logo san paolo
martedì 05 marzo 2024
 
società
 

Quanti leader europei senza figli: vorrà dire qualcosa (di preoccupante...)

17/05/2017  Sono sempre più numerosi i leader europei senza figli. Sembra la metafora di un continente che invecchia senza bambini da crescere

Sono sempre più numerosi i leader europei senza figli, soprattutto tra i più recenti, dalla Gran Bretagna al Lussemburgo, dalla Francia all’Olanda, per non parlare dell'Italia, e il tema è diventato di pubblica opinione, non senza un certo gusto del gossip, sollevando una domanda esistenziale: come mai? Intanto conviene ricordare che le storie personali sono tutte diverse, e nessuno può permettersi di giudicarle dall’esterno, con leggerezza. Eppure, in prima battuta verrebbe anche da dire: “Bella scoperta!” Intanto perché anche queste storie sono specchio dei tempi, con crescenti presenza di famiglie intenzionalmente “childless” (senza figli), soprattutto in Europa.

Ma soprattutto, come negare che è più facile fare carriera senza carichi familiari, come negare che la presenza dei figli può rallentare carriere e ambizioni? Difficile negare che chi ha deciso di investire parte della propria vita (se non tutta) per lanciare verso il futuro una nuova generazione, nella quotidianità della cura e di un progetto di vita che deve saper durare decenni, potrà gestire con maggiore difficoltà stress, tensioni, giornate lavorative senza fine, giorno dopo giorno, rispetto a chi non ha figli. E in questo il paragone all’interno dell’universo femminile è ancora più evidente: nel confronto tra donne, ancora di più che nel confronto con gli uomini, madri e donne “childless” corrono una gara ingiusta: le prime con in braccio i figli, le altre libere di correre… (e purtroppo mariti e società fanno ben poco, per alleggerirle dal peso…).  Ma almeno altre due riflessioni si possono fare, rispetto a questa notizia/non notizia.

Il neo presidente Emmanuel Macron con la moglie  Brigitte Trogneux.
Il neo presidente Emmanuel Macron con la moglie Brigitte Trogneux.

La prima riguarda l’evidenza che nel mettere al mondo un figlio, e nell’esserne responsabile fino alla sua vita adulta e autonoma, ogni uomo e ogni donna sono generatori di bene comune, e contribuiscono al futuro del proprio Paese, e anche dell’Europa stessa, nel caso dei nostri Paesi, in modo decisivo, ponendosi così al servizio non solo e non tanto dei propri personali desideri di maternità e paternità, ma di fatto dando un nuovo inizio ad un intero popolo, attraverso la costruzione di un rinnovato capitale sociale. Perché sono le persone la risorsa più preziosa di un popolo. Così, si serve il bene comune facendo bene il Primo Ministro o il Presidente della Repubblica, ma lo si serve altrettanto bene assumendosi la quotidiana e spesso oscura e responsabilità  dell’accogliere e custodire una nuova vita.. 

La seconda riflessione riguarda proprio la nostra vecchia Europa, perché questa progressiva scomparsa dei bambini anche dalle famiglie di chi comanda – e di chi ha la primaria responsabilità del bene comune – sembra una metafora del destino dei bambini in un continente che invecchia sempre di più. Gli adulti d’Europa non hanno più il coraggio di investire il proprio presente per generare il futuro nei propri figli e per i propri popoli; ma un’Europa così, come potrà rigenerarsi? E come faranno, questi leader, a percepire, anche esistenzialmente, che senza bambini non c’è futuro?

Forse ai nostri governanti senza figli farebbe davvero bene, qualche cena a casa di qualche famiglia numerosa!

                                                                                                                        (*direttore Cisf)

 

I vostri commenti
10

Stai visualizzando  dei 10 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo