logo san paolo
giovedì 26 maggio 2022
 
 

Quando padre Gemelli scrisse: «Perchè i cattolici hanno bisogno di una facoltà di Medicina»

05/11/2021  Il fondatore dell'Università Cattolica in un articolo di fondo spiegò che «occorrono dei medici che vedano nel malato un fratello da aiutare»

Agostino Gemelli (1879-1959).
Agostino Gemelli (1879-1959).

(Nella foto: papa Francesco davanti alla facoltà di Medicina dell'Università Cattolica di Roma con il rettore Franco Anelli)

Fondata a Milano il 7 dicembre 1921 l’Università cattolica del Sacro Cuore è uno tra i più importanti atenei cattolici d’Europa e del mondo. Ha cinque campus: Milano, Piacenza, Cremona, Brescia e Roma, dove è presente anche il Policlinico Universitario A. Gemelli Irccs. Le 12 Facoltà dell’Ateneo propongono un’offerta formativa che si articola in 105 corsi di laurea - di cui 24 in lingua inglese e 24 double degree. Il campus di Roma è sede della Facoltà di medicina e chirurgia e di tre corsi di laurea della Facoltà di economia. Immerso nel verde di Monte Mario, occupa una superficie complessiva di 83mila metri quadrati e ospita, oltre alle due facoltà, 9 dipartimenti, 23 centri di ricerca, 51 scuole di specializzazione e oltre 5mila studenti. Medicina aprì agli studenti il 5 novembre 1961. La Facoltà di Economia dell’Ateneo ha avviato dei corsi nella sede di Roma nel 2000.

L’istituzione della Facoltà di medicina e chirurgia dell’Università Cattolica del Sacro Cuore coincide con la nascita della sede di Roma. Gemelli espose le linee di fondo in un articolo intitolato: “Perché i cattolici italiani vogliono avere una facoltà di Medicina” dove specificava: «Noi Cattolici misuriamo sempre più la necessità di avere dei me­dici che nell’esercizio della loro arte vivano l’ispirazione cristiana. Occorrono cioè dei medici che, avendo un’anima educata alla osservanza delle norme dettate dal cattolicesimo, vedano nel malato un fratello da aiutare».

Il 10 luglio del 1964 il Policlinico universitario intitolato a padre Gemelli aprì ufficialmente i battenti. Furono 83 i laureati nel corso di laurea in Medicina e chirurgia nell’anno accademico 1966-1967. Da allora i laureati totali della facoltà sono stati 26.410 (di cui 10.164 nel corso di laurea in Medicina e chirurgia). La Facoltà beneficia della stretta connessione con la Fondazione Policlinico “A. Gemelli” Irccs, un ospedale universitario con oltre 1.500 posti fra ricoveri e day hospital.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo