Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
venerdì 19 aprile 2024
 
 

Omelia, istruzioni per l'uso: il Papa la vuole così

30/03/2014  «Non può essere uno spettacolo di intrattenimento», ha scritto Francesco nell'Evangelii Gaudium. «L'omelia dev'essere breve e contenere un’idea, un sentimento, un’immagine». Bisogna saper dire «parole che fanno ardere i cuori».

La miglior omelia è quella preparata a lungo ma che dura poco. Non è uno show. Non è una lezione nè una conferenza. Non è neppure «tanto un momento di meditazione e di catechesi, ma è il dialogo di Dio col suo popolo, dialogo in cui vengono proclamate le meraviglie della salvezza e continuamente riproposte le esigenze dell’Alleanza».

"Far la predica" è un'esercizio delicato. Importante. Nell'Evangelii Gaudium, papa Francesco dedica ad omelia e predicatori una lunga parte del terzo capitolo: diciotto pagine in tutto, 24 paragrafi, dal 135 al 159. Il perché di tanta insistenza lo spiega lo stesso Jorge Mario Bergoglio. «Mi soffermerò particolarmente, e persino con una certa meticolosità, sull’omelia e la sua preparazione, perché molti sono i reclami in relazione a questo importante ministero e non possiamo chiudere le orecchie», osserva il Papa. E aggiunge: «L’omelia è la pietra di paragone per valutare la vicinanza e la capacità d’incontro di un pastore con il suo popolo. Di fatto, sappiamo che i fedeli le danno molta importanza; ed essi, come gli stessi ministri ordinati, molte volte soffrono, gli uni ad ascoltare e gli altri a predicare. È triste che sia così. L’omelia può essere realmente un’intensa e felice esperienza dello Spirito, un confortante incontro con la Parola, una fonte costante di rinnovamento e di crescita».

 

D'altronde proprio le omelie, le omelie quotidiane della Messa mattutina di Santa Marta, rappresentano una delle novità più significative di questo pontificato: prediche brevi, efficaci, ricche di immagini che anche la gente più semplice comprende. Non sono scritte. Nascono dal cuore di un uomo che si sveglia attorno alle 4,30 e poi si raccoglie a lungo in preghiera, chino sulla Parola di Dio. Papa Francesco, insomma, indica un cammino lungo il quale lui per primo s'è incamminato, e non da oggi.
 

 

L'omelia, suggerisce dunque Bergoglio nell'Evangelii Gaudium, «deve essere breve ed evitare di sembrare una conferenza o una lezione», deve saper dire «parole che fanno ardere i cuori», rifuggendo da una «predicazione puramente moralista o indottrinante». Papa Francesco sottolinea inoltre l'importanza della preparazione del sacerdote: «Un predicatore che non si prepara non è "spirituale", è disonesto ed irresponsabile verso i doni che ha ricevuto». Una buona omelia deve «contenere un'idea, un sentimento, un'immagine». La predicazione deve essere positiva perché offra «sempre speranza» e non lasci «prigionieri della negatività». L'annuncio stesso del Vangelo deve avere caratteristiche positive: «Vicinanza, apertura al dialogo, pazienza, accoglienza cordiale che non condanna».

Chi predica, annota ancora papa Bergoglio, deve trasmettere «la sintesi del messaggio evangelico», non «idee o valori slegati. Dove sta la tua sintesi, lì sta il tuo cuore. La differenza tra far luce sulla sintesi e far luce su idee slegate tra loro è la stessa che c’è tra la noia e l’ardore del cuore. Il predicatore ha la bellissima e difficile missione di unire i cuori che si amano: quello del Signore e quelli del suo popolo».

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo