logo san paolo
martedì 19 ottobre 2021
 
 

I profili dei 115 cardinali elettori

09/03/2013  Un'età media di 72 anni, per oltre la metà europei, in gran parte scelti da Benedetto XVI. Martedì 12 marzo 2013 entrano in Conclave per eleggere il nuovo Papa. Ecco chi sono.

GERMANIA

Paul Josef Cordes, presidente emerito del Pontificio Consiglio Cor Unum, 78 anni
Ordinato sacerdote nel 1961, nel 1980 Giovanni Paolo II lo ha nominato vice-presidente del Pontificio Consiglio per i Laici. È stato tra gli ideatori della Giornata Mondiale della Gioventù. Benedetto XVI lo ha creato cardinale nel 2007.
Walter Kasper, Presidente emerito del Consiglio Pontificio per la promozione dell’unità dei cristiani, 79 anni
Eminente teologo, è stato nominato Vescovo di Rottenburg-Stuttgart nel 1989. Cardinale dal 2001, è membro dell'Accademia delle Scienze di Heidelberg e dall'Accademia Europea delle Scienze e dell'Arte e ha ricevuto vari riconoscimenti tra i quali il dottorato «honoris causa» dalla Catholic University of America.
Karl Lehmann, vescovo di Mainz, 76 anni
Sacerdote dal 1963, nel 1968 vince la cattedra di Dogmatica della Facoltà di Teologia cattolica presso l'Università Johannes Gutemberg a Magonza. Vescovo dal 1983, il suo motto è «State saldi nella fede» (1 Cor 16, 13). Cardinale dal 2001, per dieci anni, dal 1988 al 1998 è stato Membro della Congregazione per la Dottrina della Fede.
Reinhard Marx, Arcivescovo Metropolita di Monaco e Frisinga, 59 anni
Figlio di un sindacalista, si è laureato i in teologia con una tesi dal titolo «La Chiesa è diversa? Possibilità e limiti di un modo di vedere sociologico». Benedetto XVI lo ha scelto come successore del cardinale Friedrich Wetter al governo pastorale dell'arcidiocesi di München und Freising il 30 novembre 2007. In precedenza, il cardinale Wetter gli aveva donato il pastorale che venticinque anni prima aveva ricevuto proprio da Joseph Ratzinger, al quale era succeduto come arcivescovo di München und Freising. E’ cardinale dal 2012.
Joachim Meisner, arcivescovo di Colonia, 69 anni
Sacerdote dal 1962, è stato vicario cooperatore nelle parrocchie di Sant'Egidio ad Heiligenstadt e di Santa Croce a Erfurt. Si è pure dedicato all'assistenza spirituale della Caritas locale e ad altre attività pastorali fin quando Paolo VI nel 1975 lo ha eletto Vescovo titolare di Vina. Cardinale dal 1983, dal 1988 è Arcivescovo di Köln. È membro del Consiglio di Cardinali per lo studio dei problemi organizzativi ed economici della Santa Sede.
Reiner Maria Woelki, arcivescovo metropolita di Berlino, 57 anni
Nel 2003 nel duomo di Colonia dove, secondo la tradizione, sono custodite le reliquie dei re magi, ha ricevuto l’ordinazione episcopale, scegliendo come motto: Nos sumus testes, «Siamo testimoni». Nel 2011 Benedetto XVI lo ha promosso Arcivescovo metropolita di Berlino, chiamandolo a succedere al cardinale George Maximilian Sterzinsky, il vescovo della riunificazione scomparso appena due giorni prima, e lo ha creato cardinale nel 2012.

AUSTRIA

Christoph Schönborn, Arcivescovo di Vienna, Ordinario per i fedeli di rito bizantino in Austria, 68 anni
Nel 1963 entra nell'Ordine Domenicano. Fine teologo, è autore di numerose pubblicazioni di alto valore scientifico e di significativi interventi sul presente e sul futuro dell'Europa unita. Dal giugno 1998 è Presidente della Conferenza Episcopale Austriaca. Nello stesso anno Giovanni Paolo II lo ha creato cardinale.

BELGIO

Godfried Danneels, Arcivescovo emerito di Malines-Bruxelles, 79 anni
Sacerdote dal 1957, si è laureato in teologia alla Pontificia Università Gregoriana di Roma. Cardinale dal 1983, ha retto l'arcidiocesi di Malines-Bruxelles per oltre trent'anni, fino al 18 gennaio 2010. E’ membro delle Congregazioni per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti e per l'Educazione Cattolica.

BOSNIA ERZEGOVINA

Vinko Puljić, Arcivescovo di Vrhbosna, Sarajevo, 67 anni
Dodicesimo di tredici figli, rimasto orfano a 3 anni della madre, è arcivescovo dal 1990. Durante i lunghi mesi dell’assedio della sua città, si è impegnato a favore della pace, rischiando più volte la vita come quando, durante la visita a una parrocchia, fu imprigionato per 12 ore dai militari serbi. Alla fine delle ostilità, nell’aprile del 1997 Giovanni Paolo II, che lo aveva creato cardinale nel 1994, nella visita pastorale a Sarajevo.

CROAZIA

Josip Bozanić, Arcivescovo di Zagabria (Croazia), 64 anni
Mentre era seminarista fu chiamato alla leva e, sorpreso dai superiori militari con un articolo sul Cardinale Alojzije Stepinac pubblicato in lingua italiana dall'Osservatore Romano, fu invitato a rinnegarne il contenuto. Si rifiutò e per questo fu condannato al carcere militare. Creato cardinale da Giovanni Paolo II nel 2003, nello stesso anno ha accolto il Papa in occasione del suo centesimo viaggio apostolico internazionale.

SPAGNA

Santos Abril y Castelló, Arciprete della Basilica Papale di Santa Maria Maggiore, Vice Camerlengo di Santa Romana Chiesa, 77 anni
Nel 1967 è entrato nel servizio diplomatico della Santa Sede. Ha aiutato papa Wojtyła nell’apprendimento della lingua spagnola in occasione di sette viaggi apostolici. Nel 1996 Giovanni Paolo II lo ha inviato nella Repubblica Federale di Jugoslavia. Lì si è trovato ad affrontare la difficile crisi provocata dalla guerra del Kosovo. In questo periodo è stato eletto da tutti gli ambasciatori come coordinatore e portavoce del corpo diplomatico accreditato a Belgrado. E’ cardinale dal 2012.
Santos Carlos Amigo Vallejo, Arcivescovo emerito di Siviglia, 78 anni
Ha iniziato gli studi di Medicina, abbandonati quasi subito per entrare nel noviziato dell'Ordine Francescano dei Frati Minori. Arcivescovo di Tangeri dal 1973, sotto il suo episcopato sono state avviate relazioni diplomatiche tra la Santa Sede e il Marocco. Si è interessato della creazione di Centri per la Promozione Sociale della “Donna Musulmana” e per creare migliori relazioni tra le comunità cristiana, musulmana e ebrea. Cardinale dal 2003, presiede la Commissione Episcopale delle Missioni della Conferenza Episcopale Spagnola.
Antonio Cañizares Llovera, Prefetto della Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti, Arcivescovo emerito di Toledo, 67 anni
Vescovo prima di Ávila e poi di Grenada, in questa Arcidiocesi ha promosso opere sociali, come la residenza «Oasis» per anziani con figli disabili e ha creato una fondazione per disoccupati e una per tossicodipendenti. Dal 1995 è membro della Congregazione per la Dottrina della Fede ed ha collaborato alla redazione del Catechismo della Chiesa Cattolica e alla sua versione in lingua spagnola. E’ cardinale dal 2006.
Lluís Martínez Sistach, Arcivescovo metropolita di Barcellona, 75 anni
Esperto di diritto canonico, dal 1990 fino al 2002 è stato presidente della giunta episcopale delle questioni giuridiche della Conferenza episcopale spagnola. E’ membro dei dei Pontifici Consigli per i Laici, per i Testi Legislativi, del Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica e della Prefettura degli Affari Economici della Santa Sede.
Antonio María Rouco Varela, Arcivescovo di Madrid (Spagna), 76 anni
Promosso Arcivescovo di Santiago de Compostela nel 1984, è stato responsabile dell'organizzazione della IV Giornata Mondiale della Gioventù svoltasi a Santiago il 19-20 agosto 1989. E’ autore di numerose pubblicazioni di rilievo: da libri di carattere storico, ad indagini sociologiche, a biografie di santi. E’ cardinale dal 1998.

FRANCIA

Philippe Barbarin, Arcivescovo di Lione, 62 anni
Nato a Rabat in Marocco, nel 1998 Giovanni Paolo II lo ha nominato alla guida della diocesi di Moulins, diventando allora il più giovane vescovo francese. Nel 2002 è stato promosso alla Sede arcivescovile di Lione. È Cancelliere dell'Università Cattolica di Lione e Cavaliere della Legione d'Onore. E' cardinale dal 2003.
Jean-Pierre Ricard, Arcivescovo Metropolita di Bordeaux, 66 anni
A vent'anni, nel periodo 1964-1965 ha trascorso un anno di cooperazione in Africa, nel Mali, che lo ha molto segnato. Ordinato sacerdote nel 1968, presidente della Conferenza Episcopale Francese dal 2001 al 2007, si è speso molto a favore del dialogo con il mondo ebraico. E' cardinale dal 2006.
Jean-Louis Tauran, Presidente del Pontificio Consiglio per il Dialogo Interreligioso, 69 anni
Entrato nel servizio diplomatico della Santa Sede nel 1975, è stato assegnato alla Nunziatura Apostolica nella Repubblica Domenicana e poi in Libano. Ha guidato per 13 anni la Sezione per i Rapporti con gli Stati, compiendo molte missioni all'estero e e guidando la Delegazione della Santa Sede in numerose Conferenze Internazionali. È cardinale dal 2003.
André Vingt-Trois, Arcivescovo metropolita di Parigi, 70 anni
Nel febbraio 2005 è succeduto al cardinale Jean-Marie Lustiger come arcivescovo di Parigi e come ordinario dei cattolici delle Chiese orientali residenti in Francia. Dal 2007 è presidente della Conferenza episcopale francese. Lo slancio missionario e il dialogo con tutti sono gli elementi fondamentali che contraddistinguono la sua azione.

UNGHERIA

Péter Erdő, Arcivescovo di Esztergom-Budapest, Primate d'Ungheria, 60 anni
Presidente della Conferenza Episcopale Ungherese dal settembre del 2005, ha pubblicato circa 200 saggi e 20 volumi nell'ambito del diritto canonico e della storia medievale del diritto canonico. Ha fondato e diretto riviste e collane editoriali. Cardinale dal 2003.

IRLANDA

Seán Baptist Brady, Arcivescovo metropolita di Armagh e Primate d'Irlanda, 73 anni
Presidente della Conferenza episcopale irlandese, Dalla firma dell'accordo di Belfast (1998) ha guidato delegazioni della Chiesa cattolica ad incontri con tutti i partiti politici nell'Irlanda del Nord. Il suo motto Jesum Christum cognoscere (“Conoscere Gesù Cristo”) è ispirato alle parole del Vangelo di san Giovanni: «Questa è la vita eterna: che conoscano te, l'unico vero Dio, e colui che hai mandato, Gesù Cristo» (17, 3). Cardinale dal 2007.

ITALIA

Angelo Amato, Prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi, 74 anni
Nato a Bari, salesiano, nel 2008 Benedetto XVI lo ha chiamato a succedere al cardinale José Saraiva Martins come Prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi. Ha pubblicato diverse opere, fra cui Gesù, Identità del Cristianesimo (2008), Il Celibato di Gesù (2010), I Santi nella Chiesa (2010). Cardinale dal 2010.
Ennio Antonelli, Presidente emerito del Pontificio Consiglio per la Famiglia, 76 anni
Originario di Todi, dal 2001 al 2007 ha guidato la diocesi fiorentina, promuovendo la creazione dei «Gruppi di impegno socio-culturale» presso parrocchie e vicariati. Nel 2008 è stato nominato Presidente del Pontificio Consiglio per la Famiglia, Dicastero che ha retto per quattro anni, fino al 26 giugno 2012. Cardinale dal 2003. Ha lavorato alla stesura degli Orientamenti Pastorali per il decennio in corso, «Comunicare il Vangelo in un mondo che cambia».
Angelo Bagnasco, arcivescovo metropolita di Genova, 70 anni
È nato a Pontevico (Brescia) nel 1943, da genitori genovesi sfollati per la guerra. Rientrato nella sua città, è stato ordinato sacerdote nel 1966. Nel 2003 è stato nominato arcivescovo ordinario militare per l'Italia. Per tre anni si è dedicato al rafforzamento del servizio dei cappellani militari, portando una parola di pace tra i soldati italiani impegnati nelle missioni internazionali. Nel 2006 è stato nominato arcivescovo metropolita di Genova e d’anno successivo stato nominato da Benedetto XVI Presidente della Conferenza Episcopale italiana (CEI), confermato nell'incarico per un secondo mandato il 7 marzo 2012. Cardinale dal 2007.
Giuseppe Bertello, Presidente della Pontificia Commissione per lo Stato della Città del Vaticano e Presidente del Governatorato dello Stato della Città del Vaticano, 70 anni
Nel 1987 è stato nominato capo della Delegazione di osservatori della Santa Sede alla Conferenza dei ministri degli esteri del movimento dei non-allineati a Pyongyang, in Corea del Nord. È stato, così, il primo sacerdote cattolico a visitare quella minuscola comunità cristiana dai tempi della guerra di Corea. Negli anni ’90, come Nunzio Apostolico in Ruanda, si è speso a favore della pace nel conflitto fra le etnie tutsi e hutu. Nel 1995 è stato nominato Osservatore permanente della Santa Sede presso l’Ufficio delle Nazioni Unite a Ginevra. Cardinale dal 2012.
Tarcisio Bertone, Camerlengo di Santa Romana Chiesa, Arcivescovo emerito di Genova, 78 anni.
Dopo aver insegnato per molti anni alla Pontificia università salesiana, nel 1995 Giovanni Paolo II lo ha nominato Segretario della Congregazione per la Dottrina della Fede e nel 2000 lo ha incaricato di curare la pubblicazione della terza parte del “segreto di Fatima”. Arcivescovo di Genova nel 2002, cardinale dal 2003, nel 2006 Benedetto XVI lo ha nominato Segretario di Stato.
Giuseppe Betori, Arcivescovo Metropolita di Firenze, 66 anni
Dal 1997 si è dedicato alla preparazione della quindicesima Giornata mondiale della gioventù (Roma, 2000). Nel 2001 Giovanni Paolo II lo ha nominato Segretario generale della Conferenza episcopale italiana (CEI), in seguito ha preparato il quanto convegno ecclesiale nazionale (Verona, 2006) e l’incontro dei giovani italiani con Benedetto XVI (Loreto, 2007). Arcivescovo Metropolita di Firenze dal 2008, è cardinale dal 2012.
Carlo Caffarra, Arcivescovo Metropolita di Bologna, 74 anni
Nel 1980 Giovanni Paolo II lo ha nominato esperto al Sinodo dei Vescovi sul Matrimonio e la Famiglia, e nel gennaio del 1981 gli ha conferito il mandato di fondare e presiedere il Pontificio Istituto Giovanni Paolo II per Studi su Matrimonio e Famiglia. Autore di numerosi volumi di Teologia morale, è stato creato cardinale nel 2006.
Domenico Calcagno, Presidente dell’Amministrazione del Patrimonio della Sede Apostolica, 70 anni
Nel 1996 è stato nominato presidente dell’Istituto centrale per il sostentamento del clero e, nel 1999, economo della Conferenza episcopale italiana. Contemporaneamente presiedeva il collegio dei revisori dei conti della Caritas italiana e dell’Istituto centrale per il sostentamento del clero. Eletto vescovo di Savona-Noli nel 2002, è membro ella Commissione Cardinalizia di Vigilanza dell'Istituto per le Opere di Religione (I.O.R.). Cardinale dal 2012.
Francesco Coccopalmerio, Presidente del Pontificio Consiglio per i Testi Legislativi, 74 anni
Ha insegnato diritto canonico nella facoltà teologica dell’Italia settentrionale, sia nella sede del seminario di Venegono sia nella sede centrale di Milano, a partire dal 1966. Membro della Congregazione per la Dottrina della Fede, del Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica e del Pontificio Consiglio per la Promozione dell’Unità dei Cristiani, nel 2010 ha ricevuto il premio internazionale Empedocle per il diritto, l’economia e l’etica. Cardinale dal 2012.
Angelo Comastri, Vicario generale di Sua Santità per lo Stato della Città del Vaticano, arciprete della Basilica Papale di San Pietro in Vaticano e Presidente della Fabbrica di San Pietro, 69 anni
Nel 1968 è stato chiamato a lavorare a Roma, nella Congregazione per i Vescovi, e contemporaneamente è stato nominato padre spirituale nel seminario romano minore e aiuto-cappellano nel carcere di Regina Coeli, esperienza raccontata nel libro “Ero in carcere!”. Grande amico di Madre Teresa di Calcutta, nel 2006 Benedetto XVI lo ha invitato a preparare i testi per la Via Crucis al Colosseo. Cardinale dal 2007.
Velasio De Paolis, Presidente emerito della Prefettura degli Affari Economici della Santa Sede, 77 anni
Entrato da nella congregazione dei missionari di San Carlo, ha compiuto il percorso di formazione nei seminari scalabriniani. Quando sono emersi gli immorali comportamenti del fondatore dei Legionari di Cristo, Marcial Maciel Degollado, Benedetto XVI ha indetto una visita apostolica alla congregazione, a seguito della quale, il 9 luglio 2010, lo ha nominato delegato pontificio con l'incarico di governare l'istituto religioso fino alla revisione delle costituzioni. Cardinale dal 2010.
Raffaele Farina, archivista e bibliotecario emerito di Santa Romana Chiesa, 79 anni
Entrato nel noviziato salesiano di Portici (Napoli) a 13 anni, nel 2007 è stato nominato Archivista e Bibliotecario di Santa Romana Chiesa ed elevato alla dignità di arcivescovo ad personam da Benedetto XVI. E’ membro di numerose accademie, associazioni e comitati scientifici italiani e internazionali. Cardinale dal 2007.
Fernando Filoni, Prefetto della Congregazione per l’Evangelizzazione dei Popoli 66 anni
Originario del Salento, in Puglia, è entrato nel Servizio diplomatico della Santa Sede nel 1981, ha operato in Sri Lanka, in Iran, In Brasile e a Hong Kong. Il 17 gennaio 2001 è stato eletto alla sede titolare di Volturno, con dignità di Arcivescovo e nominato Nunzio Apostolico in Giordania e in Iraq, dove ha vissuto gli ultimi anni del regime di Saddam Hussein, fino al 2006. Cardinale dal 2012.
Giovanni Lajolo, Presidente emerito della Pontificia Commissione per lo Stato della Città del Vaticano e del Governatorato dello Stato della Città del Vaticano, 78 anni
Nel 1995 è stato nominato nunzio apostolico nella Repubblica Federale di Germania, curando il trasferimento della sede della nunziatura da Bonn a Berlino. Giovanni Paolo II nel 2003 lo ha richiamato a Roma nominandolo segretario per i Rapporti con gli Stati della segreteria di Stato. In questa veste ha avuto occasione di visitare diversi paesi europei, del Nord Africa e del sud-est asiatico, e di contribuire alla conclusione di accordi tra Chiesa e Stato, tra cui il nuovo concordato con il Portogallo e l'accordo di base con la Bosnia ed Erzegovina. Cardinale dal 2007.
Francesco Monterisi, Arciprete emerito della Basilica Papale di San Paolo fuori le Mura, 78 anni
Nel pieno della crisi che ha colpito la ex Jugoslavia, l'11 giugno 1993 è diventato il primo nunzio apostolico in Bosnia ed Erzegovina. Per cinque anni è stato accanto alle popolazioni sofferenti, portando avanti una missione di pace e di riconciliazione basata sull'apertura al dialogo con tutte le parti in causa. Ha contribuito anche all'organizzazione e alla realizzazione della storica visita di Giovanni Paolo II a Sarajevo il 12 e 13 aprile 1997. Nel 1998 è stato nominato segretario della Congregazione per i Vescovi e del Collegio Cardinalizio, un servizio che ha svolto per undici anni, ricoprendo in questa veste anche l'ufficio di segretario del conclave che il 19 aprile 2005 ha eletto Benedetto XVI. Cardinale dal 2010.
Attilio Nicora, Presidente dell'Autorità di Informazione Finanziaria (A.I.F.) Presidente emerito dell'Amministrazione del Patrimonio della Sede Apostolica (APSA), Legato Pontificio per le Basiliche di San Francesco e di Santa Maria degli Angeli in Assisi, 75 anni
Nominato Presidente del Comitato CEI per i problemi degli enti e dei beni ecclesiastici, è stato fino al 1995 Co-presidente della Commissione Paritetica Italia-Santa Sede per l'attuazione del nuovo Concordato con lo Stato Italiano del 1984. Dal 2007 al febbraio 2013 è stato membro della Commissione Cardinalizia di Vigilanza dell'Istituto per le Opere di Religione (I.O.R.). Cardinale dal 2003.
Mauro Piacenza, Prefetto della Congregazione per il Clero, 68 anni
Nel 2003 Giovanni Paolo II lo ha nominato presidente della Pontificia Commissione per i Beni Culturali della Chiesa, elevandolo alla dignità episcopale e assegnandogli la Chiesa titolare di Vittoriana. L'anno seguente, papa Wojtyła lo ha nominato anche presidente della Pontificia Commissione di Archeologia Sacra. Ha dato vita a varie iniziative per la promozione dell'arte sacra, componendo pure un'opera lirica in due atti sulla tematica delle beatitudini evangeliche, eseguita a Roma e poi ripetutamente in alcuni teatri lirici e saloni da concerto nell'Est europeo. Cardinale dal 2010.
Severino Poletto, Arcivescovo emerito di Torino, 79 anni
Come arcivescovo di Torino, nel 2000 ha organizzato l’Ostensione della Sacra Sindone, accogliendo anche gli scienziati riuniti da tutto il mondo per il primo Simposio internazionale di studi sindonici. In quell’occasione giunge, per la prima volta in visita ufficiale, la delegazione del Patriarcato ortodosso di Mosca, guidata dal Metropolita Kirill. Cardinale dal 2001.
Gianfranco Ravasi, Presidente del Pontificio Consiglio della Cultura e della Pontificia Commissione di Archeologia Sacra, 70 anni
Insigne biblista, è autore di 150 volumi, molti dei quali hanno riscosso successo anche fra il grande pubblico. Collabora con testate giornalistiche, fra cui “Famiglia Cristiana” e radiotelevisive. Nel Pontificio Consiglio della Cultura ha dato priorità ad alcuni settori tematici: il rapporto tra scienza e fede (il cosiddetto progetto Stoq), il legame tra arte e fede, il dialogo con il mondo dell'ateismo e della non credenza (il «Cortile dei Gentili»), della comunicazione e del linguaggio, il dialogo con le culture emergenti. Cardinale dal 2010.
Giovanni Battista Re, Prefetto emerito della Congregazione per i Vescovi e Presidente emerito della Pontificia Commissione per l'America Latina, 79 anni
Proveniente da una famiglia contadina, come Sostituto della Segreteria di Stato ha accompagnato Giovanni Paolo II in numerosi viaggi apostolici in Italia e all'estero. Il suo motto è Virtus ex alto, che ricorda la necessità dell'aiuto che viene dall'Alto per poter realizzare qualcosa di valido. Cardinale dal 2001.
Paolo Romeo, Arcivescovo Metropolita di Palermo, 75 anni
Nel 1967 è entrato nel servizio della Santa Sede, prestando la sua opera nelle rappresentanze pontificie delle Filippine, in Belgio e Lussemburgo, in Venezuela, in Ruanda e in Burundi. In seguito è stato Nunzio apostolico ad Haiti e in Colombia. Benedetto XVI lo ha nominato arcivescovo metropolita di Palermo nel 2006 e lo ha creato cardinale nel 2010.
Paolo Sardi, Patrono del Sovrano Militare Ordine di Malta, 78 anni
Ha prestato servizio per più di trent’anni alla Segreteria di Stato, collaborando alla stesura dei discorsi dei Papi a partire da Paolo VI. Il 23 ottobre 2004 è stato nominato vice camerlengo di Santa Romana Chiesa. In questa veste ha collaborato con l'allora cardinale camerlengo Eduardo Martínez Somalo agli adempimenti connessi con il conclave dell'aprile 2005, nel quale è stato eletto Benedetto XVI. Ha mantenuto l'incarico fino al 22 gennaio 2011. Cardinale dal 2010.
Angelo Scola, Arcivescovo metropolita di Milano e Capo del Rito Ambrosiano, 71 anni
Fino alla nomina episcopale a Grosseto, è stato fra i responsabili del movimento Comunione e Liberazione. Dopo essere stato nominato rettore della Pontificia Università Lateranense e preside del Pontificio Istituto Giovanni Paolo II per Studi su Matrimonio e Famiglia, dal 2002 al 2011 è stato Patriarca di Venezia. Cardinale dal 2003. Autore di numerosi volumi e articoli teologici, pastorali e culturali, sta dedicando particolare attenzione al mondo giovanile attraverso regolari assemblee diocesane.
Crescenzio Sepe, Arcivescovo di Napoli, 69 anni.
Ha ricevuto l'ordinazione episcopale da Giovanni Paolo II il 26 aprile 1992. Ha promosso, tra l'altro, gli Incontri Internazionali dei presbiteri di tutto il mondo in preparazione al Grande Giubileo del 2000 a Fátima e a Yamossoukro. In qualità di Segretario della Congregazione per il Clero, ha organizzato e promosso tutte le celebrazioni per il cinquantesimo di sacerdozio di Giovanni Paolo II. Dal 2001 al 2006 è stato Prefetto della Congregazione per l'Evangelizzazione dei Popoli. Cardinale dal 2001.
Dionigi Tettamanzi, Arcivescovo emerito di Milano, 78 anni.
Eminente teologo, ha alternato l’intensa attività accademica a quella pastorale diretta nelle varie parrocchie a cui è stato assegnato. Dopo aver guidato arcidiocesi di Genova, nel 2002 ha preso il posto del cardinale Martini come arcivescovo di Milano, distinguendosi per la sua attenzione ai poveri e alle famiglie. Ha lasciato l’incarico nel 2011 per sopraggiunti limiti d’età. Cardinale dal 1998.
Agostino Vallini, Vicario Generale di Sua Santità per la diocesi di Roma, Arciprete della Papale Arcibasilica Lateranense, Gran Cancelliere della Pontificia Università Lateranense, 72 anni
Durante la guerra, suo padre, carabiniere, fu deportato dai tedeschi in Germania, riuscendo a tornare salvo. Sacerdote dal 1964, è stato per molti anni membro della Commissione per i problemi giuridici e Presidente del Comitato per gli enti e beni ecclesiastici della CEI. È stato anche Presidente della Corte di Cassazione dello Stato della Città del Vaticano e Presidente della Commissione per gli Avvocati. Cardinale dal 2006.
Antonio Maria Vegliò, Presidente del Pontificio Consiglio della Pastorale per i Migranti e gli Itineranti, 75 anni
Nunzio apostolico in Senegal, Mali e poi in Libano e in Kuwait, nel 2001 Giovanni Paolo II lo ha nominato segretario della Congregazione per le Chiese Orientali. Dal 2009 come Presidente del Pontificio Consiglio della Pastorale per i Migranti e gli Itineranti, è intervenuto più volte nel dibattito pubblico a sostegno dei diritti di migranti, rifugiati, clandestini, rom, o di altre persone svantaggiate a causa della loro condizione nella mobilità. Si è espresso contro la pirateria che infesta i mari e ha indetto una campagna di solidarietà a favore dei marittimi e dei loro familiari colpiti dallo tsunami in Giappone. Cardinale dal 2012.
Giuseppe Versaldi, Presidente della Prefettura degli Affari Economici della Santa Sede, 69 anni
Nato nella campagna vercellese, il 4 aprile 2007 Benedetto XVI lo ha nominato vescovo di Alessandria, mentre nel 2009 Papa lo ha nominato visitatore apostolico dei legionari di Cristo per Italia, Israele, Filippine e Corea, servizio che lo ha impegnato fino al maggio 2010. È membro del consiglio per gli affari giuridici della Conferenza episcopale italiana; direttore dell’osservatorio giuridico-legislativo presso la Conferenza episcopale del Piemonte - Valle d’Aosta; assistente dell’associazione dei medici cattolici della regione Piemonte. Cardinale dal 2012.

LITUANIA

Audrys Juozas Bačkis, Arcivescovo di Vilnius, 76 anni.
Nel 1938 la famiglia si è trasferita in Francia in quanto il padre lavorava come diplomatico presso l'Ambasciata lituana a Parigi. Ordinato sacerdote nel 1961, Nel 1964 è entrato nel servizio diplomatico della Santa Sede, ha operato nelle Filippine, in Costarica, in Turchia e in Nigeria. Arcivescovo dal 1992, ha sostenuto e promosso l'opera Fede e Luce, un'organizzazione di sostegno per famiglie con bambini disabili. Cardinale dal 2001.

PAESI BASSI

Willem Jacobus Eijk, Arcivescovo metropolita di Utrecht, 59 anni
Chiamato a succedere al vescovo Möller alla guida della diocesi di Groningen-Leeuwarden nel 1999 ha scelto come motto Noli recusare labore («Non rifiutare la fatica»). Autore di numerose pubblicazioni, è membro del consiglio direttivo della Pontificia Accademia per la Vita, della Congregazione per il Clero e del Pontificio Consiglio della Cultura. Cardinale dal 2012.

POLONIA

Stanisław Dziwisz, Arcivescovo metropolita di Cracovia, 73 anni.
Dall'ottobre 1966 all'ottobre 1978 ha svolto la funzione di cappellano e segretario particolare dell'Arcivescovo di Cracovia Karol Wojtyła, ruolo che ha continuato a ricoprire anche quando è diventato Papa con il nome di Giovanni Paolo II, divenendo il suo più stretto collaboratore fino alla morte nel 2005. È autore, fra l'altro, delle memorie sull'attentato a Giovanni Paolo II, Ho toccato questo mistero (Lublino 2001). Cardinale dal 2006.
Zenon Grocholewski, Prefetto della Congregazione per l'Educazione Cattolica, Gran Cancelliere della Pontificia Università Gregoriana, 73 anni
Dal 1972 fino al 1999 il suo lavoro principale è stato quello nel Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica, come notaio, cancelliere, segretario e prefetto. Esperto di diritto canonico, complessivamente la sua bibliografia, in dodici lingue, supera le 550 pubblicazioni. Cardinale dal 2001.
Kazimierz Nycz, Arcivescovo metropolita di Varsavia, 63 anni
Fino al 2002 è stato organizzatore di tutti i viaggi apostolici di Giovanni Paolo II a Cracovia. Nominato nel 2007 arcivescovo di Varsavia in un momento delicato per la Chiesa polacca, dopo le dimissioni rassegnate dall'arcivescovo Stanisław Wielgus in seguito alle rivelazioni circa la sua collaborazione con il passato regime, ha sempre posto particolare attenzione alla collaborazione con il laicato e ai bisogni dei disoccupati e dei poveri. Cardinale dal 2010.
Stanisław Ryłko, Presidente del Pontificio Consiglio per i Laici, 67 anni
Nel 1987 è stato chiamato al servizio della Santa Sede come capo ufficio della Sezione giovani del Pontificio Consiglio per i Laici. Una carica che ha ricoperto per cinque anni, durante i quali ha curato in modo particolare l'organizzazione delle Giornate mondiali della gioventù a Santiago de Compostela (1989), a Częstochowa (1991) e a Denver (1993). Il 4 ottobre 2003 è stato promosso arcivescovo e nominato presidente del Pontificio Consiglio per i Laici. Cardinale dal 2007.

PORTOGALLO

Manuel Monteiro de Castro, Penitenziere Maggiore, 74 anni
Nunzio apostolico in vari Paesi, dall'Honduras al Sudafrica, alla Spagna, nel 2009 è stato nominato Segretario della Congregazione per i Vescovi e, nello stesso anno, segretario del Collegio cardinalizio. ll 5 gennaio 2012 Benedetto XVI lo ha nominato alla guida della Penitenzieria apostolica, uno dei tre tribunali della Chiesa. Nello stesso anno, lo ha creato cardinale.
José da Cruz Policarpo, Patriarca di Lisbona, 77 anni
Il 5 marzo 1997 è stato nominato Arcivescovo coadiutore del Patriarca di Lisbona, con diritto di successione, e il 24 marzo 1998 è divenuto sedicesimo Patriarca della città. Ha organizzato, con gli arcivescovi di Bruxelles, Vienna, Parigi e Budapest, un incontro annuale per l'evangelizzazione nelle grandi città. Cardinale dal 2001.

SLOVENIA

Franc Rodé, Prefetto emerito della Congregazione per gli Istituti di Vita Consacrata e le Società di Vita Apostolica, Arcivescovo emerito di Ljubljana, 78 anni
Alla fine della Seconda Guerra Mondiale, davanti all'avanzata dei partigiani di Tito, la famiglia Rodé si trasferì in Austria, da dove emigrò in Argentina. Il giovane Franc completò così gli studi secondari a Buenos Aires e nel 1952 entrò nella Congregazione della Missione (Padri Lazzaristi), emettendo i voti perpetui nel 1957. Nei suoi 7 anni di episcopato in Slovenia, fu uno degli artefici dell’accordo tra la Repubblica di Slovenia e la Santa Sede firmato nel 2001. Cardinale dal 2006.

SVIZZERA

Kurt Koch, Presidente del Pontificio Consiglio per la Promozione dell’Unità dei Cristiani), 62 anni
Il 6 dicembre 1995 Giovanni Paolo II lo ha nominato vescovo di Basilea, la più grande diocesi elvetica. Nel 2010 Benedetto XVI gli ha affidato il ruolo di relatore principale all'incontro dei suoi ex allievi — riuniti nel cosiddetto Ratzinger Schülerkreis — che si è svolto a Castel Gandolfo, dove ha tenuto due conferenze sulla corretta interpretazione del concilio Vaticano II e sulla riforma liturgica. Nello stesso anno lo ha creato cardinale.

REPUBBLICA CECA

Dominik Duka, Arcivescovo Metropolita di Praga, 69 anni
Dopo aver lavorato come operaio, nel 1968 è entrato clandestinamente nell'ordine dei Frati Predicatori, a quel tempo bandito dal comunismo cecoslovacco, ricevendo il nome di Dominik. Nel 1981 è stato condannato per aver contrastato la sorveglianza statale sulle Chiese secondo il Codice penale allora vigente. Per quindici mesi è stato internato nel carcere di Plzeň-Bory. Il 6 giugno 1998 è stato nominato da Giovanni Paolo II Vescovo di Hradec Králové. Insigne biblista, è cardinale dal 2012.

CANADA

Thomas Christopher Collins, Arcivescovo metropolita di Toronto, 66 anni
Il 25 marzo 1997 è stato nominato vescovo coadiutore di Saint Paul in Alberta. Il 14 maggio ha ricevuto l'ordinazione episcopale e il 30 giugno dello stesso anno è succeduto al vescovo alla guida della diocesi. Nominato il 18 febbraio 1999 coadiutore di Edmonton, ne è divenuto arcivescovo il 7 giugno dello stesso anno. Dal 30 gennaio 2007 è arcivescovo metropolita di Toronto, la diocesi più importante del Canada.
Marc Ouellet, Prefetto della Congregazione per i Vescovi, 68 anni
Nel 1996-97 è stato docente presso l'Istituto Giovanni Paolo II della Pontificia Università Lateranense a Roma, diventando, nel 1997, titolare della cattedra di Teologia dogmatica. Il 15 novembre 2002 è stato nominato arcivescovo metropolita di Québec. Il 30 giugno 2010 è stato nominato Prefetto della Congregazione per i Vescovi e Presidente della Pontificia Commissione per l'America Latina.
Jean-Claude Turcotte, Arcivescovo emerito di Montréal, 76 anni
Arcivescovo di Montréal dal 1990 al 2012, ha partecipato al Sinodo dei vescovi sulla vita consacrata nel 1994. Dal 1997 al 2000 è stato Presidente della Conferenza Episcopale del Canada. Interviene spesso sui media, nel contesto della società del Québec profondamente secolarizzata.

STATI UNITI

Raymond Leo Burke, Prefetto del Tribunale supremo della Segnatura Apostolica, 64 anni
Giurista riconosciuto, dal 2004 al 2008 è stato arcivescovo metropolita della diocesi di Saint Louis, prima di diventare Prefetto del Tribunale supremo della Segnatura Apostolica, l’equivalente della Corte di Cassazione dei tribunali ecclesiastici. Nel 2009 ha celebrato una messa solenne in San Pietro nella forma straordinaria del rito romano.
Daniel Nicholas DiNardo, Arcivescovo di Galveston e Houston, 63 anni
Figlio di un immigrato italiano, è stato ordinato sacerdote nel 1977. Ha lavorato alla Congregazione per i Vescovi in Vaticano dal 1984 al 1990 prima di rientrare a Pittsburgh, in Pennsylvania. Dal 2004 è arcivescovo della diocesi di Galveston e Houston che conta una comunità di un milione e trecentomila cattolici.
Timothy Michael Dolan, Arcivescovo metropolita di New York, 63 anni
Segretario della Nunziatura apostolica di Washington dal 1987 al 1992, è diventato arcivescovo di Milwaukee nel 2002, poi della diocesi metropolita di New York nel 2009. È stato rettore del Pontificio Collegio Nordamericano a Roma dal 1994 fino al giugno 2001. Dal 16 novembre 2010 è presidente della Conferenza episcopale degli Stati Uniti.
Francis Eugene George, Arcivescovo di Chicago, 76 anni
Oblato di Maria Immacolata, nativo di Chicago, ha studiato in Canada. Ordinato vescovo il 21 settembre 1990, nello stesso giorno ha preso possesso in qualità di quinto vescovo di Yakima, diocesi che ha retto per cinque anni prima che, il 30 aprile 1996, Giovanni Paolo II lo nominasse Arcivescovo di Portland in Oregon. Dal 1997 è arcivescovo di Chicago.
James Michael Harvey, Arciprete di San Paolo fuori le Mura, 63 anni
Nato a Milwaukee, nel Wisconsin, nel 1980 è entrato a far parte del corpo diplomatico della Santa Sede. Apprezzato per la sua discrezione, è stato nominato Prefetto della Casa Pontificia da Giovanni Paolo II nel 1998. Dal 2012, è arciprete di San Paolo fuori le Mura, una delle quattro basiliche maggiori di Roma.
William Joseph Levada, Prefetto emerito della Congregazione per la Dottrina della Fede, 76 anni
Vescovo ausiliare di Los Angeles (1983), poi arcivescovo di Portland (1986), il 13 maggio 2005 è stato nominato da Benedetto XVI Prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede, di cui è membro dal 2000, trovandosi così a succedere nell’alto e delicato incarico al cardinale Joseph Ratzinger.
Roger Michael Mahony, Arcivescovo emerito di Los Angeles, 77 anni
Vescovo ausiliare di Fresno, poi vescovo di Stockton, nel 1985 è stato nominato alla guida della diocesi di Los Angeles, la più grande d’Americana con oltre 4 milioni e mezzo di fedeli. Il 1° marzo 2011 ha rinunciato al governo pastorale dell'arcidiocesi per raggiunti limiti d’età. Gli è succeduto per coadiutoria l'arcivescovo José Horacio Gómez. Il 31 gennaio 2013 il suo successore lo ha sollevato da tutti gli incarichi pubblici perché accusato di aver gestito in maniera controversa alcuni casi di pedofilia da parte di sacerdoti della sua arcidiocesi.
Edwin Frederick O’Brien, Gran maestro dell’Ordine equestre del Santo Sepolcro, 73 anni
Cappellano militare, è stato nominato arcivescovo di Baltimora nel 2007. Il 29 agosto 2011 è stato chiamato a Roma da Benedetto XVI e il 15 marzo 2012 è stato nominato Gran Maestro dell'Ordine equestre del Santo Sepolcro, un’associazione internazionale di fedeli che sostiene il Patriarcato latino di Gerusalemme.
Sean Patrick O’Malley, Arcivescovo di Boston, 68 anni
Nato nell’Ohio, è entrato nell’ordine dei frati cappuccini nel 1965. Nominato coadiutore da Giovanni Paolo II del vescovo di Saint Thomas, al quale è succeduto nel 1985. Nel 1992 è stato trasferito nel Massachusetts, poi nel 2002 in Florida. Dal 1° luglio 2003 è arcivescovo metropolita di Boston.
Justin Francis Rigali, Arcivescovo emerito di Philadelphia, 77 anni
Ha studiato presso la Pontificia Accademia Ecclesiastica e poi, nel novembre 1964, è entrato a far parte della sezione di lingua inglese della Segreteria di Stato vaticana di cui è stato nominato direttore l’11 febbraio 1970. Ha governato l’arcidiocesi di Philadelphia per otto anni, dal 7 ottobre 2003 fino al 19 luglio 2011.
Donald William Wuerl, Arcivescovo metropolita di Washington, 72 anni
Ordinato sacerdote nel 1966, dal ‘69 al 1980 è stato minutante al dicastero vaticano della Congregazione per il Clero, collaborando regolarmente all'edizione inglese de “L’Osservatore Romano”. Rientrato negli Stati Uniti, è stato nominato nel 1985 vescovo ausiliario della diocesi di Seattle. Dal 2006 è arcivescovo di Washington. Nel 2009 con la cosiddetta “Dichiarazione di Manhattan” ha preso posizione contro i matrimoni tra omosessuali.

ARGENTINA

Jorge Mario Bergoglio, Arcivescovo di Buenos Aires, 76 anni
Gesuita, è ordinario per i fedeli di rito orientale residenti in Argentina che non possono contare su un ordinario del loro rito. Divenuto vescovo ausiliare di Buenos Aires nel 1992, poi arcivescovo nel 1998. Nel 2007 ha respinto l’idea della responsabilità collettiva della Chiesa per i crimini commessi durante il periodo della dittatura argentina.
Leonardo Sandri, Prefetto della Congregazione per le Chiese orientali, 69 anni
Argentino d’origini italiane, fa parte del corpo diplomatico della Santa Sede. Il 1° marzo del 2000 Giovanni Paolo II lo ha nominato nunzio apostolico in Messico dove è rimasto fino al 16 settembre di quello stesso anno quando il Papa lo ha nominato Sostituto per gli Affari generali della segreteria di Stato. Nell’aprile 2005 Benedetto XVI lo ha confermato nell'incarico. Dal 9 giugno 2007 è Prefetto della Congregazione per le Chiese Orientali.

BOLIVIA

Julio Terrazas Sandoval, Arcivescovo di Santa Crux de la Sierra, 77 anni
Il 21 aprile 1994 è stato nominato arcivescovo della diocesi di Guadalajara, in Messico, di cui è vescovo emerito dal 7 dicembre 2011. È stato relatore generale all’Assemblea speciale per l’America del Sinodo dei Vescovi nel 1997. Attualmente, è membro del Pontificio Consiglio per i Laici e della Pontificia Commissione per l'America Latina.

BRASILE

Geraldo Majella Agnelo, Arcivescovo emerito di San Salvador de Bahia, 79 anni
Dal 1960 al 1963 è stato direttore del seminario filosofico dell’Arcidiocesi di San Paolo ad Aparecida e dal ‘64 al ’67 direttore spirituale e professore per il corso teologico del seminario Imaculada Conceição do Ipiranga. Nel 1991 Giovanni Paolo II lo ha nominato Segretario della Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti. Dal 2003 al 2007 è stato Presidente della Conferenza episcopale del Brasile.
Joao Braz de Aviz, Prefetto della Congregazione per gli Istituti di vita consacrata e le Società di vita apostolica, 65 anni
Vescovo ausiliare di Vittoria a partire dal 1994, è stato nominato vescovo di Punta Grossa nel 1998. Nel 2002, è diventato arcivescovo di Maringà e nel 2004 della diocesi di Brasilia. Nel 2011, Benedetto XVI lo ha chiamato a Roma per affidargli la guida della Congregazione per gli Istituti di vita consacrata.
Raymundo Damasceno Assis, Arcivescovo metropolita di Aparecida, 76 anni
Già presidente del Consiglio episcopale latino-americano, è stato designato nel 2007 da Benedetto XVI a guidare la diocesi di Aparecida. Molto presente sulla scena internazionale, ha partecipato a numerosi Sinodi per l’Africa, l’America Latina e il Medio Oriente. Cardinale dal 2010, è presidente della Conferenza episcopale del Brasile dal 2011.
Claudio Hummes, Prefetto emerito della Congregazione per il clero, 78 anni
Francescano, soprannominato “il vescovo dei lavoratori”, è un professore di filosofia, poliglotta e molto sensibile alle ingiustizie sociali senza però aver scelto la teologia della liberazione. Vicino all’ex presidente del Brasile Ignacio Lula. Giovanni Paolo II lo ha nominato arcivescovo nel 1996 e cardinale nel 2001. Dal 2006 al 2010 ha guidato la Congregazione per il clero.
Odilo Pedro Scherer, Arcivescovo di San Paolo, 63 anni
Ha conseguito il dottorato in teologia presso la Pontificia Università Gregoriana (1988-1991) e si è specializzato con un master in filosofia presso la stessa Università. È brasiliano d’origine tedesca. Dal marzo del 2007 guida l’immensa diocesi di San Paolo. È una delle personalità di spicco della chiesa latino-americana.

CILE

Francisco Javier Erràzuriz Ossa, Arcivescovo emerito di Santiago del Cile, 79 anni
È entrato nella Curia romana come segretario della Congregazione per gli Istituti di vita consacrata nel 1990. Tornato in Cile, è stato nominato arcivescovo di Valparaiso nel 1996 e poi arcivescovo di Santiago del Cile dal 1998 al 2010. È stato presidente della Conferenza episcopale dal 1998 al 2004 e membro del Consiglio episcopale latino-americano dal 2003 al 2007.

COLOMBIA

Rubén Salazar Gòmez, Arcivescovo di Bogotà, 70 anni
Nominato vescovo di Cucuta a 50 anni, arcivescovo di Barranquilla a 57, poi, nel 2010, di Bogotà. Capo della Conferenza episcopale colombiana, segue e incoraggia le trattative di pace tra il Governo e le Forze armate rivoluzionarie colombiane (Farc) in cui la Chiesa mantiene una posizione di neutralità ma di stimolo fattivo al dialogo.

CUBA

Jaime Lucas Ortega y Alamino, Arcivescovo de L’Avana, 76 anni
Ordinato sacerdote il 2 agosto del 1964 nella Cattedrale di Matanzas, è stato vicario coadiutore di Cárdenas. Il suo ministero è stato interrotto nel 1966 quando viene internato nei campi di lavoro conosciuti con la sigla UMAP. Dal 1995 al 1999 è stato vicepresidente del Consiglio Episcopale Latinoamericano. Dal 1981 è arcivescovo di San Cristóbal de L’Avana.

ECUADOR

Raùl Eduardo Vela Chiriboga, Arcivescovo emerito di Quito, 79 anni
Nel 1972 è stato nominato vescovo ausiliare di Guayaquil. Il 21 marzo 2003 è stato promosso alla sede arcivescovile primaziale di Quito. Qui ha avviato, tra l’altro, un progetto che impegna tutte le parrocchie nell'educazione dei giovani. Si è ritirato l’11 settembre 2010 per limiti d’età.

HONDURAS

Oscar Andrés Rodriguez Maradiaga, Arcivescovo di Tegucigalpa, 70 anni
Ardente difensore dei diritti dell’uomo e del “servizio ai poveri”, è arcivescovo di Tegucigalpa dall’8 gennaio 1993. Dal 1997, inoltre, è Presidente della Conferenza episcopale dell’Honduras. Nel 2007 Papa Benedetto XVI lo ha nominato presidente di Caritas Internationalis.

ECUADOR

Norberto Rivera Carrera, Arcivescovo di México, 70 anni
Nel 1962 si è trasferito al Collegio Pio Latino Americano di Roma, ed ha poi ottenuto la laurea in Teologia dogmatica presso la Pontificia Università Gregoriana. È stato ordinato sacerdote il 3 luglio 1966 da Paolo VI nella Basilica di San Pietro. Il 13 giugno 1995 è stato nominato arcivescovo primate di México.
Francisco Robles Ortega, Arcivescovo di Guadalajara, 64 anni
Dal 7 dicembre 2011 guida la Sede metropolitana di Guadalajara, la seconda diocesi più grande del mondo dopo quella di Mexico. Ha studiato all’Università Gregoriana a Roma ed è membro della Commissione pontificia per l’America Latina. Dal novembre 2012 è Presidente della Conferenza episcopale messicana, nella quale, in precedenza, era stato presidente della Commissione episcopale per il dialogo interreligioso e la comunione.
Juan Sandoval Iniguez, Arcivescovo emerito di Guadalajara, 79 anni
Benedetto XVI ha accettato nel dicembre 2011 le dimissioni per raggiunti limiti d’età dalla guida della diocesi di Guadalajara che ha guidato dal 1994, quando è succeduto al cardinale Juan Jesus Posadas Ocampo, morto assassinato nel 1993 per la sua lotta al narcotraffico. Nell’ottobre 2005 è stato presidente delegato all’XI Assemblea generale ordinaria del Sinodo dei Vescovi sul tema “L’Eucaristia: fonte e culmine della vita e della missione della Chiesa”

PERU'

Juan Luis Cipriani Thorne, Arcivescovo di Lima, 69 anni
Da ragazzo ha svolto un’intesa attività sportiva, come giocatore di pallacanestro. Ha giocato nella squadra nazionale del Perù che si è laureata vice-campione del Campionato Sudamericano di Lima nel 1963. Ha chiesto di essere ammesso nella Prelatura dell’Opus Dei il 10 giugno 1962. Nel 1999 da Giovanni Paolo II è stato promosso Arcivescovo di Lima e Primate del Perù.

SANTO DOMINGO

Nicolas de Jesus Lopez Rodriguez, Arcivescovo di Santo Domingo, 76 anni
Ordinato sacerdote a La Vega il 18 marzo 1961, ha proseguito gli studi a Roma, frequentando il Centro Internazionale per la Formazione sociologica del Clero e la Pontificia Università di San Tommaso. Dal 1981 è arcivescovo metropolita di Santo Domingo e nel 2009 è stato eletto nuovamente Presidente della Conferenza dell’Episcopato dominicano.

VENEZUELA

Jorge Liberato Urosa Savino, Arcivescovo di Caracas, 70 anni
Ha frequentato il triennio filosofico nel Seminario interdiocesano di Caracas (1959-1962) e, per la Teologia, il St. Augustine's Seminary di Toronto, Canada.Trasferitosi a Roma ha completato gli studi alla Pontificia Università Gregoriana dal 1965 al ’71 dove ha conseguito la laurea e il dottorato in Teologia. Nominato vescovo ausiliare di Caracas il 3 luglio 1982, è divenuto arcivescovo di Valencia nel 1990 e poi arcivescovo di Caracas quindici anni più tardi.

SUDAFRICA

Wilfrid Fox Napier, Arcivescovo di Durban, 71 anni
Ha studiato filosofia e teologia all’Università cattolica di Lovanio, in Belgio. Dal 1992 è arcivescovo di Durban. È stato presidente della Conferenza episcopale del Sudafrica dal 1988 al ’94 e dal 2003 al 2006. Ha avuto un ruolo importante per la riconciliazione nazionale dopo l’apartheid.

EGITTO

Antonios Naguib, Patriarca emerito d’Alessandria dei Copti, 77 anni
Il 26 luglio 1977 è stato eletto vescovo di Minya dei Copti. Come motto episcopale ha scelto Veritas Caritas. Il 30 marzo 2006 è stato eletto dal sinodo dei Vescovi della Chiesa copta cattolica patriarca di Alessandria dei Copti. Ha guidato il Sinodo della Chiesa Copta Cattolica e presieduto l’assemblea della gerarchia cattolica d’Egitto. È stato relatore generale all’assemblea speciale per il Medio Oriente del sinodo dei Vescovi, tenutasi in Vaticano dal 10 al 24 ottobre del 2010.

GHANA

Peter Kodwo Appiah Turkson, Presidente del Pontificio Consiglio Giustizia e Pace, 64 anni
Nominato arcivescovo di Cape Coast nel 1992, è stato Presidente della Conferenza dei vescovi cattolici del Ghana dal 1997 al 2005. Il 24 ottobre 2009, al termine del Sinodo per l'Africa di cui era stato relatore generale, Benedetto XVI lo ha nominato Presidente del Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace. Durante il Sinodo sulla nuova evangelizzazione dell’ottobre scorso in Vaticano ha proiettato un video per mostrare la superiorità numerica dei musulmani in Europa.

GUINEA

Robert Sarah, Presidente del Pontificio Consiglio Cor Unum, 67 anni
Giovanni Paolo II lo soprannominò «il vescovo bambino»: quando ricevette l'ordinazione episcopale, nel 1979, era infatti il vescovo più giovane del mondo: aveva 34 anni. Arcivescovo di Conakry fino al 2001, il 1° ottobre dello stesso anno è stato nominato Segretario della Congregazione per l’Evangelizzazione dei Popoli, ufficio che ha svolto per nove anni, fino al 7 ottobre 2010, quando Benedetto XVI lo ha designato Presidente del Pontificio Consiglio Cor Unum.

KENYA

John Njue, Arcivescovo di Nairobi, 69 anni
A 42 anni è diventato vescovo della diocesi di Embu, nella sua regione natale. Nel 2002 è nominato arcivescovo coadiutore di Nyeri, prima di diventare arcivescovo metropolita di Nairobi nel 2007. Attualmente presiede la Conferenza episcopale keniana, si è pronunciato spesso contro la corruzione e le violenze interetniche in Kenya.

NIGERIA

Anthony Olubunmi Okogie, Arcivescovo emerito di Lagos, 76 anni
Nel 1973 è divenuto il primo arcivescovo nigeriano di Lagos, dove la Chiesa cattolica, all’inizio del 1860, è stata edificata su una comunità di discendenti di ex schiavi ritornati dal Brasile. Ora conta due milioni di fedeli, su una popolazione di oltre dieci milioni di persone. Creato cardinale nel 2003, si è impegnato nella pacificazione delle relazioni tra le diverse confessioni religiose presenti nel Paese.
John Olorunfemi Onaiyekan, Arcivescovo di Abuja, 69 anni
Vescovo di Abuja dal 1994, il 31 ottobre 2012 è stato insignito a Bruxelles del premio Pax Christi International, assegnato a personalità impegnate contro la violenza e l’ingiustizia e per il dialogo interreligioso. È stato anche candidato al premio Nobel per la Pace insieme a un alto esponente dell’Islam nigeriano, con il quale ha promosso una serie di iniziative contro il fondamentalismo.

CONGO

Laurent Monsengwo Pasinya, Arcivescovo metropolita di Kinshasa, 73 anni
Dal 2004 è presidente della Conferenza episcopale del Congo, nel 2007 è stato nominato arcivescovo di Kinshasa. Impegnato in prima fila nel movimento Pax Christi International, soprattutto nelle iniziative di riconciliazione nella regione dei Grandi Laghi, ne è stato vice presidente dal ‘99 al 2007 e co-presidente dal 2007 al 2009. Nella quaresima del 2012 è stato chiamato a predicare gli Esercizi spirituali per la Curia Romana, alla presenza di Papa Benedetto XVI.

SENEGAL

Théodore-Adrien Sarr, Arcivescovo di Dakar, 76 anni
Il 1° luglio 1974, a 37 anni, è stato nominato vescovo di Kaolack, diventando il primo vescovo africano della diocesi. Dal 2000 è arcivescovo di Dakar. Voce molto autorevole e ascoltata in Senegal, nel gennaio 2012 è stato eletto Presidente della nuova Conferenza episcopale regionale dell’Africa Occidentale che raggruppa le Conferenze episcopali della regione, di lingua inglese, francese e portoghese.

SUDAN

Gabriel Zubeir Wako, Arcivescovo di Khartoum, 72 anni
Nominato vescovo di Wau a 33 anni, nel 1981, a 40 anni, è diventato arcivescovo della capitale di un Paese dilaniato dalla guerra civile tra il Nord dominato dalla dittatura islamica e il Sud cristiano. È stato presidente della Conferenza episcopale del Sudan dal 1978 al 1990 e dal 1992 al ’99.

TANZANIA

Polycarp Pengo, Arcivescovo di Dar-Es-Salaam, 68 anni
Ha frequentato la Pontificia Università del Laterano a Roma (1973-1977) dove ha studiato Teologia morale e ha conseguito la laurea. Terminati gli studi, è tornato in Tanzania e ha insegnato teologia morale presso il Seminario Maggiore di Kipalapala per nove mesi (1977). Dal 1992 è arcivescovo della diocesi di Dar-Es-Salaam. La Tanzania è un Paese a maggioranza cristiana e animista. Un terzo della popolazione è musulmana.

CINA

John Tong Hon, Vescovo di Hong Kong, 73 anni
Nato a Hong Kong da genitori non cattolici, è stato ordinato sacerdote da Papa Paolo VI il 6 gennaio 1966. È diventato vescovo ausiliare della diocesi di Hong Kong nel 1996 e coadiutore nel 2008. È succeduto al cardinale Zen nel 2009. È, inoltre, membro della Commissione per la Chiesa cattolica in Cina. È il settimo cardinale cinese nella storia della Chiesa.

INDIA

George Alencherry, Arcivescovo Maggiore di Ernakulam-Angamaly dei Siro-Malabaresi, 67 anni
Dopo gli studi in patria si è trasferito a Parigi, dove ha conseguito il dottorato in teologia biblica alla Sorbona e si è specializzato in catechesi all’Institute Catholique. L’11 novembre 1996 Giovanni Paolo II lo ha nominato primo vescovo della nuova diocesi di Thuckalay dei siro-malabaresi. Non nasconde il problema della condizione di minoranza e quello del confronto con chi in India fomenta il fondamentalismo, anche se in Kerala la situazione è più tranquilla che in altre parti del Paese, come l’Orissa.
Ivan Dias, Prefetto emerito della Congregazione per l’Evangelizzazione dei popoli, 76 anni
Si è laureato in Diritto Canonico nel 1964 presso la Pontificia Università Lateranense di Roma, poi ha lavorato presso la Segreteria di Stato per preparare la visita di Papa Paolo VI a Bombay. Tra il 1965 e il ‘73 è stato Segretario presso le Nunziature Apostoliche in Danimarca, Svezia, Norvegia e altri paesi. . Nel 1996 è stato nominato arcivescovo di Bombay, nel 2006 Prefetto della Congregazione per l’evangelizzazione dei popoli.
Osvald Gracias, Arcivescovo metropolita di Bombay, 68 anni
Da vescovo ausiliare di Bombay è stato incaricato di seguire pastoralmente soprattutto la zona di Navi e i sobborghi di Bombay, realtà particolarmente povere. Difesa della vita, difesa dei diritti dell’uomo e annuncio del Vangelo sono i tre punti cardini della sua missione pastorale. Dal 14 ottobre 2006 è arcivescovo di Bombay. Attualmente è presidente dei vescovi indiani e dell’Asia.
Telesphore Placidus Toppo, Arcivescovo di Ranchi, 73 anni
Appartiene alla tribù Kurukh (Oraon) ed è il primo cardinale aborigeno dell’India. È stato ordinato sacerdote nel 1969 in Svizzera. Nel 1978 è stato nominato vescovo di Dumka, poi è divenuto vescovo coadiutore di Ranchi nel 1984. È stato presidente della Conferenza episcopale indiana dal 2004 al 2008.
Baselios Cleemis Thottunkal, Arcivescovo maggiore di Trivandrum dei Siro-Malankaresi, 53 anni
Ordinato sacerdote nel 1986, nel ‘97 ha conseguito un dottorato in ecumenismo presso la Pontificia Università San Tommaso d’Aquino a Roma. L’11 settembre 2003 ha ricevuto la nomina a Vescovo di Tiruvalla dei Siro-Malankaresi, dove ha fatto il suo ingresso il 2 ottobre. Il 15 maggio 2006 Benedetto XVI ha elevato ad arcieparchia l’eparchia di Tiruvalla e lo ha promosso arcivescovo.

LIBANO

Béchara Boutros Rai, Patriarca d’Antiochia dei maroniti, 73 anni
Dopo aver emesso i voti religiosi nell’ordine maronita della Beata Vergine Maria, nel 1962 ha conseguito il dottorato in diritto canonico e la licenza in sacra teologia all’Università Lateranense di Roma. Il 15 marzo 2011 è stato eletto 77.mo successore di san Marone durante il Sinodo straordinario di Bkerké. È chiamato a rappresentare la voce degli arabi cristiani nel collegio cardinalizio. La Chiesa maronita conta cinque milioni di fedeli, di cui un milione solo in Libano.

FILIPPINE

Luis Antonio Tagle, Arcivescovo metropolita di Manila, 55 anni
Ordinato sacerdote nel 1967, nel 1997 Giovanni Paolo II lo ha nominato membro della Commissione Teologica Internazionale, in seno alla Congregazione per la Dottrina della Fede, della quale ha fatto parte, sotto la presidenza del cardinale Ratzinger, fino al 2003. Dal 2011 è arcivescovo di Manila. È uno dei più giovani elettori del Conclave e considerato tra i “papabili”.

SRI LANKA

Albert Malcom Ranjith Patabendige Don, Arcivescovo metropolita di Colombo, 65 anni
Ordinato sacerdote nel 1975 da Paolo VI, nel 1991 vescovo ausiliare di Colombo, poi vescovo di Ratnapura nel 1995. Il 1° ottobre 2001 è stato nominato segretario aggiunto della Congregazione per l’Evangelizzazione dei popoli, con l’incarico di presidente delle Pontificie Opere Missionarie. Il 10 dicembre 2005, Benedetto XVI lo ha nominato segretario della Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti. Dal 2009 è arcivescovo di Colombo.

VIETNAM

Jean-Baptiste Pham Minh Man, Arcivescovo di Ho-Chi-Minh-Ville, 79 anni
Nato nella provincia di Cà Mau, dopo gli studi a Los Angeles è rientrato nel 1971 in Vietnam dove ha insegnato presso il Seminario minore Beato Quy di Cai Rang fino al 1974. È stato nominato vescovo coadiutore di My-Tho nel 1993 e poi arcivescovo di Ho-Chi-Minh-Ville nel 1998.

AUSTRALIA

George Pell, Arcivescovo di Sydney, 71 anni
Ha studiato presso il Corpus Christi College di Werribee e il Collegio di Propaganda Fide a Roma. Nel 1987 è stato consacrato vescovo ausiliare di Melbourne, poi, nel ’96, arcivescovo. Nel 1990 è stato Relatore generale alla VII Assemblea Generale del Sinodo dei Vescovi di Roma sulla formazione dei sacerdoti. Il 26 marzo 2001 Giovanni Paolo II lo ha nominato ottavo arcivescovo metropolita di Sydney.

I vostri commenti
1
scrivi

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 0,00 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 57,80 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    I LOVE ENGLISH JUNIOR
    € 69,00 € 49,90 - 28%