Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
giovedì 18 aprile 2024
 
dossier
 

Preghiera nella Moschea, il primo giorno di Francesco a Istanbul

29/11/2014  Il Papa arriva a Istanbul nel suo secondo giorno in Turchia. prima tappa nella Moschea blu. Nel pomeriggio messa inter-rituale in cattedrale e preghiera ecumenica al Fanar.

Le mani giunte e qualche minuto di silenzio. «Una adorazione silenziosa», la definisce il portavoce vaticano padre Federico Lombardi. Il Papa a Istanbul inverte il programma e si reca prima nella Moschea Sultan Ahmet, nota come la Moschea Blu, una delle più importanti moschee della città. Accanto a lui il Gran Muftì, anche lui raccolto in silenzio. Papa Francesco si era tolto le scarpe all'entrata, accolto sia dal Gran Muftì che da un Imam. Papa Francesco è il terzo Pontefice a entrare in una moschea. Il primo fu Giovanni Paolo II nel suo viaggio a Damasco. Bergoglio era però già entrato in moschea durante il suo viaggio a Gerusalemme quando aveva sostato in raccoglimento accolto sulla spianata delle Moschee.
Subito dopo il corteo papale si è diretto verso Hagia Sophia, la basilica dedicata alla Divina provvidenza, oggi trasformata nel Museo di Santa Sofia. Il Mueso fu visitato sia da Paolo VI che da Giovanni Paolo II e Benedetto XVI, rispettivamente nel 1967, nel 1979 e nel 2006. Sul libro d'oro del Museo papa Francesco ha scritto, prima di ripartire, «Quam dilecta tabernacula tua Domine. Contemplando la bellezza e l’armonia di questo luogo sacro, la mia anima si eleva all’Onnipotente, fonte ed origine di ogni bellezza, e chiedo all’Altissimo di guidare sempre i cuori dell’umanità sulla via della verità, della bontà e della pace».
Dopo l'incontro con il Gran Muftì, al quale il Papa ha ribadito per due volte che «Dobbiamo adorare Dio», e con il direttore del Museo il Papa si è recato alla Rappresentanza pontificia di Istanbul. In ricordo di Giovanni XXIII la strada nella quale sorge la nunziatura è stata intitolata "via papa Roncalli". Qui papa Francesco si è intrattenuto con i rappresentanti delle comunità cattoliche di Istanbul, circa una cinquantina di persone tra armeni, siri, caldei e latini).

Multimedia
Il Papa e il Patriarca, un abbraccio per unire i cristiani
Correlati
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo