Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
lunedì 20 maggio 2024
 
Pro e contro
 

Polemica per un convegno alla Camera contro i vaccini

13/04/2017  Organizzata a Montecitorio dal deputato Adriano Zaccagnini con il titolo "Libertà di scelta per vaccinarsi in sicurezza". Contrari la Società dei pediatri, la Federazione dei medici e il ministro Lorenzin

Continua il duello tra il vasto schieramento di chi è assolutamente favorevole alle vaccinazione e coloro che mettono in discussione la validità di questa pratica, mettendo l’accento sui rischi che comporta sulla salute di bambini e adulti.  L’ultima querelle è sorta in occasione di una conferenza stampa dal titolo “Libertà di scelta per vaccinarsi in sicurezza” organizzata a Montecitorio dal deputato Adriano Zaccagnini, fuoriuscito dal Movimento 5 stelle e approdato nel gruppo bersaniano di Mdp. Questi gli ospiti: Prof. Fabrizio Strata (Università degli Studi di Parma, Ricercatore, Dipartimento di Neuroscienze, Sezione di Fisiologia, Facoltà di Medicina); la Dott.ssa Maria Gabriella Lesmo Pediatra, Specializzata in Anestesiologia e Omotossicologia; la Dott.ssa Patrizia Franco Pediatra Omepata e Nutrizionista; il Dott.Gerardo Rossi Medico Chirurgo, Membro Associazione dei medici per l'ambiente ISDE, Direttore scientifico del Mineral Test; l'Avvocato Roberto Mastalia esperto di malpractice medica e Presidente Associazione Auret. Si è accusato la presidenza della camera di aver concesso lo spazio per un evento non certo in linea con le direttive ministeriali. Così ha replicato Laura Boldrini: «Io alla Camera non sono la sovrana che decide tutto, questa conferenza viene fatta in sala stampa dove io non ho modo e titolo d'intervenire. Sarebbe gravissimo se la Presidente la concedesse o meno sulla base dei contenuti». D’altronde la posizione della presidente è inequivocabile. Due mesi fa ha lanciato la campagna twitter #bastabufale  contro le fakenews in cui diceva:  «Le bufale possono provocare danni reali alle persone, come si è visto anche nel caso dei vaccini pediatrici». E oggi ha ribadito: «Essere informati è un diritto, essere disinformati è un pericolo».
«Chiediamo libertà di scelta, anamnesi e personalizzazione del calendario vaccinale, perché non è possibile vaccinare tutti i bimbi nello stesso modo a tre mesi», questa la posizione di Zaccagnini che aggiunge «chiediamo anche dati pubblici sulle segnalazioni avverse a seguito delle vaccinazioni». «Io sono stato a un centro vaccinale e ho notato l'assenza totale di bugiardini o informazioni su quello che sarebbe stato somministrato ai miei figli». Inoltre, aggiunge, «oggi è offerto ai nuovi nati solo l'esavalente e non il tetravalente, come dovrebbe essere, visto che sono solo 4 i vaccini obbligatori e non 6. Questa è la situazione più o meno nel 90% delle asl e non è giusto che questo sia il modo in cui debbano venire accolti i genitori».
 

Ribatte Giuseppe Mele, presidente di SIMPe (Società italiana medici pediatri) e responsabile scientifico Sanità in-Formazione «Quanto sta avvenendo nel nostro Paese è incredibile, sono in continuo aumento i casi di morbillo e pertosse: gli anti-vaccinisti hanno gravi responsabilità».
La Federazione degli Ordini dei medici afferma: «Sarebbe bene non commentare queste posizioni così contrarie non solo alle evidenze scientifiche, ma al buonsenso stesso. Si rischia  di dare ulteriore pubblicità a un evento che forse, altrimenti, sarebbe rimasto circoscritto a pochi adepti». Ad ogni modo, per i professionisti, «paventare teorie infondate sui vaccini, che non possono essere corroborate da solide prove, e farlo in una sede istituzionale come la Camera dei Deputati, lungi dal fare chiarezza, non può che aumentare la confusione e il panico, in un momento di pericoloso calo delle coperture vaccinali che, per il morbillo, ha già dato i suoi frutti in termini di epidemie».  
Il virologo Roberto Burioni ha scritto che  l'iniziativa anti- vaccini è un «insulto al Parlamento» e una «vergogna». Immediato l'attacco del ministro Lorenzin: «Ancora una volta i paladini dell'antiscienza tentano blitz nelle sedi istituzionali per cercare di dare visibilità a tesi anti vax basate sul nulla, su dicerie anti scientifiche contestate da tutta la comunità e dagli istituti internazionali. Il capogruppo di MdP, Francesco Laforgia, ha rimarcato che l'iniziativa di Zaccagnini «è personale e non ha niente a che vedere con la posizione del gruppo. Non c'è da scherzare: siamo a favore delle vaccinazioni». 

 

I vostri commenti
4

Stai visualizzando  dei 4 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo