logo san paolo
venerdì 07 agosto 2020
 
L'esercito dei mammoni
 

Quando i giovani non se ne vogliono andare

20/11/2017  Secondo i dati Eurostat i bamboccioni italiani, cioè chi tra i 25 e i 34 anni, anche se spesso hanno già un lavoro, continuano a vivere con i genitori, sono ancora tantissimi, con solo una lieve flessione rispetto al 2015

Li chiamano mammoni, o bamboccioni: sono i giovani adulti che dopo i 25 anni ancora restano in casa con mamme  e papà. Un fenomeno squisitamente italiano. E infatti in un Europa tra i grandi Paesi non ce n’è nessuno in cui ci sia una così alta percentuale di adulti che non spiccano il volo. Ma per la prima volta dall'inizio della crisi, dopo un decennio di costante salita, il loro numero inizia a calare. A disegnare il nuovo quadro sono le statistiche dell' Eurostat. Se si guarda al gruppo dei giovani adulti, che hanno tra i 18 e i 34 anni, si scopre che due su tre vivono ancora con i genitori. La percentuale del 2016 è del 66%, altissima, ma in calo rispetto al 67,3% del 2015. È un'inversione di tendenza rispetto al decennio che parte dal 2007, ma è comunque di più del 48,1% della media dell'Europa, che vede un dato peggiore solamente tra i giovani della Croazia. Il quadro, per l'Italia, non cambia di molto se si restringe il campo ai giovani che dovrebbero aver finito gli studi e quindi avviare la ricerca del lavoro, quella di chi ha tra i 25 e i 34 anni: la percentuale di “mammoni” italiani è al 49,1%, uno su due rimane a casa. Anche in questo caso si registra un leggero calo, ma si è ancora lontani dalla percentuale Ue che vede solo il 28,6% di giovani continuare a condividere la casa con i genitori. È chiaro che la crisi economica e la difficoltà a trovare lavoro hanno il loro peso. La crescita dei giovani adulti a casa con i genitori è stata continua dal 2007, quando erano il 61,2%, per raggiungere il record del 67,3% nel 2015. Si tratta di sei punti percentuali che si ritrovano quasi tutti nella fascia più adulta, quella dei 25-34 anni, quella che dovrebbe segnare l'ingresso nel mondo del lavoro e che invece ha visto i “mammoni” salire dal 45,8% del 2007 al 50,6% del 2015. Ma ci sono anche i mammoni incalliti, che non lasciano il tetto familiare nemmeno con un lavoro. Il 39,4% infatti continua a rimanere a casa anche e nonostante si dichiarino impiegati a tempo pieno. A studiare invece è il 19,3% - nel 2007 la percentuale era del 14,1 - mentre i disoccupati sono il 28,7%. Basta allargare lo sguardo ad altri Paesi per scoprire però che varcati i confini italiani il contesto cambia e di molto. Se si guarda alla fascia 25-34 anni, quella dei giovani adulti che affrontano il passaggio dallo studio al lavoro, in Danimarca continua a vivere con i genitori solo il 3,8%, un dato in linea con la Finlandia (4,3%) e inferiore alla Svezia (6%). Comunque anche in Francia i giovani che vivono nella famiglia di origine sono una piccola minoranza (il 13,4%, in crescita dal 10,1% del 2015), nel Regno Unito sono il 14,3%. Peggio degli italiani, per questa fascia di età, non sono solo i croati: ci sono anche i greci, i maltesi e gli slovacchi

I vostri commenti
5
scrivi

Stai visualizzando  dei 5 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 92,90 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 0,00 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%