logo san paolo
lunedì 27 giugno 2022
 
dossier
 

Il reality "Chiedi a papà". Quando la mamma è in vacanza...

04/03/2016  Come se la cava un marito a casa con i figli mentre la moglie si rilassa per cinque giorni in un albergo? «Una bella responsabilità», dice Massimo Atzeni. «ma ci siamo divertiti così tanto che mi piacerebbe rifarlo di nuovo». Venerdì 4 marzo su Rai 3

La scena è questa: papà Massimo è appena andato a prendere il …figlio Claudio, 7 anni, alla scuola elementare. Con un braccio tiene stretta la piccola Livia, 4 anni, stanca dopo cinque giorni d’asilo, mentre con l’altro cerca con il guinzaglio di tenere a bada il cane Penny. Una faticaccia, insomma, specie dopo una giornata di lavoro. E meno male che oggi non deve pure accompagnarli a nuoto o a karate. Poco più in là, la moglie Paola se la ride.
Perché la scena è stata “costruita” da noi, ma si è svolta davvero pochi mesi fa, quando la famiglia Atzeni è stata protagonista di una puntata di Chiedi a papà, il docureality in onda al venerdì in seconda serata su Rai 3. L’idea è questa: vedere come se la cavano i papà italiani con i figli mentre le mamme sono per cinque giorni in vacanza in un lussuoso albergo. I telespettatori potranno vedere com’è andata agli Atzeni nella puntata del 4 marzo, mentre noi ce lo siamo fatto raccontare a casa loro, a Costabissara, a pochi chilometri da Vicenza. Mentre Massimo prepara una spremuta d’arancia per i bambini rapiti da Peppa Pig in Tv, Paola ricorda: «La scorsa estate sul mio cellulare ho letto un annuncio che mi ha incuriosito: “Se vuoi fare una vacanza senza bambini, clicca qui”. Era la produzione di Chiedi a papà che selezionava le famiglie. Mi sono iscritta per gioco e invece alla fi…ne ci hanno scelti. Perché abbiamo accettato? Per metterci alla prova. Da quando io e Massimo ci siamo innamorati, alle scuole superiori, abbiamo sempre fatto tutto insieme. Lavoriamo anche nella stessa banca». «A casa, però, a parte preparare la colazione, cucinare e buttare l’immondizia, a tutto il resto ha sempre pensato lei», precisa il marito. «E le va bene così, perché come tutte le mogli, anche se dice che sono bravo, trova sempre qualcosa per cui lamentarsi. Così mi sono detto: proviamo!».

LA SCORTA DI RAGÙ. Così Paola, dopo aver lasciato una scorta di ragù, aver preparato i vestiti per i bambini e aver dato a Massimo un’unica raccomandazione, “Fai la lavatrice!”, è partita per un albergo in Toscana, mentre una troupe della Rai è arrivata a casa Atzeni per documentare l’arte di arrangiarsi di Massimo. Che subito confessa: «Non sono stato troppo a preoccuparmi di trovare il pantalone da abbinare alla felpa come fa lei e il suo ragù è rimasto in frigorifero. Ho preferito preparare dei menu più “festaioli” per i bambini: pizze fritte, cotolette e pasta alla carbonara».
Tutto questo mentre Paola si rilassava tra passeggiate tra i boschi e trattamenti di benessere in compagnia di Graziana, la mamma della seconda famiglia protagonista della puntata. Senza però poter avere alcun tipo di contatto con chi era rimasto a casa. «Vivo sempre con il cellulare in mano e sono abituata a organizzare e a controllare tutto. Prima di partire, la mia preoccupazione più forte era la reazione dei bambini alla mia assenza, specialmente quella di Livia, la mia “principessa del sorriso”. La chiamo così perché sorride sempre e tra noi ci sono dei piccoli riti a cui teniamo tantissimo, come il bacio della buonanotte. Mi sono mancati molto. In compenso, ho dormito benissimo, perché non avevo accanto mio marito che russa…».
Massimo fa fi…nta di niente e rilancia con orgoglio: «All’inizio Livia non faceva che chiedere quando tornava la mamma, ma poi i bambini si sono adattati benissimo. Avrei potuto lasciarli davanti alla Tv, invece ci siamo scatenati in giochi che in sua presenza non avremmo mai fatto. Un pomeriggio, mentre giocavamo a nascondino, mi sono nascosto dentro la vasca da bagno e addirittura fuori da una …finestra».
Naturalmente non tutto è fi…lato sempre liscio, anche perché casa Atzeni ospita, oltre al cane Penny, anche due gatti. «Una sera ho trovato tutto il divano bagnato di pipì», rivela Massimo, «e quando abbiamo rivisto Paola la prima cosa che mi ha chiesto è stata: “In che condizioni è la casa?”. Io l’ho subito tranquillizzata, dicendole che alla fi…ne avevo chiamato la signora delle pulizie…».
Mentre Paola aspetta con ansia il 19 febbraio per vedere in Tv come sono andate davvero le cose, Massimo dice che gli piacerebbe ripetere quest’esperienza, sia pure in forma più limitata: «Vorrei portare i bambini in campeggio per un weekend. Senza la mamma, è una bella responsabilità. Ma se sai che non c’è lei, sempre pronta a giudicare ciò che fai, il bambino che c’è in ognuno di noi uomini viene subito fuori. Ed è bellissimo lasciarsi andare. Almeno per un po’». Paola sorride, ma non pare convintissima.

Multimedia
Derek Redmond e suo papà alle Olimpiadi di Barcellona
Correlati
I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo