logo san paolo
venerdì 28 febbraio 2020
 
La storia
 

In memoria di Anas, il clown di Aleppo

02/12/2016  Anas al Basha, 24 anni, volontario dell'associazione umanitaria "Space for hope", è stato ucciso mentre regalava un sorriso ai bambini bombardati della Siria. Quando muore un clown, il mondo si fa un po' più triste e ...

Anas Al Basha
Anas Al Basha

Hanno ammazzato Anas. E con lui il sorriso dei bambini di Aleppo. Anas al Basha, era un ragazzo di 24 anni, volontario  nell’associazione umanitaria Space for Hope, che vuol dire proprio “spazio per la speranza”. Faceva il clown ad Aleppo, per rendere meno insopportabile la vita ai bambini siriani. Un raid aereo dei siriani e dei russi sulla città lo ha ucciso per strada, proprio mentre si stava recando in una delle 12 scuole della città dove l’associazione presta quotidiano servizio, oltre ad alcuni centri che raccolgono i piccoli orfani di guerra.  Sono 34 i volontari dell’associazione che, nonostante i rischi, rimangono  vicini ai bambini traumatizzati dai bombardamenti, nonostante tutto e tutti.

   Col suo cappellone giallo e la parrucca carota, Anas per tutti era il “clown di Aleppo”. Si era appena sposato. Non aveva seguito i genitori che l’estate scorsa erano fuggiti nelle campagne, proprio perché voleva stare accanto ai bimbi di Aleppo, per regalare loro qualche momento di gioia, in questo luogo che da cinque anni è diventato l’inferno del mondo.  La responsabile del’associazione, Samar Hijazi  commenta: “Era esausto, come tutti noi, ma continuava a combattere”. Senz’armi, se non quelle pacifiche del sorriso e dello scherzo.      

Marco Rodari, il Pimpa
Marco Rodari, il Pimpa

Quando muore un clown, il mondo è un po’ più triste. Quando muore un clown, il sorriso di Dio s’adombra. Quando muore un clown, si ruba ai bambini un po’ del loro sacrosanto diritto all’infanzia.
   Lo sanno i tantissimi minori che, in giro per il mondo, hanno la  malasorte di esser nati in teatri di guerra, in zone di confini filospinati, rivendicati e combattuti. Lo sanno i tanti orfani che vagano tra macerie o che fuggono assieme a padri e madri da città in fiamme.
   Lo sanno, per esempio,  i bambini di Gaza,  che hanno conosciuto Marco Rodari, anzi “Il Pimpa”,  il giovane di Leggiuno, che da oltre dieci anni si tinge il naso di rosso e regala, assieme agli altri volontari dell’associazione varesina “I colori del sorriso”,  un “leccalecca” di buon umore ai piccoli pazienti dell’ospedale St. Josef di Gerusalemme o quelli che frequentano l’unica parrocchia  cattolica di Gaza.

 Lo sanno le centinaia di  “street boys”,  i ragazzi delle fogne di Bucarest, che hanno incontrato Miloud, il clown franco-algerino,  che dopo averli fatti ridere ha insegnato l’arte della clownerie, quale strumento di riscatto sociale, fondando l’associazione rumena “Parada”.

il clown francese Miloud
il clown francese Miloud

Lo sanno, ancora, i bambini terremotati di Haiti, quelli malati di aids in Cambogia, o sopravvissuti allo tzunami della Sri Lanka, che hanno visto  le scenette esilaranti  di Ginevra Sanguigno e Italo Bertolasi, allievi del grande medico americano, Patch Adams, inventore della clownterapia, che hanno fondato “Clown One Italia Onlus” e girano il mondo distribuendo sorrisi a chi ne ha tanto bisogno.

  Per restare dentro i nostri confini, lo sanno i piccoli pazienti della pediatria di Lecce, che si sono imbattuti nelle funamboliche invenzioni  di don Gianni Mattia, un prete, che assieme al clergyman  ha messo anche il naso rosso, per portare “la gioia di Dio in corsia”. E lo sanno tutti i bambini che hanno incontrato in un qualche ospedale del mondo un pagliaccio in camice dal cuore grande quasi quanto le sue buffe scarpe, che ha strappato loro un sorriso.  

 Forse i clown non muoiono veramente. Forse  vivono in ogni sorriso infantile, in ogni attimo di serenità rubato alla noia, al dolore o alla tragedia. Nella leggerezza che sconfigge l’alienazione.  Anche Anas è lì, in mezzo a loro che gioca ancora. E fa “bau” al babau del Male.      

Multimedia
Volontariato in corsia: col naso rosso e le braccia aperte accanto a chi soffre
Correlati
"Abbiamo riso per una cosa seria", la campagna di Focsiv torna in piazza
Correlati
Volontariato in corsia: col naso rosso e le braccia aperte accanto a chi soffre
Correlati
I vostri commenti
1
scrivi

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 92,90 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 0,00 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%