Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
giovedì 25 aprile 2024
 
dossier
 

Quando Tommy e gli altri diventano grandi

01/04/2017  Su Sky l'1 e il 2 aprile la vita, le paure, le speranze delle famiglie di ragazzi autistici. Non più bambini e quindi sempre più soli. Un film e un viaggio avvincente con Gianluca Nicoletti e il suo Tommy.

«Un giornalista che vende parole con un figlio autistico che non parla», così si definisce Gianluca Nicoletti, autore di testi indimenticabili e avvincenti e papà di Tommy, un ragazzo autistico cui sono dedicate le sue fatica di professionista e di genitore. Dopo due libri, Una notte ho sognato che parlavi (2013) e Alla fine qualche cosa ci inventeremo (2014) ecco un film che si inizia a vedere con circospezione e timore poiché il tema è triste, disabilità, famiglie e lo spettro del "dopo di noi", ma che appena ci si accosta non ci molla più. Perché il testo che lo accompagna e le sue  parole, lucide e dirette non sono macigni, sono le uniche e sincere parole con cui è giusto parlare di Tommy e dei suoi "compagni" di autismo.

Il docu-film (in onda l'1 e il 2 aprile su Sky arte e Sky cinema) nasce da un'idea di Nicoletti, giornalista e scrittore, ed è diretto da Massimiliano Sbrolla. Non permette di esimersi da continuare con Tommy e col suo papà il viaggio nell'Italia dell'autismo degli adulti, quello che nessuno vuole più riconoscere. Come spiega Nicoletti, infatti, a 18 anni i bambini autistici "guariscono" perché non sono più bambini da curare ma adulti da nascondere o dimenticare. Sulle spalle di genitori sempre più anziani e preoccupati perché sanno che i loro figli sopravviveranno a loro, in un Paese che non è in grado di pensare a come tutelarli. Una regola che nessuno in Italia trova imbarazzante.

E così incontriamo e scopriamo le storie dei giovani e delle loro eroiche famiglie. Scopriamo un paese di mamme e papà che raccontano, anche con disincantato umorismo, della fatica, della paura, del destino che aspetta i loro figli e del senso di abbandono nello stare accanto a questi giganti, ancora bambini seppur non anagraficamente, con "manie" e caratteristiche che li rendono unici.

Grazie a questo film, tifiamo per loro e per chi non si rassegna, speriamo che idee e proposte per il "dopo di noi" possano diventare realizzabili perché i genitori smettano di avere paura e i figli possano conquistare un futuro di dignità e inclusione.

Nicoletti racconta che l'autistico può dedicare agli altri uno sguardo stralunato, senza grande trasporto... A volte sceglie qualcuno con cui tessere un filo, un legame. Nicoletti è stato scelto dal suo riccioluto Tommy e noi, dopo aver visto questo film, possiamo capire perché. 

(Il film andrà in onda in prima visione il 1° aprile alle 21:15 su Sky Arte HD e alle 23.15 su Sky Cinema Cult HD e in replica il giorno successivo alle 19.35 sugli stessi canali Sky.)

Multimedia
Damiano, tenore autistico: «Primo passo, fare il botto a Sanremo!»
Correlati
I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo