Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
martedì 16 luglio 2024
 
 

Pregare senza stancarsi

20/10/2013  Il Papa all'Angelus riprende il valore della preghiera incessante "perché Dio ci vuole accanto a lui nella lotta contro il male"

Nella Giornata missionaria il Papa ricorda il sacrificio di Afra Martinelli, la missionaria italiana uccisa in Nigeria qualche giorno fa: «Tutti hanno pianto, cristiani, musulmani. Lei ha annunciato il Vangelo con la vita, con l’opera che ha realizzato, un centro di istruzione; così ha diffuso la fiamma della fede, ha combattuto la buona battaglia». Perché la missione della Chiesa è proprio questa: «Diffondere nel mondo la fiamma della fede, che Gesù ha acceso nel mondo: la fede in Dio che è Padre, Amore, Misericordia. Il metodo della missione cristiana non è il proselitismo, ma quello della fiamma condivisa che riscalda l’anima». Papa Francesco ringrazia tutti coloro che con l'aiuto concreto e con la preghiera sono vicini ai missionari.
E della preghiera aveva parlato prima della recita dell'Angelus commentando il Vangelo di Luca . «Gesù», ha spiegato il Papa, «racconta una parabola sulla necessità di pregare sempre, senza stancarsi. La protagonista è una vedova che, a forza di supplicare un giudice disonesto, riesc ea farsi fare giustizia da lui. E Gesù conclude: se la vedova è riuscita a convincere quel giudice,volete che Dio non ascolti noi, se lo preghiamo con insistenza?». Papa Francesco ha sottolineato che «Dio ci invita a pregare con insistenza non perché non sa di che cosa abbiamo bisogno, o perché non ci ascolta. Al contrario, Lui ascolta sempre e conosce tutto di noi, con amore. Nel nostro cammino quotidiano, specialmente nelle difficoltà, nella lotta contro il male fuori e dentro di noi, il Signore è al nostro fianco; noi lottiamo con Lui accanto, e la nostra arma è proprio la preghiera, che ci fa sentire la sua presenza, la sua misericordia, il suo aiuto. Ma la lotta contro il male è dura e lunga, richiede pazienza e resistenza, come Mosè, che doveva tenere le bracciaalzate per far vincere il suo popolo».
La lotta è lunga, ma Dio è nostro alleato: «La fede in Lui è la nostra forza, e la preghiera è l’espressione della fede. Perciò Gesù ci assicura la vittoria, ma si domanda: "Il Figlio dell’uomo, quando verrà, troverà la fede sulla terra?". Se si spegne la fede, si spegne la preghiera, e noi camminiamo nel buio, ci smarriamo nel cammino della vita. Impariamo dunque dalla vedova del Vangelo a pregare sempre, senza stancarci».
A braccio papa Francesco ha aggiunto: «Era brava questa vedova, sapeva lottare per i suoi figli e penso a tante donne che lottano per le loro famiglie, che non si affaticano mai, un ricordo di tutte queste donne che ci danno un esempio di preghiera e di fede. Pregare sempre, ma non per convincere il Signore a forza di parole! Lui sa meglio di noi di che cosa abbiamo bisogno! Piuttosto la preghiera perseverante è espressione della fede in un Dio che ci chiama a combattere con Lui, ogni giorno, ogni momento, per vincere il male con il bene».

I vostri commenti
3

Stai visualizzando  dei 3 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo