logo san paolo
mercoledì 21 ottobre 2020
 
 

Quando l'ateismo si fa religione

14/12/2013  Nel 1996 l'Unione degli atei, degli agnosici e dei razionalisti (Uaar) presentò un ricorso straordinario al Presidente della Repubblica per chiedere di essere riconosciuta come confessione religiosa

Gli atei di oggi sono un po’ come le stagioni: non ci sono più quelli di una volta. Ma ve l’immaginate un Nietzsche, un Baudelaire o un Oscar Wilde fondare un’associazione per l’ateismo militante, attaccare manifesti 6x3 in giro per le città che recitano: “La cattiva notizia è che Dio non esiste. Quella buona è che non ne hai bisogno” e organizzare iniziative per lo “sbattezzo” che prevede la cancellazione del proprio nome dai registri parrocchiali per dimostrare che gli atei in Italia sono molti di più di quanto dicano le cifre ufficiali? Da tragico, insomma, l’ateismo è diventato un po’ ridicolo.

Prendiamo l’agguerritissima Uaar (Unione degli atei agnostici razionalisti): da anni si sono organizzati per lottare contro l’oscurantismo e l’ignoranza portata delle religioni, soprattutto quelle organizzate come il cattolicesimo, e per affermare la piena laicità dello Stato. Uno dei loro bersagli preferiti, oltre all’abrogazione dell’articolo 7 della Costituzione che recepisce i Patti Lateranensi e l’eliminazione del Crocifisso nelle scuole, sono i fondi che arrivano alla Chiesa cattolica (e non solo) tramite il meccanismo dell’otto per mille. Battaglia legittima, per carità. Nel 2007, i Nostri hanno pure lanciato in pompa magna una campagna informativa ribattezzata “Occhiopermille”: «Quale associazione impegnata nella difesa della laicità delle istituzioni», si legge sul sito, «l’Uaar ritiene che sia suo dovere aiutare la cittadinanza a effettuare una scelta autonoma e consapevole». Tutto normale. Ognuno fa le battaglie che vuole.

Forse, però, all’Uaar si sono persi un passaggio. Correva l’anno 1996 e gli atei organizzati presentavano un ricorso straordinario al Presidente della Repubblica per chiedere di essere riconosciuti come confessione religiosa, al pari ad esempio di Valdesi, Avventisti del settimo giorno, comunità cristiane evangeliche ed ebraiche. Obiettivo: battere cassa allo Stato per poter partecipare, come associazione riconosciuta, al meccanismo di ripartizione del tanto vituperato otto per mille.

Le motivazioni presentate nel ricorso, consultabile sul sito dell’Uaar, sono tutte da leggere. «L'o­biet­ti­vo primario del movimento umanista non è di attaccare le religioni, ma di crea­re una positiva alternativa al teismo», scrivono. Poi sostengono che l’UAAR «può essere omologata alla chiesa cattolica, al­l'U­nio­ne delle comunità israelitiche, alle co­munità induiste, ecc. Omologia non significa affinità, tuttavia è fondamentale ribadire questa omologia fra scelte filosofiche, essendo solitamente negata o travisata».

Ma come? Se lottano contro le religioni perché pretendono di definirsi una religione? «Un'u­­nione di atei», argomentano, «non è né una società sportiva né un partito politico né può essere qualcosa di diverso da una associazione con fine di religione, la qual cosa è ampiamente riconosciuta dalla dot­trina. La qualità oggettiva di associazione religiosa di ogni gruppo di ateismo militante è rafforzata dall'auto­in­ter­pre­ta­zio­ne effettuata dai soci all'interno della loro libertà di associazione: e l'Uaar, come si è detto, si interpreta come religione». Quantomeno per fare “concorrenza” alle religioni vere: «Una associazione di ateismo attivo in tanto ha ragione di esistere in quanto possa proporsi di rappresentare un'opinione in materia di religione concorrente con quella delle religioni “positive”».

Per fare concorrenza alle religioni, però, ci vogliono i quattrini. Ed ecco che verso la fine del lungo testo del ricorso stringi stringi si arriva proprio a quello: «Il diniego alla richiesta di intesa presentata dall'Uaar costituisce una disparità di trattamento dell'associazione ricorrente nei confronti delle altre confes­sioni religiose, impedendo che l'Uaar sia ammessa ai benefici che derivano dalla stipulazione di un'intesa». Di quali benefici si tratta? «Vantaggi», si legge nel ricorso, «di tipo patrimoniale (attribuzione dell'otto per mille del gettito IRPEF, deducibilità del­le erogazione liberali dei fedeli fino a due milioni di lire) e non patrimoniali (ac­cesso al servizio radiotelevisivo pubblico e riserva di frequenze; insegnamento dottrinale su richiesta nelle scuo­le pubbliche) per cogliere quanto que­sti strumenti possano essere discriminatori nei confronti degli atei, qualora non fossero messi a disposizioni anche delle associazioni di atei».

Alla fine ecco la richiesta: «L’Uaar, in quanto confessione religiosa ai sensi dell’art. 8 c. III Cost., risulta titolare di tale interesse, e l’atto che lo lede non può in conseguenza con­siderarsi atto politico. In considerazione di tutti i suesposti motivi, la ricorrente Unione degli atei e degli agnostici razionalisti chiede che il Sig. Presidente della Repubblica voglia procedere all’annullamento del­l’at­to del Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei ministri, n. DAGL 1/2.5/4430/23, del 20 febbraio 1996, che respinge l’istanza di intesa ai sensi del­l’art. 8 c. III Cost., presentata dalla ricor­rente».

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo
Collection precedente Collection successiva
FAMIGLIA CRISTIANA
€ 104,00 € 0,00 - 11%
CREDERE
€ 88,40 € 0,00 - 35%
MARIA CON TE
€ 52,00 € 39,90 - 23%
CUCITO CREATIVO
€ 64,90 € 43,80 - 33%
FELTRO CREATIVO
€ 23,60 € 18,00 - 24%
AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
€ 46,80 € 38,90 - 17%
IL GIORNALINO
€ 117,30 € 91,90 - 22%
BENESSERE
€ 34,80 € 29,90 - 14%
JESUS
€ 70,80 € 60,80 - 14%
GBABY
€ 34,80 € 28,80 - 17%
GBABY
€ 69,60 € 49,80 - 28%
I LOVE ENGLISH JUNIOR
€ 69,00 € 49,90 - 28%
PAROLA E PREGHIERA
€ 33,60 € 33,50
VITA PASTORALE
€ 29,00
GAZZETTA D'ALBA
€ 62,40 € 0,00 - 14%