” – realizzato insieme a Giangi Poli – sull’inefficacia dell’omeopatia ebbi tre denunce per diffamazione da parte di medici omeopati. (...) Spiegai alla Corte in cosa consisteva l’omeopatia. Partendo da una sostanza ritenuta (dagli omeopati) simile a quella che ha provocato la malattia, si procede a una serie di diluizioni. In un contenitore si mettono 99 parti di acqua e una sola parte di questa sostanza “attiva”. Poi si agita verticalmente 100 volte. A quel punto si getta via il 99 per cento del contenuto, e lo si riempie nuovamente con altra acqua. Quindi la sostanza iniziale da una parte su cento si riduce a una parte su diecimila, cioè a un decimillesimo. Poi si ripete l’operazione una seconda volta, una terza, una quarta, e così via, sempre gettando il 99 per cento della soluzione e tornando a riempire il contenitore di acqua. Da un decimillesimo si passa quindi a un milionesimo di sostanza attiva, poi a un centomilionesimo, a un decimiliardesimo. Alla tredicesima diluizione non esiste più staticamente una sola molecola della sostanza iniziale. E si continua ancora a diluire: 14, 15, 20, 30, 40, 50, 60, 120 volte. A quel punto non esiste più alcuna molecola che sia stata in contatto non solo con la sostanza attiva, ma neppure con l’acqua che era stata a contatto con lei. Insomma, “acqua fresca” (devo dire che la definizione nel servizio non era mia, ma di un illustre immunologo). Ed è quest’acqua che costituisce il farmaco miracoloso per curare i malati!

Ci furono in tutto cinque processi, compresi i ricorsi. Ero difeso dall’avvocato Giulia Bongiorno, persona eccellente (e molto aggressiva in udienza). Fui interrogato a lungo, e portai una documentazione probante: rapporti scientifici internazionali di grande autorevolezza e dichiarazioni di personalità del mondo della ricerca medica quali i professori Umberto Veronesi, Silvio Garattini, Alberto Mantovani, ma anche due interventi di premi Nobel, che mi felicitavano per il servizio e che furono decisamente drastici nel giudizio sull’omeopatia: Rita Levi Montalcini (“Una non cura, potenzialmente pericolosa, perché sottrae i pazienti da cure valide”) e Renato Dulbecco (“Pasticci senza valore alcuno”). Con questo volume di fuoco era difficile perdere la causa, anche se in uno dei processi il pubblico ministero, contrariamente agli altri che chiedevano la mia assoluzione, mi attaccò con notevole virulenza. Scoprii dopo (me lo disse lui stesso) che si curava con l’omeopatia, e così pure la sua famiglia… Meno male che non era il giudice!

I vostri commenti
50
scrivi

Stai visualizzando  dei 50 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 92,90 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 0,00 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%