Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
domenica 19 maggio 2024
 
 

Pietà per Davide e per quel nonno

13/10/2014  La storia di nonno Danilo, che ha scelto di uccidere il nipote gravemente disabile e uccidersi con lui. Un dramma che esige rispetto

Davide sorrideva spesso. Era uno dei segni della sua malattia: la sindrome di Angelman. I genitori, Matteo e Angela, l’avevano iscritto all’associazione “Sorriso Sport Disabili” di Mira, nel Veneziano, dove domenica 5 ottobre aveva partecipato anche ad una gara di atletica.  “Trofeo Sorriso”, si chiamava. Anche se in quella vita segnata dalla difficoltà di camminare e parlare non c’era molto da sorridere.
Unico, grandioso, raggio di luce il sostegno e la cura amorevole dei genitori. «Davide», hanno detto i vicini di Spinea, puntuali come il coro in una tragedia greca, «ha iniziato tardi a camminare, ma aveva fatto passi importanti. L’abbiamo visto crescere, era emozionante vedere come il papà Matteo e la mamma Angela si prendevano cura di lui».

Lo scrittore Giuseppe Pontiggia sosteneva che i bambini disabili nascono sempre due volte: la prima li vede impreparati al mondo, la seconda è una rinascita affidata all'amore, all’intelligenza e alla dedizione degli altri. Così, forse, è stato anche per il piccolo Davide.

Solo che ad un certo punto ha preso il sopravvento la disperazione e la paura, umanissima, di non farcela più. Domenica pomeriggio, mentre i genitori erano a Perugia per un convegno su quella malattia genetica rara e incurabile del figlio, nonno Danilo ha sollevato Davide dalla carrozzina, probabilmente gli ha dato un'ultima carezza, poi lo ha abbracciato forte e ha deciso il destino di entrambi gettandosi in un fiume e annegando insieme. I corpi li hanno trovati abbracciati mentre galleggiavano lungo l'Adigetto di Lendinara, a Rovigo.

Impossibile capire cosa sia passato nella mente e nel cuore di quest’uomo che pure amava quel nipotino fragile e sfortunato. Il cuore umano è un abisso, un «guazzabuglio». Nessun giudizio è davvero possibile se non un silenzio rispettoso e pietoso. Unica risposta possibile, forse, all’irriducibile sofferenza di quel nonno, al suo grido muto di aiuto.

I vostri commenti
4

Stai visualizzando  dei 4 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo