Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
giovedì 30 maggio 2024
 
Colloqui col Padre
 

Quando a Messa si prega per il Duce

01/06/2017  «Caro direttore, lo scorso aprile ero a Messa in una chiesa del centro di Milano. Alla preghiera dei fedeli, l’anziana “lettrice” come ultima preghiera ha pronunciato queste parole: "Per l’anima di Benito Mussolini, morto 72 anni fa, preghiamo". Con tutte le brave persone che muoiono che bisogno c’è di pregare per un dittatore scomparso da anni?»

Caro direttore, lo scorso aprile ero a Messa in una chiesa del centro di Milano, la mia parrocchia. Alla preghiera dei fedeli, l’anziana “lettrice” come ultima preghiera ha pronunciato queste parole (le ripeto a memoria): «Per l’anima di Benito Mussolini, morto 72 anni fa, preghiamo». Io sono rimasta basita e secondo me anche il sacerdote che officiava la Messa. Tra i fedeli ho visto un po’ di sconcerto e poi non me la sono sentita di fare la Comunione. Cosa ne pensate? Sono troppo intransigente? Con tutte le brave persone che muoiono che bisogno c’è di pregare per un dittatore assassino ormai scomparso da anni? Non è stata una provocazione dell’anziana nostalgica?

AMELIA

Ogni anno e in diverse occasioni capitano fatti del genere. Il vero problema non è pregare oppure celebrare una Messa di suffragio per Mussolini o per un altro dittatore sanguinario o anche per qualsiasi delinquente. Le difficoltà nascono, piuttosto, quando la preghiera è fatta in pubblico, perché è facile la strumentalizzazione. Si può addirittura arrivare all’apologia del fascismo o all’esaltazione di un assassino. Nel caso che citi, considerando l’età della signora e lo sconcerto dello stesso celebrante, mi viene quasi da sorridere. In altre circostanze emergono, invece, evidenti nostalgie del passato e tentativi di dare al ricordo una connotazione ideologica. È questo che deve essere evitato. In diverse occasioni i vescovi hanno perciò vietato di celebrare Messe pubbliche in suffragio di Mussolini.

Va però ricordato il senso autentico della preghiera di suffragio per i defunti: essa è per tutti, non solo per i giusti. Anzi, sono proprio i più grandi peccatori che hanno ancor più bisogno di misericordia. Di nessuno, infatti, la Chiesa afferma con assoluta certezza che sia già all’inferno. Un conto però è pregare, un altro è fare propaganda di un’ideologia, di qualsiasi genere essa sia, strumentalizzando la liturgia.

I vostri commenti
24

Stai visualizzando  dei 24 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo