Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
giovedì 25 aprile 2024
 
 

Don Geppe Coha

28/06/2010  I ragazzi dell'oratorio tra smartphone e screentouch

«La pagina è chiara e molto leggibile. Il sito si presenta bene, ma mi disturba un po’ la pubblicità attorno. Trovo che questa fascia esterna sposti l’attenzione più sulla scritta pubblicitaria che sulla testata della rivista. Se posso dare qualche consiglio, inoltre, metterei più in evidenza il numero in edicola di Famiglia Cristiana e chiarirei meglio a cosa serve la registrazione con login e password». Don Geppe Coha, parroco di Madonna di Pompei, a Torino, ha appena presentato con il cardinale della sua città, il nuovo portale della diocesi di cui è curatore.

«Internet», spiega, «non è più neanche uno strumento, ma un ambiente. Fa parte della nostra quotidianità. Non sappiamo ancora dove andremo, ma probabilmente tra qualche anno saremo sempre tutti connessi. Questo sarà il nostro normale modo di comunicazione». Esperto di informatica, ma anche molto vicino ai ragazzi della parrocchia, don Geppe nota che «per loro è normale avere in mano uno smartphone con il touch screen. Questo per me, anche se sono abbastanza addentro alle nuove tecnologie, non è una cosa così immediata. Per le nuove generazioni, invece, è questa la modalità di comunicazione. Questo ci impone, come Chiesa, come educatori, di ripensare le modalità di entrare in relazione con loro». Secondo il parroco torinese «non viene eliminata la priorità della relazione faccia a faccia, però questa relazione è potenziata da tante altre modalità».

Don Coha è su facebook, «perché ci sono tutti i ragazzi della parrocchia, ma confesso che lo uso poco. Sono nel loro flusso di comunicazione e quando serve mi connetto, ma non curo particolarmente il mio profilo. Questa invece – di curare il proprio profilo su facebook – è una cosa che i ragazzi fanno molto. Io ci sono perché questo è un luogo e là dove ci sono le persone, lì deve esserci anche la Chiesa».

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo