Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 25 maggio 2024
 
 

Prendersi cura di sì e del bambino. Insieme si può

08/05/2015  Le neomamme hanno bisogno di essere accompagnate e sostenute nel loro nuovo ruolo. Le Case di maternità servono proprio a questo: non farle mai sentir sole.

Si chiamano Case di maternità e ce ne sono cinque in Italia. Lo dice il nome stesso, luoghi dove prendersi cura delle mamme e dei loro piccoli in quel tempo “non medicalizzato” ma estremamente delicato che segue il parto e l’arrivo gioioso, ma complesso, di un figlio. Un luogo, gestito da ostetriche e, unico caso quello di Milano, anche da educatrici, in cui trovare conforto, aiuto o, semplicemente, un ascolto competente. Dove confrontarsi con le altre mamme e sentirsi spesso meno sole.

Grazie ad alcune belle intuizioni, come accade nella Casa di maternità della città meneghina, La Via Lattea, che tra le tante attività organizza gruppi di incontro per mamme con piccoli da 0 a 12 mesi, divise per età in base alle esigenze. «Da 0 a 3 mesi le dinamiche sono molto più strette tra mamma e figlio», spiega Paola Olivieri, una delle ostetriche. «Lì ci si concentra sull’allattamento al seno o artificiale, il peso e la crescita corretta del bambino, la gestione del piccolo una volta tornate dall’ospedale.

Dal terzo mese, prevale la dinamica motoria del bambino a cui si aggiunge, per tante mamme, il lavoro che riparte. A sei mesi subentrano le educatrici per capire chi gestirà il bambino, la fine dell’allattamento e l’inizio delle pappe. Dai 12 ai 18 mesi, infine, ci sono attività ludiche, di gioco e ospitalità per bimbi accompagnati da genitori, ma anche da nonni o tate» (www.casamaternita.it).                 

Multimedia
Mothers, l’amore che cambia il mondo. E altre storie di solidarietà
Correlati
Edoardo Bennato, viva la mamma
Correlati
Mothers, l’amore che cambia il mondo. E altre storie di solidarietà
Correlati
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo