logo san paolo
domenica 23 gennaio 2022
 
 

Elezioni in Russia, la solita storia

04/03/2012  Il risultato del voto di oggi appare scontato: Vladimir Putin sarà di nuovo presidente. Anche a causa dell'assenza di un'alternativa concreta e di elementi di novità.

Oggi in Russia si vota per le presidenziali. E viene da pensare: Putin, ancora e sempre Putin. Vladimir Putin era primo ministro già nel 1999, presidente già nel 2000. E' ridiventato primo ministro nel 2008 e lo ridiventerà nel 2012. Ma siamo sicuri che la rigidità del sistema russo post-sovietico s’incarni esclusivamente in Putin? Consideriamo gli altri candidati di questa tornata elettorale.


Grigorij Javlinskij, del partito Jabloko: era vice-premier nel 1990 e si era candidato alla presidenza già nel 1996 e nel 2000. Gennadyj Zjuganov: nel 1993 fu tra i fondatori del Partito comunista di Russia ed è stato candidato alla presidenza dal 1996 a oggi ogni volta che si è votato. Vladimir Zhirinovskij: è da sempre il leader del partito nazionalista curiosamente denominato Partito liberal-democratico. E' candidato in ogni elezione presidenziale a partire dal 1991. 

L'elemento innovativo di quest'anno sarebbe stato l'oligarca Mikhail Prokhorov: ma un miliardario che, in Russia, si butta in politica non è una novità. La figura di Putin di certo ha stancato molti e lo spirito critico sta crescendo da parte di una nuova generazione che non ha conosciuto l'Urss. Ma la costruzione di un'alternativa politica appare ancora lontana. In questi anni la questione russa non è molto cambiata. 

La Russia è il primo esportatore mondiale di gas, il secondo di petrolio e il terzo di acciaio e alluminio. Vale a dire che i russi vivono soprattutto delle vendita delle loro risorse naturali e sono quindi esposti agli alti e bassi dei Paesi clienti. Ci vorrebbe quindi un'economia meno dipendente dal petrolio. Putin, che doveva rimettere in sesto gli equilibri sociali, ha badato soprattutto a mettere in sicurezza la cassaforte delle risorse. Ma altri non hanno un piano migliore. Di certo non ce l'hanno Javlinskij, Zjuganov o Zhirinovskij.

I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo