logo san paolo
lunedì 27 giugno 2022
 
 

Quando la gita si trasforma in tragedia

14/05/2015  Dal 2010 si contano, tra studenti italiani in viaggio d'istruzione nel nostro Paese o all'estero, e stranieri in visita in Italia, dieci giovani vittime. alcune di queste morti sono ancora misteriose. Ecco i casi.

La morte di Domenico Maurantonio, caduto dal quinto piano di un albergo milanese domenica scorsa è solo l’ultimo di una lunga serie di gravi incidenti  avvenuti durante gite scolastiche, per cause disparate: imprudenze, fatalità, giochi folli, bravate. E più d’una volta la dinamica dei fatti che hanno portato ai decessi è rimasta misteriosa, e alcune morti sono ancor oggi tinte di giallo.   

Gabriele Russo
Gabriele Russo

Il precedente più grave, in ordine di tempo, risale solo a due mesi fa: Anastasia D., studentessa greca di 17 anni, precipita da un balcone al secondo piano di un albergo di Roma, la notte del 4 marzo,  e muore  alcuni giorno dopo, in seguito alle ferite riportate.

 Ad aprile del 2014 a Palermo, Antoine Dominique M., un ventenne belga, cade dal balcone  della camera d’albergo dove alloggiava, nel tentativo di scavalcare la ringhiera per raggiungere il balcone attiguo. Anch’egli muore a distanza di pochi giorni.

 Un mese prima, a Barcellona in Spagna, perde la vita Gabriele Russo, studente catanese di 15 anni, cadendo dal ponte della nave ormeggiata nel porto di Barcellona. Il ragazzo s’era imbarcato a Civitavecchia con altri coetanei provenienti da ogni parte d’Italia per uno stage letterario.

  Sempre nell’aprile del 2014, Jonathan Lucas, 16 anni, studente svizzero in gita a Roma, muore a causa di un gioco folle: lancio di coltelli tra compagni. L’arma da taglio lo colpisce in pieno petto, ferendolo mortalmente all’aorta.

   Nel febbraio del 2013 una studentessa inglese di origini indiane, di 13 anni, cadendo da una seggiovia a Claviere, in alta Valsusa (Torino) va a sbattere addosso a un pilone dell’impianto di risalita e muore. Era in settimana bianca con la scuola.

   Nell’aprile del 2012 una altro studente straniero, questa volta spagnolo, cade da un muretto della metro romana e muore, mentre scappa con altri compagni alla vista dei carabinieri, accorsi per la segnalazione di schiamazzi notturni. 

    Nel marzo del 2011 Samuele Tofanelli, 20 anni, studente toscano in gita scolastica a Napoli, perde la vita in seguito all’assunzione di un micidiale mix di cocaina, eroina e alcol, durante un droga party. Il giovane avrebbe acquistato la dose mortale da uno spacciatore nel quartiere di Scampia.

    Due studentesse quattordicenni, romane, Sara Panuccio e Francesca Colonnello, nell’aprile del 2010, vengono travolte e uccise sull’isola pontina di Ventotene, da un costone di tufo crollato improvvisamente sulla spiaggia di Cala Rossano. Nel febbraio del 2014 i quattro imputati nell’ambito del processo per il crollo della parete rocciosa vengono tutti condannati in primo grado.

I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo