Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
mercoledì 24 aprile 2024
 
 

Quando la terra trema

12/05/2010  Le polemiche e i ritardi che hanno seguito i più grandi terremoti in Italia, ben prima dell'Aquila

Ben prima che le polemiche e le inchieste giudiziarie travolgessero la Protezione civile, in Italia ogni terremoto è sempre stato seguito da paura, problemi, ma anche solidarietà e ricostruzione. Una storia che si ripete e che il documentario Terre in moto ci fa ripercorrere attraverso la testimonianza delle vittime. Partendo dal terremoto di Messina, nel 1908: 37 secondi di scosse di magnitudo 7,2 gradi della scala Richter distrussero Messina e Reggio. I soccorsi arrivarono massicci, ma con ritardo: navi militari (non solo italiane) furono trasformate in ospedali, ma le polemiche dei mesi successivi riguardarono soprattutto il ritardo nel riconoscimento delle salme. Sessant'anni dopo fu la volta del Belice, in Sicilia: nel gennaio del 1968 nella valle tra le tre province di Palermo, Agrigento e Trapani si contarono oltre 50mila morti. Ma la terra non ha finito di tremare: ci fu il terremoto del Friuli, nel 1976, quello dell'Irpinia quattro anni dopo, infine l'Aquila lo scorso anno. Ritardi ed errori sono sempre stati controbilanciati da un'esperienza unica di solidarietà e coesione nazionale. Rai Storia porta alla luce, attraverso filmati d'archivio, luci e ombre della macchina dei soccorsi.

Terre in moto - Rai storia, 21.00

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo