logo san paolo
sabato 06 marzo 2021
 
RAPPORTO CARITAS-MIGRANTES
 

Più stranieri? Nel Nord-est, Marche e Umbria sono addirittura calati

07/07/2016  A causa della crisi economica si registra una diminuzione della presenza di immigrati. L'indagine sfata il (falso) mito dell'invasione. Il lavoro fotografa la situazione degli oltre 5 milioni di stranieri residenti in Italia (l’8,2% della popolazione), di cui il 52,7% donne.

Lo aveva detto, monsignor Nunzio Galantino, segretario della Cei: «Innanzitutto, il linguaggio. L’uso di alcune parole (invasione, emergenza, crisi…) non aiuta certamente ad affrontare correttamente le trasformazioni corso; contribuisce, piuttosto, a falsare i dati reali e ad allargare la forbice tra percezione e realtà del fenomeno migratorio (30% la percezione; 8,2% i numeri reali)». Il 25° Rapporto di Caritas e Migrantes, presentato nei giorni scorsi e dal sottotitolo eloquente “La cultura dell’incontro” rileva che, nel 2015, sono «sostanzialmente stabili i numeri dei cittadini stranieri residenti nel nostro Paese, pari a 5 milioni circa (+1,9% rispetto al 2014)». Gli sbarchi dello scorso anno, dunque, non hanno prodotto effetti sul panorama migratorio nazionale. «Molti di coloro che sono giunti via mare hanno lasciato il nostro Paese mentre una parte residuale ha chiesto l’asilo», spiegano i dati. Che confermano anche le caratteristiche di una migrazione che privilegia il Nord al Sud del Paese, seguendo di fatto il mercato del lavoro. Stabile la presenza storica di romeni, albanesi, marocchini, cinesi e ucraini.  L’incidenza complessiva degli stranieri sulla popolazione italiana è di poco superiore all’8 per cento.Improprio parlare di "invasione": a causa della crisi, nel Nord-est, Marche e Umbria, gli stranieri sono addirittura calati. Sale invece la richiesta di cittadinanza: nel 2015 sono state acquisite 129.887 cittadinanze, con un incremento del 29 per cento. Ingiustificato dunque il grido di allarme che sale da più parti rispetto a una immigrazione in aumento e incontrollata. 

Lo ribadiscono sia don Francesco Soddu, direttore di Caritas italiana sia monsignor Gian Carlo Perego presidente di Migrantes. E lo ripete ancora il segretario della Cei. Preoccupato di una lettura del fenomeno che fomenta odio e razzismo. Parlando ancora prima dei fatti di Fermo e dell’uccisione di Emmanuel Chidi Namdi,monsignor Galantino aveva ricordato come «alla lettura integralista dell’Islam da parte di alcuni, si va facendo strada una lettura integralista e, quindi, ideologica del Vangelo, fino ad arrivare a quello che due giovani hanno fatto sul Lungomare del Porto d’Ascoli: due bengalesi, che vendevano fiori, pestati a sangue perché non hanno saputo recitare il Vangelo». Non solo, Galantino ricorda che «la riaffermazione del ruolo pubblico della religione cristiana, che alcuni Stati e alcuni movimenti stanno veicolando, in realtà riduce l’esperienza religiosa a uno strumento da opporre all’altro. Se e quando si riesce – con grande realismo e senza facili irenismi – a guardare al fenomeno migratorio liberandolo da facili, deformanti e disinformate equazioni, è possibile percorrere un’altra strada, che è quella nella quale la Chiesa si riconosce».

Ricordando, come più volte ha sottolineato papa Francesco che «gli immigrati sono un dono e non un peso», Galantino ha ribadito che «l’immigrazione costringe a guardare la storia a partire dalla prospettiva di “quelli che non ce la fanno”; il fenomeno della mobilità va guardato con gli occhi – il più delle volte impauriti – dei “profughi”. Quello della mobilità è un fenomeno di volti e di storie che dovremmo almeno tentare di immaginare!».

Il 25° Rapporto offre una fotografia esaustiva della situazione della popolazione straniera presente in Italia soffermandosi sulle situazioni che più di altre meritano attenzione. È il caso degli oltre 2 milioni di lavoratori immigrati che soffrono però di un trattamento economico inferiore anche del 30 per cento rispetto ai colleghi italiani. 

I vostri commenti
2
scrivi

Stai visualizzando  dei 2 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 0,00 - 11%
    CREDERE
    € 78,00 € 57,80 - 26%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%
    I LOVE ENGLISH JUNIOR
    € 69,00 € 49,90 - 28%
    PAROLA E PREGHIERA
    € 33,60 € 33,50
    VITA PASTORALE
    € 29,00
    GAZZETTA D'ALBA
    € 62,40 € 53,90 - 14%