Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
giovedì 25 luglio 2024
 
 

Pietro Vento: il 60% degli italiani vuole la decadenza di Berlusconi

18/09/2013  L’opinione degli italiani alla vigilia del primo voto in Giunta sulla decadenza di Berlusconi: le incognite sullo scenario politico nel sondaggio dell’Istituto Demopolis per il programma Otto e Mezzo (LA7)

Sei italiani su dieci ritengono che sia giusto che Silvio Berlusconi decada da senatore; di parere diverso è circa un terzo dei cittadini. È il dato che emerge dall’indagine condotta dall’Istituto Demopolis per il programma Otto e Mezzo (LA7) alla vigilia del primo voto della Giunta del Senato, previsto per domani.

 

A dichiararsi favorevoli alla decadenza dell’ex Premier da Palazzo Madama è oltre il 90% degli elettori di PD e M5S. Ritiene giusta l’applicazione della legge Severino, dopo la condanna in terzo grado, appena l’8% degli elettori del Popolo della Libertà. 

Meno netta appare l’opinione degli italiani sul futuro politico del fondatore di Forza Italia e del PDL: se il 54% considera opportuno un ritiro dalla vita politica, il 37% dei cittadini ritiene invece che Berlusconi, pur decadendo da senatore, debba mantenere comunque la leadership del suo partito.



Il dibattito degli ultimi giorni ha toccato i possibili riflessi della decisione della Giunta sulla tenuta della maggioranza: secondo il sondaggio Demopolis per il programma condotto su LA7 da Lilli Gruber, il 59% di quanti hanno votato il PDL alle ultime elezioni ritiene opportuno che il partito mantenga l’appoggio al Governo Letta; il 34% vorrebbe invece togliere la fiducia con le dimissioni dei ministri dall’Esecutivo per puntare a nuove elezioni.



“L’ipotesi di un ritorno alle urne – sostiene il direttore di Demopolis Pietro Vento – non sembra però appassionare gli italiani: pur amando poco le larghe intese, il 58% degli elettori non ritiene oggi utili le elezioni anticipate. Appena il 15% vorrebbe tornare subito al voto, mentre poco più di un quarto degli intervistati prende l’ipotesi in considerazione, ma solo dopo aver cambiato la Legge elettorale. A chiedere il cambiamento del Porcellum è l’83%% degli italiani: una maggioranza netta e politicamente trasversale che vorrebbe da tempo riappropriarsi della possibilità di scegliere i propri parlamentari. L’opinione pubblica – conclude Pietro Vento – appare fra l’altro convinta che potrebbe ripetersi, con questa legge elettorale, un risultato similare a quello registrato a fine febbraio, con una conseguente ingovernabilità del Paese”. 

Una possibilità molto concreta, che appare confermata dal Barometro Politico  di settembre dell’Istituto Demopolis: se si tornasse alle urne, con una affluenza in ulteriore calo, Centro Sinistra e Centro Destra rimarrebbero oggi sotto gli 11 milioni di voti, con uno scarto tra le due coalizioni inferiore ai 100 mila voti. 

Nota metodologica ed informativa - L’indagine è stata condotta, dal 15 al 17 settembre 2013, dall’Istituto Demòpolis - per il programma Otto e Mezzo (LA7) - su un campione di 1.000 intervistati, rappresentativo dell’universo della popolazione italiana maggiorenne, stratificato per genere, età ed area geografica di residenza. Direzione della ricerca a cura di Pietro Vento, con la collaborazione di Giusy Montalbano e Maria Sabrina Titone. Supervisione della rilevazione con metodologia CATI-CAWI di Marco E. Tabacchi. Nota metodologica completa su: www.demopolis.it

Multimedia
"Decaduto o non decaduto": l'ultimo videomessaggio di Silvio
Correlati
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo