logo san paolo
martedì 30 novembre 2021
 
 

Protezione civile, ritorno all'antico

12/07/2012  Il Senato ha approvato in via definitiva la riforma: non dovrà più occuparsi di grandi eventi, ma solo di calamità. Elicotteri e aerei anti-incendio passano ai Vigiili del fuoco.

Un sopralluogo nelle zone terremotate dell'Emilia-Romagna. Le foto di questo servizio sono del Dipartimento della Protezione civile.
Un sopralluogo nelle zone terremotate dell'Emilia-Romagna. Le foto di questo servizio sono del Dipartimento della Protezione civile.

Recupera quella che era la sua vocazione originaria: intervenire presto e bene in caso di emergenza. Niente più grandi eventi, come il G8 (Aquila, 2009) o il vertice della Nato (Peatica di Mare, 2002) o l'America's Cup (Trapani, 2005). La Protezione civile torna all'antico. La riforma approvata in via definitiva dal Senato limita infatti l'ambito d'azione del Dipartimento alla «previsione e alla prevenzione dei rischi, al soccorso delle popolazioni sinistrate e ad ogni altra attività necessaria e indifferibile, diretta al contrasto e al superamento dell'emergenza e alla mitigazione del rischio». Il provvedimento conferma che le funzioni di coordinamento a livello centrale fanno capo al Presidente del Consiglio che ha la facoltà di delegare la responsabilità in materia a un ministro con portafoglio ovvero al sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio.

La legge punta poi ad evitare gli stati di emergenza "eterni" o quasi. Il nuovo limite massimo stabilito alle gestioni commissariali è di 90 giorni, prorogabile "di regola" per non più di 60. Insomma, 5 mesi in tutto, con una certa elasticità connessa al termine "di regola". Il potere di ordinanza è attribuito al capo della Protezione civile, acquisita l'intesa con le Regioni interessate. A seguito della dichiarazione dello stato di emergenza, la Regione può alzare l'imposta regionale della benzina di cinque centesimi per litro. La legge dispone poi il passaggio ai Vigili del fuoco della flotta aerea di Stato contro gli incendi boschivi.

Rimane un punto controverso. Alla fine del testo, il provvedimento di riforma prevede che sul sito della Protezione civile vengano rese disponibili le informazioni sugli appalti per i grandi eventi. Si tratta di una misura criticata dal capo del Dipartimento, Franco Gabrielli, che l'ha definita «non compatibile con il nuovo assetto della Protezione civile nel momento in cui i grandi eventi scompaiono dal novero delle proprie competenze».

I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo