logo san paolo
lunedì 06 dicembre 2021
 
 

Populismi: vincere e non contare comunque

23/05/2014  Un successo clamoroso (30%) o solo buono (23-24%) non darebbe comunque ai populismi assortiti la possibilità di influire molto. E in ogni caso...

Un manifesto delle elezioni europee sul Parlamento austriaco a Vienna (Reuters).
Un manifesto delle elezioni europee sul Parlamento austriaco a Vienna (Reuters).

Può anche darsi (il caso Olanda, con i nazionalisti-razzisti del Partito per la libertà sotto le previsioni della vigilia, insegna) che nell'imminenza del voto il consenso per i diversi movimento populisti si ridimensioni, e il loro successo da clamoroso scenda a notevole. Cioè, dall'atteso e da molti auspicato 30% per gli euroscettici si passi a un 23-24%.

Ma non importa, perché la sostanza non cambierebbe. E non cambierebbe in due sensi. il primo è questo: gli euroscettici, da Grillo alla Le Pen, dalla Lega Nord agli anti-Ue dell'inglese Farage, potrebbero creare qualche difficoltà al Governo dell'Unione, ottenere qualche sporadico risultato. Ma non riuscirebbero a impedire a una eventuale coalizione di popolari e socialisti di raggiungere quota 376 seggi, quella sufficiente a eleggere il presidente della Commissione Europea, varare le nuove leggi, decidere la politica finanziaria.

il secondo è non meno decisivo: si può governare un'istituzione (in questo caso l'Unione Europea) contro l'istituzione stessa? Dicendo di volerla smantellare, almeno nei suoi cardini? E chi potrebbe partecipare a un simile progetto?

Facciamo un esempio: la Banca centrale europea. Perché dovrebbe continuare a battersi per un euro che questi movimenti considerano una disgrazia epocale? Perché dovrebbe impegnarsi per sostenere i titoli di Stato dei Paesi più in crisi? E gli Stati che si sentono "forti" (non c'è solo la Germania, ma anche diversi Paesi del Nord Europa) perché dovrebbero usare i quattrini dei loro contribuenti per un progetto di cui altri non vogliono sapere più nulla o quasi? E se poi, come raccontano i movimenti chie chiamiamo populisti per intenderci, la politica dell'Europa è dominata dalle banche e dagli interessi delle corporation, possiamo davvero immaginare che questi continuerebbero a investire in un'Italia governata da Grillo, in una Francia governata dalla Le Pen, in un'Olandas governata da Wilders che vuole boicottare potenze economiche islamiche come l'Arabia Saudita?




 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo