logo san paolo
martedì 19 ottobre 2021
 
 

Tusk convince la Polonia del boom

10/10/2011  Il premier uscente Tusk vince le elezioni sull'onda del boom economico del Paese, che cresce nonostante la crisi mondiale. La diplomazia con Russia e Germania.

Donald Tusk (a sinistra) e Stanislaw Kaczynski.
Donald Tusk (a sinistra) e Stanislaw Kaczynski.

Arrivato a sfiorare il 40% dei voti con il partito liberale centrista Piattaforma Civica, il primo ministro uscente (e presto rientrante) Donald Tusk si appresta a conquistare un record storico per la Polonia post-comunista: dal crollo del regime nel 1989, Tusk è l’unico politico che sia riuscito a conquistare due mandati consecutivi di governo.


     La maggioranza cui Tusk potrà appoggiarsi non è al momento amplissima (i 206 seggi del suo partito andranno a sommarsi ai 28 del Partito dei contadini, sui 460 totali del Parlamento), ma non è ancora chiaro dove andranno a parare i seggi del Movimento Palikot, anticlericale, a favore della liberalizzazione delle droghe legge e del matrimonio tra i gay, ma anche decisamente liberale in politica economica com’è nelle corde del suo leader, Janusz Palikot, già deputato proprio nel partito di Tusk. 

     Importante quanto la notizia della vittoria di Tusk è quella della sconfitta del partito conservatore Diritto e Giustizia di Jaroslaw Kaczynski, fermo alle soglie del 30% dei voti. Il gemello superstite (l’altro, il presidente della Repubblica Lech Kaczynski, è morto nell’aprile 2010 in un incidente aereo in Russia) ha condotto una campagna elettorale dai toni fortemente anti-europeisti, che non ha pagato. 

     L’ingresso nella Ue, avvenuto il 1 maggio del 2004, ha dato all’economia polacca una spinta decisiva. Il Pil del Paese ha continuato a crescere anche durante la crisi del 2008-2009, si è attestato intorno al 2,5% nel 2010 e, secondo studi del Credit Suisse, dovrebbe addirittura ragigungere il 4% nel 2012. Cifre sbalorditive nel marasma economico europeo, che fanno della Polonia l’economia di gran lunga più solida dell’Europa centrale. 

     Al successo ha contribuito anche l’accorta politica estera del governo Tusk, che ha rapidamente placato le tensioni che la politica dei gemelli Kaczynski aveva generato presso i due grandi vicini della Polonia: Germania e Russia. Con questo voto, insomma, la Polonia sembra aver archiviato una politica di rancori e revanscismo che, pur comprensibile alla luce delle sofferenze storicamente sofferte, la spingeva verso un’autarchia insostenibile (la coalizione politica dei Kaczynski implose dopo soli due anni di governo) e dannosa in primo luogo per lo stesso popolo polacco.

     L’apertura europeista diventa irreversibile, anche se al secondo Governo Tusk toccherà ora il compito più difficile: sostenere la crescita con riforme anche impopolari (innalzamento dell’età pensionabile, riforma del sistema pensionistico degli agricoltori, taglio della spesa pubblica) e finora sempre rinviate. 

I vostri commenti
0
scrivi
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo
Collection precedente Collection successiva
FAMIGLIA CRISTIANA
€ 104,00 € 0,00 - 11%
CREDERE
€ 88,40 € 57,80 - 35%
MARIA CON TE
€ 52,00 € 39,90 - 23%
CUCITO CREATIVO
€ 64,90 € 43,80 - 33%
FELTRO CREATIVO
€ 23,60 € 18,00 - 24%
AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
€ 46,80 € 38,90 - 17%
IL GIORNALINO
€ 117,30 € 91,90 - 22%
BENESSERE
€ 34,80 € 29,90 - 14%
JESUS
€ 70,80 € 60,80 - 14%
GBABY
€ 34,80 € 28,80 - 17%
I LOVE ENGLISH JUNIOR
€ 69,00 € 49,90 - 28%